8.9 C
New York
martedì, Luglio 23, 2024

Comune Bologna presenta dossier portici a Mibact, passo avanti verso liste UNESCO

BOLOGNA, 16 SETTEMBRE – I portici di Bologna amati da Stendhal fanno un paso avanti verso le liste UNESCO.  Il Comune ha presentato il dossier per candidarli a patrimonio dell’umanità, inizio formale della corsa al riconoscimento. Il dossier e’ stato spedito al Mibact e nelle prossime settimane arriverà al Consiglio Internazionale dei Monumenti e dei Siti di Parigi. Entro fine anno arriverà l’esito della verifica di completezza che l’Unesco deve fare sui progetti presentati, poi, entro febbraio, ci dovrà essere la consegna definitiva della documentazione. La consegna definitiva del dossier è prevista per febbraio 2020. Poi, nell’autunno dello stesso anno, seguirà la visita degli ispettori. Infine, a febbraio 2021, la città avrà il responso della commissione valutatrice.

I portici di Bologna sono un “abbraccio” architettonico alla città lungo più di 38 chilometri nel solo centro storico]che raggiungono i 53 km contando quelli fuoriporta. Nacquero in maniera spontanea, probabilmente nell’alto medioevo, come una proiezione (all’inizio abusiva) di edifici privati su suolo pubblico allo scopo di aumentare gli spazi abitativi. Le testimonianze piu’ antiche sono ancora visibili in citta’: Casa Isolani in Strada Maggiore e’ un porticato, sorretto da altissime travi di legno (circa 9 metri), eretto intorno al 1250. Le travi sono in legno di quercia e sostengono lo sporto del terzo piano dell’edificio. Altri esempi di portici lignei medievali sono quelli di casa Grassi e delle case dirimpetto in via Marsala, di casa Azzoguidi in via San Nicolò e di casa Ramponesi in via del Carro.

Apprezzati dai viaggiatori stranieri in Italia come Stendhal che li descrive nel suo Viaggio in Italia del 1816: “Sovente, alle due di notte, rientrando nel mio alloggio, a Bologna, attraverso questi lunghi portici, l’anima esaltata da quei begli occhi che avevo appena visto, passando davanti a quei palazzi di cui, con le sue grandi ombre, la luna disegnava le masse, mi succedeva di fermarmi, oppresso dalla felicità, per dirmi: Com’è bello!” (@OnuItalia)

OnuItalia
OnuItaliahttps://onuitalia.com
Il giornale Italiano delle Nazioni Unite. Ha due redazioni, una a New York, l’altra a Roma.

Articoli Correlati

Rimani Connesso

4,527FansMi piace
7,156FollowerSegui

Ultimi Articoli