8.9 C
New York
mercoledì, Luglio 24, 2024

COP27: Clima, AIEA e FAO inviano semi alla Stazione Spaziale Internazionale

ROMA/VIENNA, 8 NOVEMBRE – L’Agenzia Internazionale per l’Energia Atomica e la FAO hanno ‘affidato’ allo spazio alcune sementi nel tentativo di intensificare gli sforzi congiunti per sviluppare nuove colture in grado di adattarsi alle devastazioni dei cambiamenti climatici che stanno colpendo la Terra.

I semi dei laboratori di agricoltura e biotecnologia dell’AIEA e della FAO ono in viaggio verso la Stazione Spaziale Internazionale proprio mentre i leader si incontrano alla Conferenza delle Nazioni Unite sui cambiamenti climatici COP 27 in corso a Sharm El Sheikh per discutere delle pressanti sfide ambientali, compreso l’impatto significativo della crisi climatica sui sistemi di produzione agroalimentare mondiale.

“La scienza nucleare ancora una volta ci sta mostrando la sua straordinaria capacità di affrontare il cambiamento climatico”, ha detto il direttore generale dell’AIEA Rafael Mariano Grossi. “Sono fiducioso che questo esperimento porterà a scoperte: risultati che condividiamo liberamente con gli scienziati e nuove colture che aiutano gli agricoltori ad adattarsi ai cambiamenti climatici e ad aumentare le forniture alimentari”.

Secondo il Direttore Generale della FAO, QU Dongyu, ”i milioni di piccoli agricoltori nel mondo hanno urgente bisogno di sementi resilienti e di alta qualità adatte a condizioni di crescita sempre più difficili. La scienza innovativa come l’allevamento spaziale di varietà di colture migliorate può contribuire a spianare la strada a un futuro più luminoso di una migliore produzione, una migliore nutrizione, un ambiente migliore e una vita migliore”.

Semi di Arabidopsis, una pianta comunemente usata negli esperimenti genetici grazie alle sue caratteristiche uniche, e Sorgo, un grano ricco di sostanze nutritive utilizzato per l’alimentazione umana, l’alimentazione animale e l’etanolo, saranno esposti all’interno e all’esterno della Stazione Spaziale Internazionale per circa tre mesi alle condizioni prevalenti nello spazio, principalmente la microgravità, una complessa miscela di radiazione cosmica e temperature estremamente basse.

l’Arabidopsis

Al loro ritorno, gli scienziati del Centro congiunto FAO/AIEA per le tecniche nucleari nell’alimentazione e nell’agricoltura li coltiveranno e li esamineranno per individuare elementi utili per comprendere meglio le mutazioni indotte dallo spazio nei semi delle piante – una tecnica nota come mutagenesi spaziale – e identificare nuove varietà in grado di adattarsi alle mutevoli condizioni terrestri associate ai cambiamenti climatici.

Secondo il rapporto speciale dell’organismo dell’Onu IPCC sui cambiamenti climatici e la terra, la stabilità dell’approvvigionamento alimentare mondiale diminuirà in futuro, colpendo gravemente le persone più vulnerabili. L’esperimento in corso si basa su quasi 60 anni di esperienza del Centro congiunto FAO/AIEA nell’indurre mutazioni nelle piante e quindi accelerare la loro riproduzione con l’aiuto delle radiazioni per sviluppare nuove varietà di colture agricole. Finora, più di 3.400 varietà mutanti di oltre 210 specie di piante che sono state sviluppate utilizzando la variazione genetica indotta e la selezione per mutazione – tra cui numerose colture alimentari, ornamentali e alberi – sono state ufficialmente rilasciate per uso commerciale in 70 paesi.

E’ la prima volta che l’AIEA e la FAO conducono analisi genomiche e biologiche di semi esposti alla mutagenesi spaziale. Sulla Stazione Spaziale Internazionale, i semi saranno esposti a condizioni uniche che non possono essere riprodotte in laboratorio. sulla Terra. Uno degli obiettivi dell’esperimento è anche quello di confrontare tali semi con quelli esposti alle radiazioni in condizioni di laboratorio per studiare il DNA e gli effetti della crescita. Questo progetto farà parte del portafoglio di progetti sul cambiamento climatico dell’AIEA e della FAO volti ad aiutare i paesi ad adattarsi alle nuove realtà climatiche, tra cui la carenza di cibo e acqua e le perdite di

Rafael Grossi

biodiversità, attraverso la scienza e la tecnologia nucleare. Alla COP27, l’AIEA e la FAO organizzeranno un evento il 15 novembre per evidenziare come la pianificazione e la gestione congiunte delle risorse energetiche, alimentari e idriche possano contribuire allo sviluppo resiliente al clima.

La scorsa settimana infine le due organizzazioni hanno anche concordato di intensificare le loro collaborazioni nel settore alimentare e agricolo utilizzando la scienza e la tecnologia nucleare. I direttori generali Grossi e Qu hanno firmato un memorandum d’intesa il 31 ottobre per aumentare la ricerca e lo sviluppo innovativi per aiutare i paesi a raggiungere gli obiettivi di sviluppo sostenibile delle Nazioni Unite. I nuovi lavori previsti comprendono altri settori chiave quali l’oceano, l’ambiente, le risorse idriche e nutrizione.

OnuItalia
OnuItaliahttps://onuitalia.com
Il giornale Italiano delle Nazioni Unite. Ha due redazioni, una a New York, l’altra a Roma.

Articoli Correlati

Rimani Connesso

4,527FansMi piace
7,156FollowerSegui

Ultimi Articoli