8.9 C
New York
sabato, Luglio 13, 2024

Olimpiadi Tokyo: Onu, il potere dello sport di cambiare il mondo

ROMA, 2 AGOSTO – Sport e migrazioni: atleti, influencer e innovatori leader hanno condiviso le loro riflessioni sul ruolo che lo sport può svolgere nella costruzione di un mondo migliore per tutti, nelle discussioni online guidate dalle Nazioni Unite tenutesi in coincidenza con le Olimpiadi di Tokyo, dove è presente una squadra con la bandiera dei rifugiati.
“Lo sport diventa qualcosa che può cambiare la vita dei rifugiati che vivono nei campi profughi. Perché possono ottenere qualcosa, possono superare tutto ciò che attraversano… e dà loro una base di partenza”, afferma Pur Biel, membro della prima squadra olimpica di rifugiati alle Olimpiadi di Rio 2016, e ambasciatore di buona volontà per l’Agenzia dell’Onu per i rifugiati, UNHCR.
Biel, un partecipante alla serie di colloqui online di Tokyo questa settimana, ha spiegato come lo sport lo avesse aiutato a superare le esperienze traumatiche nel suo paese d’origine, il Sud Sudan.
L’esperienza dell’atleta ha avuto eco tra molti altri partecipanti, che hanno condiviso un messaggio comune: lo sport può portare a una trasformazione positiva nel mondo, dal portare speranza ai rifugiati, all’incoraggiamento dell’azione per il clima e alla costruzione di società in cui tutti possano eccellere, indipendentemente dalla loro origine.
Tsuyoshi Kitazawa, ex membro della nazionale di calcio giapponese, ha sottolineato il ruolo dello sport nella costruzione di ponti: “Tutto ciò che senti nei Giochi è reso possibile perché il mondo sta giocando come una sola squadra”, ha detto.

Izumi Nakamitsu, Sottosegretario generale delle Nazioni Unite e Alto rappresentante per gli affari del disarmo, ha aggiunto che i valori che lo sport promuove, come il rispetto reciproco, il lavoro di squadra, l’uguaglianza e il fair play, sono molto simili a quelli che contribuiscono a promuovere lo sviluppo della pace.
Nel video incentrato sulla sostenibilità e l’azione per il clima, Hannah Mills, marinaia olimpica e fondatrice del movimento Big Plastic Pledge per porre fine all’uso  della plastica monodose, ha osservato che gli atleti possono avere un’influenza positiva sulle aziende e sui marchi che li supportano come sponsor.
A Mills  si sono aggiunti l’astronauta giapponese Soichi Noguchi, che è tornato dal suo terzo volo spaziale a maggio, e Archana Soreng, membro del gruppo consultivo per i giovani del Segretario Generale delle Nazioni Unite sui cambiamenti climatici. Tutti hanno convenuto che la cooperazione tra diversi gruppi, che spesso hanno interessi diversi, deve diventare realtà per salvare la Terra.
Parlando in un video incentrato sulla diversità nello sport, Aya Medany, un’ex olimpionica che ha rappresentato l’Egitto nel pentathlon moderno, e Etsuko Ogasawara, direttore esecutivo del Japanese Center for Research on Women in Sport dell’Università juntendo, hanno descritto come le donne siano sottorappresentate, in particolare come allenatori, e in altri ruoli che supportano gli atleti.
“Lo sport è vicino alla vita delle persone, portando gioia e ispirazione”, ha osservato Kaoru Nemoto, responsabile del Centro informazioni delle Nazioni Unite a Tokyo. “Lo sport ci offre coraggio e determinazione, che sono più che mai necessari per affrontare questo difficile momento della pandemia di COVID-19. Attraverso queste conversazioni, speriamo di evidenziare i modi in cui lo sport funge da stimolo per far progredire gli Obiettivi di Sviluppo Sostenibile, per un mondo più verde, più uguale, inclusivo e sostenibile per tutti”.sviluppo sostenibile
La zona OSS di Tokyo è organizzata dal Dipartimento delle Comunicazioni Globali delle Nazioni Unite (DGC),dal Centro informazioni delle Nazioni Unite Tokyo (UNIC Tokyo) e dalla Asahi Shimbun Company, membro fondatore dell’SDG Media Compact. È la prima serie della zona media degli OSS ad essere organizzata da un ufficio nazionale della DGC. Queste discussioni online riprenderanno tra il 25 e il 27 agosto, programmate con i Giochi paraolimpici, e includeranno una serie di paraolimpiadi, condividendo le loro esperienze con i leader dei governi, del settore imprenditoriale e della società civile.

OnuItalia
OnuItaliahttps://onuitalia.com
Il giornale Italiano delle Nazioni Unite. Ha due redazioni, una a New York, l’altra a Roma.

Articoli Correlati

Rimani Connesso

4,527FansMi piace
7,156FollowerSegui

Ultimi Articoli