8.9 C
New York
martedì, Luglio 23, 2024

FAO: conferenza MO e Nord Africa, le priorità regionali nella dichiarazione congiunta

BAGHDAD/ROMA, 9 FEBBRAIO – I ministri dell’Agricoltura e i delegati della regione di Medio Oriente e del Nord Africa si sono impegnati a lavorare per la trasformazione dei sistemi agroalimentari, promuovere lo sviluppo rurale inclusivo e sostenere il passaggio a un’agricoltura sostenibile e sensibile al clima. Tali impegni costituiscono il nucleo della dichiarazione ministeriale concordata alla chiusura della 36esima sessione della Conferenza Regionale per il Medio Oriente e il Nord Africa della FAO (NERC36).

Funzionari governativi, accademici e rappresentanti del settore privato e della società civile hanno partecipato all’incontro, ospitato dall’Iraq in modalità ibrida, che ha incluso una serie di presentazioni da parte di alti funzionari della FAO. I ministri hanno espresso il loro sostegno al quadro strategico della FAO 2022-2031 e hanno formalmente approvato le quattro priorità regionali nell’ambito del programma di lavoro della FAO per la regione, che si concentrano sulla creazione di catene del valore inclusive e opportunità di occupazione per i giovani rurali, promuovendo la sicurezza alimentare e diete sane per tutti attraverso il commercio, la sicurezza alimentare e gli sforzi per ridurre le perdite e gli sprechi alimentari, rendere più verdi le pratiche agricole per garantire la sostenibilità ambientale e costruire la resilienza a molteplici shock e stress.agricoltura in africa

Il Medio Oriente e il Nord Africa (NENA) ospitano 419 milioni di persone, il 40% delle quali vive in aree rurali e uno su cinque lavora in agricoltura. Sebbene enormemente varia, la regione condivide le sfide della grave scarsità di terra e acqua. NENA è anche sede di crescenti livelli di insicurezza alimentare e di una crescente incidenza di povertà estrema e allarmanti problemi di sovrappeso e obesità, specialmente tra bambini e donne.

Conflitti, disordini sociali, enorme dipendenza dal cibo importato, crisi finanziarie ed economiche e molteplici scontri e shock sovrapposti riflettono la vulnerabilità della regione, hanno detto i ministri. La Conferenza Regionale, un meccanismo di governance sempre più potente per la FAO – che si tiene ogni due anni – ha offerto ai membri l’opportunità di rivedere il lavoro dell’Organizzazione nella regione e, nelle parole di Muhammad Karim Al-Khafaji, Ministro dell’Agricoltura iracheno e Presidente del NERC36, di assumersi la piena responsabilità dei risultati che le loro azioni congiunte forniscono.piccoli produttori

“I sistemi agroalimentari dovrebbero e devono guidare il ringiovanimento di successo della vostra regione”, ha detto il Direttore Generale della FAO QU Dongyu nelle osservazioni conclusive ai partecipanti. Si è congratulato con i delegati per aver raggiunto un consenso sulla dichiarazione ministeriale e ha sottolineato che i ministri dell’Agricoltura e degli Affari rurali devono svolgere un ruolo centrale in termini di impegni politici e piani d’azione per consentire ad altri partner chiave di aiutarli ad andare avanti. “Dobbiamo aiutare gli agricoltori, con politiche abilitanti, investimenti, innovazione e tecnologia dell’informazione”, ha aggiunto.

I PROGETTI

La conferenza regionale ha incluso una serie di tavole rotonde ministeriali sulla sicurezza alimentare e diete sane, sulla costruzione di comunità rurali resilienti per una migliore produzione, una migliore nutrizione, un ambiente migliore e una vita migliore per tutti senza lasciare indietro nessuno, e la ripresa verde e l’azione per il clima. La FAO ha anche organizzato un evento collaterale su acqua, energia e cibo per galvanizzare i preparativi per la COP27 della Convenzione quadro delle Nazioni Unite sui cambiamenti climatici e 28 vertici, che si terranno entrami nella regione.

I partecipanti hanno anche valutato l’efficacia del lavoro recente e in corso della FAO nella regione. Ciò include il coinvolgimento di tre paesi NENA – Sudan, Siria e Yemen – nell’iniziativa Hand-in-Hand, che mira a far incontrare investimenti e competenze con le popolazioni più povere. Un altro membro, gli Emirati Arabi Uniti, ha preso provvedimenti per mobilitare il sostegno ai paesi partecipanti al di fuori della regione. Le iniziative FAO sui 1000 villaggi digitali, che cercano di sfruttare l’e-commerce e altre opportunità di Internet a beneficio dei piccoli agricoltori rurali, sono state lanciate in sette paesi NENA: Algeria, Egitto, Giordania, Libia, Mauritania, Marocco e Tunisia.

L’iniziativa globale della FAO One Country One Priority Product, lanciata nel settembre 2021, ha un enorme potenziale per una regione con alcune delle più antiche tradizioni agricole del mondo, come ha sottolineato il Direttore Generale della FAO nel suo discorso di apertura. Presto la FAO pubblicherà anche un’edizione regionale dello Stato della Terra e dell’Acqua, un prodotto di punta progettato per offrire ai responsabili delle decisioni informazioni aggiornate sullo stato e le tendenze della gestione delle risorse naturali nella regione, nonché opzioni di risposta.

locuste
Una locusta del deserto

La FAO sta anche aiutando i membri della regione NENA a combattere una serie di parassiti e malattie transfrontaliere di animali e piante come la locusta del deserto, il verme dell’esercito autunnale, la Xylella fastidiosa, il punteruolo rosso delle palme, la peste dei piccoli ruminanti e la febbre della Rift Valley, tra gli altri, che hanno richiesto azioni ad alta intensità di risorse in tutta la regione.

I membri del NERC sono: Afghanistan, Algeria, Azerbaigian, Bahrain, Cipro, Gibuti, Egitto, Iran, Iraq, Giordania, Kuwait Kirghizistan, Libano, Libia, Malta, Mauritania, Marocco, Oman, Pakistan, Qatar, Arabia Saudita, Somalia, Sudan, Repubblica Araba Siriana, Tunisia, Turkmenistan, Emirati Arabi Uniti, Turchia, Yemen.

OnuItalia
OnuItaliahttps://onuitalia.com
Il giornale Italiano delle Nazioni Unite. Ha due redazioni, una a New York, l’altra a Roma.

Articoli Correlati

Rimani Connesso

4,527FansMi piace
7,156FollowerSegui

Ultimi Articoli