8.9 C
New York
mercoledì, Luglio 24, 2024

ExpoRoma 2030: progetto Tor Vergata, se approvato sarà il più grande parco solare urbano al mondo

ROMA, 12 GENNAIO – Il più grande parco solare urbano del mondo in grado di alimentare il sito scelto per la candidatura di Roma ad EXPO 2030 con energia rinnovabile: è il progetto di un grande parco solare che costituisce il fulcro della candidatura di Roma per ospitare l’Esposizione Universale del 2030, progettato da Carlo Ratti Associati con l’architetto Italo Rota e l’urbanista Richard Burdett.Secondo i progettisti l’idea è che tutte le nazioni che partecipano all’Expo 2030 contribuiscano a far funzionare il sistema che ha lo scopo di avviare il discorso sul concetto di condivisione dell’energia mentre stabilisce “un nuovo modello per lo sviluppo urbano.. Expo 2030 Roma mira ad aprire nuovi orizzonti per le fiere mondiali e altri eventi su larga scala”, ha spiegato Ratti.
CRA, Rota e Burdett stanno sviluppando la candidatura di Roma per l’expo in collaborazione con gli ingegneri Arup e Systematica e il paesaggista LAND.
Il masterplan proponeva un sito nel quartiere Tor Vergata di Roma, che ospita un’università con lo stesso nome, una zona residenziale e il complesso sportivo Vela di Santiago Calatrava.
Il parco solare sarebbe composto da centinaia di “alberi energetici” di forma quadrata, incorporati negli appezzamenti dedicati di ogni nazione e progettati per aprire e chiudere i loro pannelli durante il giorno. Durante la raccolta di energia, queste strutture fornirebbero anche ombra ai visitatori che esplorano il sito e formerebbero una struttura a mosaico se viste dall’alto.Un’altra delle ambizioni dei progettisti per il parco solare è quella di decarbonizzare i quartieri circostanti fornendo loro energia rinnovabile. “La visione del piano generale dell’Expo Solar Park assicura che l’evento non solo rinvigorirà il quartiere, ma contribuirà a decarbonizzarlo”, ha spiegato CRA.  “Il parco solare di Roma coprirebbe un’area di 150.000 metri quadrati e vanterebbe una capacità produttiva di 36 megawatt di picco, rendendolo il più grande parco solare urbano e accessibile al pubblico al mondo”, ha affermato lo studio.

Il progetto per la candidatura di Roma per l’Esposizione Universale 2030 prevede la divisione in tre quartieri, chiamati la Città, il Viale e il Parco. Disposti da est a ovest,  portano i visitatori in un viaggio da un ambiente urbano a un ambiente più naturale.
Il parco solare si estenderà attraverso la spina dorsale centrale del masterplan, chiamato Boulevard, che incorporerà anche tutti i padiglioni nazionali. Sul lato ovest ci sarà la City, che ospiterà tutti gli edifici operativi dell’expo, mentre sul lato est, il quartiere del Parco sarà riempito di spazi verdi a tema. Sparsi tra questi quartieri ci saranno cinque padiglioni di riferimento, ognuno dedicato a un tema diverso, così come una serie di edifici esistenti nell’area, tra cui il complesso sportivo Vela di Calatrava.“L’impegno di Expo 2030 Roma per la rivitalizzazione del quartiere è esemplificato dalla riproposizione di un enorme complesso sportivo progettato dall’architetto spagnolo Santiago Calatrava”, ha affermato CRA, aggiungendo:”Dopo l’Esposizione Universale del 2030, tutti i padiglioni dell’evento saranno utilizzati per diverse funzioni, dando forma a un nuovo distretto dell’innovazione nella capitale”
Il tema dell’Expo 2030 si intitola People and Territories, Together: Urban Regeneration, Inclusion and Innovation.
Altre città che si candidano per ospitare sono Busan in Corea del Sud, Riad in Arabia Saudita e Odessa in Ucraina. La decisione sarà presa con un voto dai 170 membri dell’organizzazione Bureau International des Expositions (BIE) a novembre.

OnuItalia
OnuItaliahttps://onuitalia.com
Il giornale Italiano delle Nazioni Unite. Ha due redazioni, una a New York, l’altra a Roma.

Articoli Correlati

Rimani Connesso

4,527FansMi piace
7,156FollowerSegui

Ultimi Articoli