8.9 C
New York
venerdì, Luglio 19, 2024

Rome Water Dialogue 2023: Qu (FAO), ‘Dobbiamo smettere di dare l’acqua per scontata’

ROMA, 4 OTTOBRE – LA FAO ha aperto oggi un incontro chiave volto a trovare sinergie e soluzioni al ruolo dell’acqua in relazione ai suoli, alla terra, ai cambiamenti climatici, alla biodiversità e all’agricoltura, e a mostrare contributi pratici per fare un uso migliore delle  risorse limitate di acqua dolce. “Dobbiamo smettere di dare l’acqua per scontata”, ha detto il Direttore Generale della FAO QU Dongyu aprendo la due giorni del Rome Water Dialogue, la seconda del suo genere e l’ultima di una serie di eventi e impegni legati all’acqua della FAO. Con l’agricoltura che rappresenta oltre il 70% dei prelievi di acqua dolce del pianeta, “aumentando l’efficienza, riducendo le emissioni negative e riutilizzo le acque reflue, l’agricoltura detiene le soluzioni alla crisi idrica globale, nonché la chiave per raggiungere la sicurezza idrica e alimentare globale”, ha affermato Qu. Sottolineando inoltre  la necessità di un approccio 4R basato sui principi di Ridurre, Riutilizzare, Riciclare e Sostituire, per affrontare efficacemente le gravi sfide idriche dovute principalmente ai disastri naturali legati all’acqua che hanno portato a costi economici di oltre 200 miliardi di dollari nel solo 2021.

Il dialogo fa parte di quello che la FAO definisce il suo Water Journey, un focus sulla gestione integrata delle risorse idriche per la sicurezza agricola e alimentare. A partire dal primo Rome Water Dialogue dello scorso anno, le pietre miliari includono l’Africa Regional Workshop on National Water Roadmaps ospitato dallo Zimbabwe, il secondo WASAG International Forum e il Praia Call for Action, la designazione dell’acqua come tema della Conferenza FAO dello scorso luglio, del prossimo biennio e della Giornata mondiale dell’alimentazione di quest’anno il 16 ottobre. Presenta anche otto impegni della FAO nei confronti del Programma d’azione per l’acqua adottato durante la Conferenza delle Nazioni Unite sull’acqua 2023 per raggiungere gli obiettivi relativi all’acqua delineati nell’Agenda 2030 e negli obiettivi di sviluppo sostenibile.

Sostegno pratico della FAO

Il sostegno pratico della FAO ai paesi include: soluzioni tecniche sulla raccolta e lo stoccaggio dell’acqua piovana, lo stoccaggio e il recupero delle falde acquifere, risorse idriche non convenzionali per l’agricoltura, sistemi di irrigazione e passaggi ittici. L’Organizzazione lavora anche con i paesi per mappare le esigenze e il potenziale di irrigazione a sostegno delle decisioni di pianificazione, investimento e finanziamento. Inoltre, supporta i paesi con dati, informazioni, attraverso piattaforme come quella della FAO. Produttività dell’acqua Accesso aperto ai dati derivati telerilevati (WaPOR) – il cui ambito geografico è stato appena ampliato per coprire l’intero globo – e il Global Framework on Water Scarcity in Agriculture (WASAG).

Scambi di suolo e acqua

Il Dialogo prevede otto sessioni tecniche e una relazione congiunta e una cerimonia di chiusura con il “Global Simposio su suoli e acqua” che si svolge in contemporanea, consentendo lo scambio tecnico tra i partecipanti ai due eventi. “Noi, la comunità globale, dobbiamo sfruttare ogni opportunità per raggiungere un futuro resiliente, sostenibile e sicuro dal punto di vista alimentare”, ha affermato il Direttore Generale della FAO. In termini pratici, il Rome Water Dialogue di quest’anno vedrà anche l’espansione del database WaPOR Il portale della FAO per monitorare la produttività dell’acqua attraverso l’accesso aperto ai dati derivati telerilevati, che attualmente sono disponibili solo in alcune regioni, diventerà ora globale. La nuova versione 3.0 fornisce una copertura globale a 300 m di risoluzione e l’uso di dati ed elaborazione migliorati.

Fatti e cifre 
Attualmente 2,4 miliardi di persone vivono in paesi con stress idrico e circa il 10% della popolazione mondiale vive in paesi con stress idrico elevato e critico. Questi impatti colpiscono in modo sproporzionato donne e ragazze, rendendo l’acqua una questione di equità.
• Si prevede che la domanda globale di acqua per l’agricoltura aumenterà del 35% entro il 2050.
• Oltre l’80% delle acque reflue viene rilasciato nell’ambiente senza essere trattato o riutilizzato.
• Limitare il riscaldamento globale a 1,5 gradi Celsius, rispetto ai 2 gradi Celsius, andrà a beneficio delle risorse idriche e ridurrà lo stress idrico indotto dai cambiamenti climatici.
• Quasi 1 miliardo di tonnellate di cibo – il 17% di tutto il cibo disponibile per i consumatori di tutto il mondo – viene gettato via ogni anno, con conseguente spreco di risorse preziose, come l’acqua, che sono state utilizzate per produrlo.
• Il 95% del nostro cibo è prodotto sulla terra e tutto inizia con il suolo e l’acqua.

OnuItalia
OnuItaliahttps://onuitalia.com
Il giornale Italiano delle Nazioni Unite. Ha due redazioni, una a New York, l’altra a Roma.

Articoli Correlati

Rimani Connesso

4,527FansMi piace
7,156FollowerSegui

Ultimi Articoli