8.9 C
New York
mercoledì, Luglio 24, 2024

Giornata del suolo: AIEA e FAO insieme contro la salinizzazione e per aumento produzione

VIENNA, 6 DICEMBRE – Il tema della Giornata mondiale del suolo di quest’anno, che si è celebrata ieri,  “Arrestare la salinizzazione del suolo, aumentare la produttività del suolo”, aumenta la consapevolezza sul fragile strato superiore di terra da cui tutti dipendiamo per il nostro cibo. A causa di cattive pratiche agricole, cambiamenti climatici, intrusioni di acqua di mare, cambiamenti nell’uso del suolo e infiltrazioni d’acqua dalle dighe, si sta perdendo questa preziosa risorsa naturale a un ritmo allarmante. Le tecniche isotopiche sono utilizzate in molti paesi per studiare l’estensione e le cause del degrado del suolo, dotando i decisori dei dati giusti per proteggerlo. L‘AIEA, in collaborazione con la FAO, sta lavorando con i paesi che perdono terra a seconda della salinità per sviluppare pratiche agricole intelligenti dal clima per mitigare la salinità del suolo e preservare i terreni agricoli. Il Centro congiunto FAO/AIEA di tecniche nucleari per l’alimentazione e l’agricoltura ha lavorato a stretto contatto con le istituzioni di 60 paesi per trovare soluzioni sostenibili per combattere la salinizzazione del suolo.

I DATI
A livello globale, 932 milioni di ettari di terreni agricoli – quasi un quinto del totale mondiale – sono colpiti dalla salinità del suolo, di cui 62 milioni di ettari di terreno sono irrigati. Circa 2.000 ettari al giorno di terra irrigata in aree aride e semi-aride in 75 paesi sono stati degradati dalla salinizzazione negli ultimi 20 anni. Tuttavia, la salinità non è limitata solo alle regioni aride e semi-aride. Può verificarsi in qualsiasi paesaggio, in qualsiasi condizione climatica. Le regioni più vulnerabili includono bacini del Mar d’Aral in Asia centrale, l’Indo-Gange in India, l’Indo in Pakistan, il Fiume Giallo in Cina, l’Eufrate in Siria e Iraq, il Murray-Darling in Australia e la San Joaquin Valley negli Stati Uniti.
Per evitare carenze alimentari e soddisfare la crescente domanda di una popolazione globale in crescita, stimata in quasi dieci miliardi entro il 2050, la produzione agricola deve aumentare del 60% a livello globale e del 100% in alcuni paesi in via di sviluppo, secondo la FAO.
Il Centro AIEA-FAO aiuta a costruire capacità in una vasta gamma di tecniche isotopiche per aumentare l’efficienza dei nutrienti e dell’uso dell’acqua di fronte alla crescente salinità del suolo. Sessanta ricercatori provenienti da dieci paesi sono stati formati tra il 2014-2019 nella gestione del suolo, dei nutrienti e dell’acqua per combattere la salinità del suolo. È stato pubblicato un volume contenente protocolli per la valutazione della salinità, che spiega il ruolo delle tecniche isotopiche e di altre tecniche nucleari per sviluppare misure di mitigazione e adattamento per l’uso sostenibile di suoli salini, compresi i terreni ad alto contenuto di sodio. Applicando alcune delle migliori pratiche descritte nel libro, gli esperti di diversi paesi hanno coltivato con successo colture con rese significative in condizioni saline. Questi includono miglio in Libano, orzo e cartamo in Giordania e Kuwait, okra in Siria e quinoa negli Emirati Arabi Uniti.
Utilizzando l’acqua di irrigazione salina, questi agricoltori stanno coltivando con successo orzo con una resa in grano di 2,5 tonnellate per ettaro – più del doppio di quello che erano in grado di ottenere in precedenza in condizioni di pioggia.
Esperti dei paesi partecipanti si scambiano dati, informazioni tecniche, pratiche agronomiche e sementi per colture tolleranti al sale per sostenersi a vicenda.

OnuItalia
OnuItaliahttps://onuitalia.com
Il giornale Italiano delle Nazioni Unite. Ha due redazioni, una a New York, l’altra a Roma.

Articoli Correlati

Rimani Connesso

4,527FansMi piace
7,156FollowerSegui

Ultimi Articoli