8.9 C
New York
venerdì, Luglio 12, 2024

Migranti: nuovo naufragio nel Mediterraneo al largo di Sfax, agenzie Onu chiedono misure subito

ROMA, 9 AGOSTO – L’ Organizzazione Internazionale per le Migrazioni (OIM), l’UNHCR, Agenzia ONU per i rifugiati e l’UNICEF hanno espresso profondo cordoglio per la perdita di decine di vite umane di migranti in seguito ad un terribile naufragio che risulta avvenuto fra giovedì 3 e venerdì 4 agosto nel Mediterraneo.
Secondo le testimonianze delle quattro persone sopravvissute – un minore non accompagnato di 13 anni, una donna e due uomini – soccorse da una nave mercantile e portate oggi in salvo a Lampedusa dalla Guardia Costiera italiana, sarebbero 41 i dispersi, tra cui 3 bambini.  Il barchino di ferro, partito da Sfax (Tunisia), sembrerebbe essersi ribaltato durante la navigazione. ”Le condizioni meteomarine proibitive di questi giorni rendono smisuratamente pericolose le traversate su barchini di ferro inappropriati alla navigazione: questo evidenzia l’assoluta mancanza di scrupoli dei trafficanti che in questo modo espongono migranti e rifugiati a rischi altissimi di morte in mare. Solo pochi giorni fa una mamma e un bambino avevano già perso la vita al largo dell’isola”, affermano le agenzie dell’Onu in un comunicato.
I numeri di oggi aggravano il bilancio delle vittime dei naufragi nel Mediterraneo centrale. Secondo il Missing Migrants Project dell’OIM sono già oltre 1.800 le persone morte e disperse lungo la rotta, che si attesta ancora tra le più attive e le più pericolose a livello globale, con oltre il 75% delle vittime nel Mediterraneo negli ultimi dieci anni.
Le tre organizzazioni delle Nazioni Unite ribadiscono la necessità di meccanismi coordinati di ricerca e soccorso e continuano a chiedere agli Stati di aumentare le risorse e le capacità per far fronte efficacemente alle loro responsabilità.
L’OIM, l’UNHCR e l’UNICEF, presenti a Lampedusa a supporto delle autorità sia in fase di sbarco, che di prima accoglienza, per garantire che le persone richiedenti protezione internazionale possano farne richiesta e che le persone con bisogni specifici vengano prontamente individuate, e nel supporto ai trasferimenti, rinnovano l’appello per un accesso più ampio a percorsi legali più sicuri per la migrazione e l’asilo nell’Unione Europea, per evitare che le persone debbano ricorrere a viaggi pericolosi in cerca di sicurezza e protezione.

OnuItalia
OnuItaliahttps://onuitalia.com
Il giornale Italiano delle Nazioni Unite. Ha due redazioni, una a New York, l’altra a Roma.

Articoli Correlati

Rimani Connesso

4,527FansMi piace
7,156FollowerSegui

Ultimi Articoli