8.9 C
New York
mercoledì, Luglio 24, 2024

WMO: nonostante La Nina, il 2021 è stato uno dei sette anni più caldi di sempre

GINEVRA, 25 GENNAIO – Sebbene le temperature medie globali siano state temporaneamente raffreddate da La Niña 2020-2022, il 2021 è stato ancora uno dei sette anni più caldi mai registrati, secondo sei importanti raccolte di dati internazionali consolidati dall’Organizzazione meteorologica mondiale (WMO). Si prevede che il riscaldamento globale e altre tendenze a lungo termine del cambiamento climatico continueranno a causa dei livelli record di gas serra che intrappolano il calore nell’atmosfera.
La temperatura media globale nel 2021 è stata di circa 1,11 (± 0,13) ° C al di sopra dei livelli preindustriali (1850-1900) e il 2021 è il settimo anno consecutivo (2015-2021) in cui la temperatura globale è stata superiore a 1° C rispetto ai livelli preindustriali, secondo tutti i dati di WMO. Gli stessi dati sono utilizzati nei suoi rapporti annuali sullo stato del clima che informano la comunità internazionale sugli indicatori climatici globali.
Le classifiche dei singoli anni dovrebbero essere considerate nel contesto a lungo termine, soprattutto perché le differenze tra i singoli anni sono talvolta marginali. Dal 1980, ogni decennio è stato più caldo del precedente  questa tendenza dovrebbe continuare. Un evento El Niño eccezionalmente forte si è verificato nel 2016, che ha contribuito a registrare il riscaldamento medio globale.“Gli eventi consecutivi di La Niña significano che il riscaldamento del 2021 è stato relativamente meno pronunciato rispetto agli ultimi anni. Anche così, il 2021 è stato ancora più caldo degli anni precedenti influenzati da La Niña. Il riscaldamento complessivo a lungo termine in seguito all’aumento dei gas serra è ora molto più grande della variabilità da un anno all’altro delle temperature medie globali causata da fattori climatici naturali” ha affermato il segretario generale dell’Organizzazione meteorologica dell’Onu, Petteri Taalas.
”L’anno 2021 sarà ricordato per una temperatura da record di quasi 50 ° C in Canada, paragonabile ai valori riportati nel caldo deserto sahariano dell’Algeria, piogge eccezionali e inondazioni in Asia e in Europa, nonché siccità in alcune parti dell’Africa e del Sud America. Gli impatti dei cambiamenti climatici e i rischi legati alle condizioni meteorologiche hanno avuto impatti devastanti, che cambiano la vita sulle comunità di ogni singolo continente”, ha aggiunto Taalas.
La temperatura è solo uno degli indicatori del cambiamento climatico. Altri includono concentrazioni di gas serra, contenuto di calore oceanico, pH oceanico, livello medio globale del mare, massa glaciale ed estensione del ghiaccio marino.
I dati sulla temperatura saranno incorporati nel rapporto finale WMO sullo stato del clima nel 2021 che sarà pubblicato nell’aprile 2022 che includerà informazioni su tutti i principali indicatori climatici e impatti climatici selezionati e aggiornerà un rapporto provvisorio pubblicato nell’ottobre 2021 in occasione della COP26.
L’accordo di Parigi cerca di mantenere l’aumento della temperatura media globale ben al di sotto dei 2° C rispetto ai livelli preindustriali, perseguendo al contempo gli sforzi per limitare l’aumento della temperatura a 1,5 ° C rispetto ai livelli preindustriali. A 1,11 °C sopra i livelli preindustriali (1850-1900), la temperatura media globale nel 2021 si sta già avvicinando al limite inferiore di aumento della temperatura che l’accordo di Parigi cerca di evitare.
La Niña si riferisce al raffreddamento su larga scala delle temperature superficiali oceaniche nell’Oceano Pacifico equatoriale centrale e orientale, insieme ai cambiamenti nella circolazione atmosferica tropicale. Di solito ha gli impatti opposti sul tempo e sul clima di El Niño che invece indica riscaldamento.

OnuItalia
OnuItaliahttps://onuitalia.com
Il giornale Italiano delle Nazioni Unite. Ha due redazioni, una a New York, l’altra a Roma.

Articoli Correlati

Rimani Connesso

4,527FansMi piace
7,156FollowerSegui

Ultimi Articoli