8.9 C
New York
venerdì, Luglio 12, 2024

Tratta esseri umani, la Rete Onu invita gli stati ad ascoltare le voci di sopravvissuti

ROMA, 2 AGOSTO – In occasione della Giornata mondiale contro la tratta di esseri umani che si è celebrata il 30 luglio, la Rete delle Nazioni Unite sulla migrazione ha invitato gli Stati a porre le vittime e i sopravvissuti al centro delle risposte a questo atroce crimine e alle relative violazioni dei diritti umani e del lavoro.
Per l’Onu la tratta di esseri umani prospera sull’instabilità economica e politica, sullo Stato di diritto debole, su fragili quadri istituzionali, sulla frattura della coesione familiare e sociale e su tutte le forme di violenza, disuguaglianza e discriminazione basate sul genere. Le vittime della tratta spesso subiscono traumi, profonde sofferenze e stigmatizzazioni durante e dopo il loro sfruttamento.
Nella maggior parte delle regioni del mondo, i migranti rappresentano più della metà di tutte le vittime della tratta identificate, tra cui, tra gli altri, il 65 per cento delle vittime nell’Europa occidentale e meridionale e il 60 per cento in Medio Oriente. In molti di questi casi di traffico segnalati, i trafficanti hanno approfittato dello status di immigrato delle vittime per mantenere il controllo, sfruttare e impedire loro di sfuggire e  segnalare gli abusi subiti , afferma l’UNODC. La protezione dei migranti è quindi al centro della lotta al flagello della tratta.
Il COVID-19 ha ulteriormente aumentato il rischio di sfruttamento a causa di fattori quali l’aumento della disoccupazione, la mancanza di protezione sociale e la conizione dei lavoratori migranti nei paesi in cui non possono accedere ai servizi sanitari e sociali. La chiusura delle scuole sta anche amplificando il rischio per i bambini di sfruttamento sessuale online e le peggiori forme di lavoro minorile. Allo stesso tempo, molti rifugi per migranti e servizi di sostegno hanno interrotto o ridotto l’accesso in linea con le misure di sanità pubblica per contenere la diffusione della pandemia, aumentando la situazione di vulnerabilità dei migranti.
La ricerca dimostra che molte vittime non sono mai riconosciute come tali durante tutto il loro calvario della tratta, né ricevono un’adeguata protezione e assistenza. Inoltre, le voci delle vittime e dei sopravvissuti sono spesso inascoltate, nonostante siano fondamentali per sviluppare e attuare strategie, politiche e misure per prevenire questo crimine, perseguire i colpevoli, salvare le vittime e sostenerle sulla strada della guarigione.
Nella Giornata contro la tratta, la rete ricorda gli impegni contenuti nel Patto globale per una migrazione sicura, ordinato e regolare (GCM) e nel Piano d’azione globale contro la tratta di esseri umani. In linea con le norme internazionali in materia di diritti umani e di lavoro, tali impegni mirano a facilitare l’accesso alla giustizia delle persone vittime di tratta; consentire loro di segnalare in sicurezza esperienze senza timore di detenzione, deportazione o pena; fornire loro protezione e assistenza incondizionati.
Attraverso il CCM, gli Stati membri si sono inoltre impegnati a consentire ai migranti di diventare membri attivi della società, a proteggere i loro diritti umani e del lavoro, a denunciare la violenza e tutte le forme di discriminazione nei confronti dei migranti e a coinvolgere le parti interessate nell’identificazione, nel rinvio e nell’assistenza dei migranti in situazioni di vulnerabilità.
Queste le parole di Marcela Loaiza, sopravvissuta al traffico, che sostiene attraverso la sua fondazione risposte centrate sulle vittime al crimine: “L’abbiamo vissuto. Siamo le persone migliori per aiutare tutti a capire come è realmente. La realtà è terribile”.
La rete delle Nazioni Unite sulla migrazione è stata istituita per garantire un sostegno efficace, tempestivo e coordinato a livello di sistema agli Stati membri nella loro attuazione, follow-up e revisione del Patto globale per una migrazione sicura, ordinato e regolare. Mentre il mandato della rete è incentrato sulla migrazione, gli Stati sono chiamati ad attuare queste raccomandazioni anche ai rifugiati e ai richiedenti asilo e a proteggere i diritti umani di tutti allo stesso modo, indipendentemente dallo status migratorio.

OnuItalia
OnuItaliahttps://onuitalia.com
Il giornale Italiano delle Nazioni Unite. Ha due redazioni, una a New York, l’altra a Roma.

Articoli Correlati

Rimani Connesso

4,527FansMi piace
7,156FollowerSegui

Ultimi Articoli