8.9 C
New York
sabato, Luglio 13, 2024

COP28: FAO lancia una tabella di marcia globale per sradicare la fame entro i limiti di 1,5°C

ROMA/DUBAI, 11 DICEMBRE – La FAO ha avviato il processo per lo sviluppo di una roadmap globale innovativa volta a eliminare la fame e tutte le forme di malnutrizione senza superare la soglia di 1,5°C fissata dall’Accordo di Parigi. Presentata alla Conferenza delle Nazioni Unite sul clima COP28, la Global Roadmap per raggiungere l’obiettivo di sviluppo sostenibile 2 (SDG2) senza superare la soglia di 1,5°C delinea una strategia globale per i prossimi tre anni che comprende un portafoglio diversificato di soluzioni in dieci distinti domini di azione.
Sullo sfondo di una previsione di 600 milioni di persone che soffriranno di fame cronica entro il 2030 e di un’escalation della crisi climatica globale, la tabella di marcia chiede un cambiamento trasformativo dei sistemi agroalimentari. Sfida la narrazione prevalente secondo cui l’aumento della produzione è sinonimo di maggiori emissioni e degrado ambientale. Al contrario, sottolinea l’opportunità all’interno dei sistemi agroalimentari di migliorare l’efficienza produttiva allineandosi con obiettivi di mitigazione dei cambiamenti climatici, adattamento e resilienza.
La tabella di marcia identifica 120 azioni e tappe chiave all’interno di dieci settori, supportate da prove raccolte dalla FAO nel corso di diversi anni. Questi settori includono l’energia pulita, le colture, la pesca e l’acquacoltura, la perdita e lo spreco di cibo, le foreste e le zone umide, le diete sane, il bestiame, il suolo e l’acqua, i dati e le politiche inclusive, gli ultimi due identificati come fattori abilitanti sistemici complessivi.
Sul fronte delle emissioni, mira a ridurre le emissioni di metano dei sistemi agroalimentari del 25% entro il 2030 rispetto al 2020, raggiungere la neutralità carbonica entro il 2035 e trasformarle in un pozzo di carbonio entro il 2050, catturando 1,5 gigatonnellate di emissioni di gas serra all’anno.
Per quanto riguarda l’alimentazione e la nutrizione, stabilisce un percorso per eliminare la denutrizione cronica entro il 2030 e garantire l’accesso a diete sane per tutti entro il 2050. Ulteriori traguardi includono dimezzare lo spreco alimentare globale pro capite entro il 2030 e aggiornare le linee guida dietetiche basate sugli alimenti (FBSG) da parte dei paesi per fornire raccomandazioni quantitative adeguate al contesto.
“La Roadmap Globale della FAO per l’SDG2 e l’1,5°C sottolinea l’importanza dei finanziamenti per il clima per la trasformazione dei sistemi agroalimentari al fine di ottenere cibo buono per tutti, oggi e domani”, ha dichiarato il Direttore Generale della FAO QU Dongyu.
Evidenziando una transizione giusta al suo interno, la tabella di marcia prevede la trasformazione dei sistemi agroalimentari da emettitore netto a pozzo di assorbimento del carbonio. Richiede metodi di produzione alternativi, modelli di consumo adeguati, una gestione forestale perfezionata e tecnologie innovative come la cattura del carbonio.
Sostenendo l’ottimizzazione delle risorse globali al di là della produzione agricola, il piano suggerisce di riequilibrare i modelli di consumo e promuovere diete sane per tutti.
Il processo, lanciato come un pacchetto concreto di soluzioni, sarà sottoposto a un’ampia messa a punto ed elaborazione nel corso dei prossimi tre anni. La COP29 approfondirà l’adattamento regionale e le opzioni finanziarie, mentre la COP30 delineerà pacchetti concreti di investimenti e politiche a livello nazionale.

OnuItalia
OnuItaliahttps://onuitalia.com
Il giornale Italiano delle Nazioni Unite. Ha due redazioni, una a New York, l’altra a Roma.

Articoli Correlati

Rimani Connesso

4,527FansMi piace
7,156FollowerSegui

Ultimi Articoli