8.9 C
New York
venerdì, Luglio 19, 2024

8 marzo: Chiara Tilesi di WDIT, “col cinema cambiamo il mondo”

NEW YORK/LOS ANGELES, 8 MARZO – Un piccolo film indipendente, prodotto dalla non profit di un’italiana che crede nel potere delle immagini di cambiare la societa’, approda agli Oscar: Chiara Tilesi di We Do It Together (WDIT) racconta a OnuItalia la genesi di questa enorme impresa che domenica vedra’ Diane Warren salire da candidata sul palcoscenico degli Academy Awards con la canzone “Applause”.

E’ una storia che cammina pari passo con la vicinanza che Tilesi, arrivata a Los Angeles quando aveva 18 anni per studiare all’universita’, ha avuto negli anni con le Nazioni Unite, a partire da quando nel 2005 ha prodotto “All Invisible Children” per l’UNICEF e il World Food Program: “Un film corale firmato da grandi del cinema come Ridley Scott, John Woo, Emir Kusturica e Spike Lee e uscito in 120 Paesi”, spiega. La scorsa settimana, intanto, il suo “Tell It Like a Woman”, prodotto in collaborazione con Iervolino Lady Bacardy Entertainment, e che si chiude con “Applause” interpretata da Sofia Carson, e’ stato proiettato a sala piena nell’Aula dell’Assemblea Generale.

We Do It Together, che quest’anno aprira’ sedi in Italia, Brasile, India e in Africa “per dare voci a donne che non ce l’hanno”, e’ nata nel 2015 per una serie di coincidenze: “Attrici e registe, alcune anche famose, venivano a dirmi che non riuscivano a lavorare. Non me ne ero resa conto prima, ma ho scoperto allora una disparita’ di genere enorme nei media, sia davanti che dietro la macchina da presa”, ha detto Tilesi a OnuItalia: “Non era solo una questione di quantita’, ma anche di come le donne venivano rappresentate: per lo piu’ come oggetto di interesse amoroso, altrimenti come madri”.
Fu così che Chiara decise di aprire una casa di produzione non profit: un movimento in cui uomini e donne sono uniti. Il progetto fu presentato nel marzo 2016 nell’aula dell’Ecosoc in coincidenza con il mese delle donne. “Mi considero una ‘social impact filmaker’ perche’ includo i valori dentro ogni cosa che produco. Attraverso la ripetizione di immagini e concetti creiamo i valori della societa’, il famoso Dna culturale”, e’ il mantra che guida i progetti di We Do It Together.

Comunque vadano le cose, arrivare a domenica, quando ad esempio nel pool delle candidature agli Oscar non c’e’ neppure una donna regista,  e’ stata gia’ una vittoria, con la Warren, alla sua 14esima nomination, che si prepara a salire sul palco del Dolby Theater. La leggendaria compositrice, “songwriter per eccellenza”, e’ a bordo fin dall’inizio con la voglia di scrivere una canzone che facesse da collante ai sette corti di un film girato da registe donne – tra queste Catherine Hardwicke e Maria Sole Tognazzi – con interpreti donne come Jennifer Hudson e Margherita Buy, ma destinato a un pubblico senza distinzione di genere: “Con Diane eravamo d’accordo di fare una canzone di empowerment perche’ il film e’ su donne che incontrano difficoltà, ma poi le superano, uscendo dal ruolo di vittima. Dopo un mese lei mi chiamo’ per farmi sentire ‘Applause’. Capii allora che aveva scritto un inno alle donne”.

Girare “Tell It Like a Woman”  è stato difficilissimo: prima per trovare i finanziamenti, poi per gli ostacoli posti dal Covid. Superate le tappe dell”Assemblea Generale, “davanti a un pubblico che puo’ fare la differenza”, e degli Oscar, il film si prepara ora a camminare per le strade del mondo: dopo l’uscita sulle piattaforme on demand, dal 9 maggio si potra’ vedere anche in Italia con una presentazione speciale a Firenze e sempre quest’anno sono previsti i debutti in Brasile, India e Arabia Saudita.  (@alebal)
Alessandra Baldini
Alessandra Baldinihttps://onuitalia.com
Alessandra Baldini e’ stata la prima donna giornalista parlamentare per l’Ansa, poi corrispondente a Washington e responsabile degli uffici Ansa di New York e Londra. Dirige OnuItalia.

Articoli Correlati

Rimani Connesso

4,527FansMi piace
7,156FollowerSegui

Ultimi Articoli