8.9 C
New York
venerdì, Maggio 24, 2024

AIEA: 200 giovani scrittori partecipano al concorso ‘Atom for peace and development’, sull’uso pacifico del nucleare

VIENNA, 11 DICEMBRE – Circa 200 giovani scrittori provenienti da tutto il mondo hanno presentato saggi e discorsi per il concorso di saggi Atoms for Peace and Development dell’AIEA. Il concorso è stato lanciato per commemorare il 70° anniversario del discorso “Atomi per la pace” pronunciato dall’8 dicembre 1953 all’Assemblea generale delle Nazioni Unite a New York. Fu questo discorso che gettò le basi per l’istituzione dell’AIEA nel 1957.
La vincitrice è la ventenne Nela Gawrychowska, che si è ispirata alle parole di Eisenhower e del due volte premio Nobel Marie Skłodowska-Curie per delineare il suo pensiero sull‘energia da fusione, scrivendo che potrebbe diventare “un potenziale catalizzatore per un futuro sostenibile, prospero e inclusivo”. Una menzione d’onore è andata al ventenne Mahek Arora, che ha scritto del ruolo della scienza e della tecnologia nucleare e del suo potenziale per “promuovere la pace, la prosperità e la cooperazione su scala globale”.
Gli scrittori che hanno deciso di partecipare al concorso, aperto a chiunque abbia un’età compresa tra i 18 e i 24 anni, sono stati incoraggiati a prendere ispirazione dalla visione di Eisenhower e a proporre i modi in cui l’AIEA e la comunità internazionale potrebbero affrontare le più grandi sfide di oggi all’interno della missione di “Atomi per la pace e lo sviluppo”.
I saggi presentati sono stati ispirati da numerosi aspetti del lavoro dell’AIEA, dalle salvaguardie al sostegno dell’energia nucleare a basse emissioni di carbonio. I saggi più originali hanno anche individuato i modi in cui gli usi pacifici della scienza e della tecnologia nucleare potrebbero svolgere un ruolo ancora più importante nella promozione della pace, della mitigazione e dell’adattamento ai cambiamenti climatici, della salute e della sicurezza alimentare ed energetica.
“Questo concorso ha dato ai giovani di tutto il mondo la possibilità di usare la loro voce e a noi di ascoltare ciò che è importante per loro”, ha dichiarato il direttore generale dell’AIEA Rafael Mariano Grossi. “Molti degli autori hanno scelto temi che vanno dritti al cuore del lavoro dell’AIEA; materie come l’energia nucleare e la radioterapia“, ha detto il direttore generale. “Leggere i saggi e i discorsi dei finalisti mi ha dato una nuova visione di come vedono l’AIEA e di ciò che sperano e si aspettano da noi in futuro”, ha detto.

OnuItalia
OnuItaliahttps://onuitalia.com
Il giornale Italiano delle Nazioni Unite. Ha due redazioni, una a New York, l’altra a Roma.

Articoli Correlati

Rimani Connesso

4,527FansMi piace
7,156FollowerSegui

Ultimi Articoli