8.9 C
New York
venerdì, Luglio 12, 2024

Le agenzie ONU di Roma e le Presidenze delle COP si mobilitano per il clima

ROMA, 26 GIUGNO – Le tre agenzie del Polo agroalimentare dell’ONU con sede a Roma (FAO, WFP e IFAD) e le presidenze della COP 28 e della COP 29 hanno lanciato un appello per un urgente aumento dell’azione climatica e dei finanziamenti per sistemi agroalimentari adattati e resilienti in contesti fragili e colpiti da conflitti.

L’appello è stato lanciato durante una riunione di alto livello a Roma in preparazione della COP 29. Le tre agenzie, insieme alle presidenze della COP 28 degli Emirati Arabi Uniti e della COP 29 dell’Azerbaigian, hanno incontrato i ministri dei governi delle principali regioni fragili e colpite da conflitti, i donatori, le istituzioni finanziarie internazionali, i fondi multilaterali per il clima e una serie di partner chiave per il clima, lo sviluppo, gli aiuti umanitari e la pace. L’obiettivo era di delineare le misure per incrementare l’azione climatica e i finanziamenti per sistemi agroalimentari adattati e resilienti nei Paesi più vulnerabili del mondo.

E’ stato discusso anche come affrontare l’insicurezza alimentare e ridurre la dipendenza dagli interventi di emergenza, comprese le attività di costruzione della resilienza, come la fornitura agli agricoltori degli strumenti e dei fattori produttivi necessari per produrre cibo.

Eventi climatici estremi come siccità, uragani, inondazioni improvvise, desertificazione, tempeste tropicali, ondate di calore e precipitazioni irregolari continuano a provocare una forte insicurezza alimentare e a infliggere gravi danni in contesti fragili e colpiti da conflitti. Eppure, le comunità locali più vulnerabili ricevono meno risorse per proteggersi ed evitare perdite e danni ai loro mezzi di sussistenza. In alcune situazioni, una persona in un contesto fragile riceve finanziamenti per il clima 80 volte inferiori rispetto a una persona in una regione non fragile.

Secondo il Rapporto Globale sulle Crisi Alimentari 2024 (GRFC), gli shock legati al clima, come siccità e inondazioni, hanno causato principalmente un’insicurezza alimentare acuta in 18 Paesi, colpendo più di 72 milioni di persone, la maggior parte delle quali si trovava in situazioni di fragilità, conflitto o post-conflitto.

“Abbiamo la scienza per prevedere i disastri climatici e le soluzioni per aiutare le comunità che vivono in prima linea nella crisi climatica a prepararsi”, ha dichiarato Cindy McCain, direttore esecutivo del WFP reduce da una missione in Zambia dove ha incontrato agricoltori disperati che di solito riescono a coltivare abbastanza per sfamare le loro famiglie. “Quest’anno non hanno raccolto nulla: i loro raccolti sono stati distrutti da una siccità aggravata dai cambiamenti climatici. I finanziamenti e le azioni per il clima sono fondamentali per questi agricoltori. Dobbiamo utilizzare gli strumenti innovativi a nostra disposizione per prevedere i rischi e aumentare la protezione prima che queste crisi colpiscano”, ha detto McCain.

Costruire e finanziare sistemi agroalimentari resilienti nelle regioni fragili e in conflitto è fondamentale per affrontare le crisi climatiche e alimentari interconnesse, salvando e migliorando le vite e i mezzi di sussistenza di milioni di persone e comunità in luoghi considerati i più difficili da raggiungere.

“Investire in sistemi agroalimentari resistenti al clima è fondamentale per affrontare le crisi climatiche e alimentari. Cambiare il modo in cui coltiviamo e consumiamo il cibo aiuta a mitigare gli impatti della crisi climatica, protegge la biodiversità, previene il degrado del territorio e garantisce la sicurezza alimentare per tutti, senza lasciare indietro nessuno. Questo cambiamento richiede un pacchetto di soluzioni, tra cui sistemi di allerta precoce, il ripristino degli ecosistemi e dei suoli, la gestione integrata delle risorse idriche, il sostegno a sementi e strumenti locali resistenti al clima, la riduzione delle perdite post-raccolto, gli investimenti nelle infrastrutture e la protezione sociale”, ha dichiarato QU Dongyu, Direttore Generale della FAO.

“Con l’accelerazione degli impatti climatici, è urgente investire di più nei milioni di persone che rischiano di perdere definitivamente la capacità di coltivare o di accedere a cibo sufficiente”, ha dichiarato Alvaro Lario, Presidente dell’IFAD. “Anche se i costi sono stimati tra i 215 e i 387 miliardi di dollari all’anno, la migliore possibilità per le comunità rurali di affrontare il cambiamento climatico è adattarsi con sistemi alimentari più sostenibili, inclusivi ed equi. Questo vale anche per i Paesi con situazioni di sicurezza fragili, dove questi investimenti non solo rafforzano la resilienza contro gli shock ambientali, ma anche le istituzioni e la governance locali, promuovono la coesione sociale e creano opportunità di sussistenza sostenibili”.

L’anno scorso, la Presidenza della COP28 ha introdotto la storica Dichiarazione sul Soccorso Climatico, la Ripresa e la Pace, un riconoscimento politico delle disparità nei finanziamenti e nelle azioni per il clima basate sulla fragilità e sui conflitti. La dichiarazione è stata accompagnata da un “pacchetto di soluzioni” che comprende riforme politiche e 1,2 miliardi di dollari di finanziamenti mirati per il clima. La prossima presidenza della COP29 ha confermato l’attenzione alla pace e al raggiungimento della sicurezza alimentare per tutti. Gli incontri di metà percorso a Roma sono stati concepiti per dare seguito all’attuazione della Dichiarazione e allineare il lavoro con le priorità della COP29 prima che i leader mondiali si riuniscano a Baku.

L’ultima sessione dell’evento si è concentrata sui contributi all’agenda della COP29. Ha toccato le questioni cruciali della sicurezza alimentare, della scarsità d’acqua e dell’accesso sicuro alla terra come impedimenti critici per garantire un’agricoltura resiliente al clima in contesti fragili. La discussione ha evidenziato che, durante la progettazione e l’attuazione di progetti volti a promuovere la sicurezza alimentare in contesti fragili, occorre tenere conto di fattori quali le minacce alla sicurezza, la distruzione delle infrastrutture, le mine antiuomo e altri rischi per la sicurezza. (@OnuItalia)

OnuItalia
OnuItaliahttps://onuitalia.com
Il giornale Italiano delle Nazioni Unite. Ha due redazioni, una a New York, l’altra a Roma.

Articoli Correlati

Rimani Connesso

4,527FansMi piace
7,156FollowerSegui

Ultimi Articoli