8.9 C
New York
domenica, Maggio 26, 2024

Clima: da Milano a Glasgow, giovani marocchini impegnati nella lotta per l’ambiente

ROMA, 25 GENNAIO – Un nuovo modo di riciclare grandi quantità di fondi di caffè; una piattaforma che collega giovani attivisti africani per il clima; tecnologia per produrre elettricità dalle onde dell’oceano o riciclare la plastica; un nuovo metodo di costruzione ad alta efficienza energetica; un’innovativa app di carpooling: dietro tutte queste iniziative, ci sono i giovani presenti in “From Milan to Glasgow: Moroccan Youth Leaders in the Spotlight”, una nuova campagna lanciata dal team delle Nazioni Unite in Marocco per consentire ai giovani di intraprendere azioni per il clima e ridurre le emissioni nocive di carbonio che stanno pericolosamente riscaldando il pianeta.
Per la coordinatrice  dell’Onu in Marocco, Sylvia Lopez-Ekra, la nuova campagna è una “scommessa sull’importanza di collaborare con i giovani marocchini investiti nelle questioni climatiche”.
RiIBALTARE L’EQUILIBRIO

Oussama Nour, Presidente, e Mohamed Taha El Ouaryachi, Direttore Generale di WAVEBEA in Marocco

Uno degli attivisti presenti è Manal Bidar, un 18enne della città di Agadir, secondo cui ”sono i giovani che possono far pendere l’ago della bilancia dalla parte giusta nella lotta contro il cambiamento climatico”. Manal è stata coinvolta per la prima volta nell’azione per il clima e l’ambiente a 13 anni, quando si è unita a un gruppo di amici di un club locale, per pulire una spiaggia. Ora è ambasciatrice dell’African Youth Climate Hub, una piattaforma che riunisce attivisti del continente e funge da consulente del Global Center on Adaptation (GCA), un’organizzazione internazionale senza scopo di lucro dedicata a promuovere la resilienza climatica in tutto il mondo.
Come Bidar, Hasnae Bakhchouch, studentessa di 22 anni di Rabat, sta agendo per affrontare l’impatto dei cambiamenti climatici. “Con i suoi effetti negativi sulla biodiversità e sulla salute degli esseri viventi, il cambiamento climatico mette a repentaglio le società e può causare conflitti per l’accesso alle risorse naturali“, afferma. Bakhchouch è stata coordinatrice nazionale della delegazione giovanile marocchina alla Conferenza dei giovani delle Nazioni Unite sul clima, tenutasi nel settembre 2021 a Milano. L’obiettivo era quello di redigere raccomandazioni per la 26a conferenza delle Nazioni Unite sui cambiamenti climatici (COP26),che si è tenuta a Glasgow, in Scozia, un paio di mesi dopo. La Conferenza si è conclusa con un accordo di “compromesso”, che il Segretario Generale delle Nazioni Unite, Antonio Guterres, ha definito semplicemente “non abbastanza”. All’epoca, il capo delle Nazioni Unite incoraggiò i giovani e tutti coloro che guidavano la carica, a continuare a combattere.
“Siamo nella lotta della nostra vita, e questa lotta deve essere vinta”, ha detto.
DAL CAFFE’ AI MATTONI
Un giorno, mentre si godeva una tazza di caffè, Hamza Laalej, uno studente marocchino di 23 anni di Meknes, si è chiesto se ci fosse un modo per riciclare la grande quantità di fondi di caffè che finiscono nella spazzatura ogni giorno. Mesi dopo, Laalej è riuscito a trasformare la sua idea in un business verde praticabile, dove uno dei prodotti principali è un mattone ecologico realizzato con un mix di fondi di caffè e argilla.
“Ispirata alla tradizione artigianale marocchina, la produzione di questi mattoni si basa su minor riscaldamento, contribuendo così a ridurre le emissioni di gas serra”, spiega.
Da allora, ha collaborato con il 23enne marocchino Nour El Houda Ben Khoudja per lanciare un’azienda specializzata nella raccolta, selezione e trasformazione di fondi di caffè in materiali da costruzione e prodotti decorativi.

Hasnae Bakhouch

“Non devi aspettare il momento perfetto per iniziare. Sono gli ostacoli che si incontrano lungo il percorso che rendono la creazione di imprese un’avventura stimolante e fruttuosa”, afferma.
IMPRENDITORI VERDI
Una tavola rotonda organizzata lo scorso novembre, durante il lancio di questa campagna ONU, ha visto altri giovani presentare i loro progetti di start-up green.
Oussama Nour e Mohamed Taha El Ouaryachi, ad esempio, hanno introdotto WAVEBEAT, una società che mira a produrre elettricità dalle onde dell’oceano. L’obiettivo è quello di fornire alle aziende che operano nel porto marocchino di Tangeri Med, un’alternativa rinnovabile per soddisfare il loro fabbisogno energetico.
Younes Ouazri ha presentato un metodo di costruzione ecologico ed efficiente dal punto di vista energetico per costruire case, comprese residenze stagionali e località turistiche, utilizzando materiali di provenienza locale.
Hicham Zouaoui e Otman Harrak hanno parlato della loro app di carpooling, che attualmente consente a circa 400.000 marocchini di viaggiare in tutto il Regno, contribuendo a risparmiare sui costi di trasporto e riducendo le emissioni di CO2.
Da parte sua, Seifeddin Laalej dirige una start-up specializzata nel riciclaggio dei rifiuti di plastica per la produzione di materiali da costruzione, che vende in tutto il paese. “È importante che i giovani credano nel loro potenziale e lancino i propri progetti in base alle loro competenze e reti professionali”, ha affermato.
Secondo il coordinatore locale delle Nazioni Unite,”grazie alla sua politica climatica negli ultimi anni, il Marocco è diventato un leader chiave nelle iniziative per l’azione per il clima”.
Attraverso un ambizioso programma di riduzione delle emissioni di gas serra e strategie per la conservazione delle risorse naturali, il Marocco intende ridurre le sue emissioni di gas serra del 45,5% entro il 2030 e raggiungere una quota del 52% di energia rinnovabile nel suo mix energetico nello stesso anno. Il paese è attualmente una delle poche nazioni con un contributo determinato a livello nazionale in linea con l’obiettivo globale di 1,5 ° C.

OnuItalia
OnuItaliahttps://onuitalia.com
Il giornale Italiano delle Nazioni Unite. Ha due redazioni, una a New York, l’altra a Roma.

Articoli Correlati

Rimani Connesso

4,527FansMi piace
7,156FollowerSegui

Ultimi Articoli