8.9 C
New York
mercoledì, Maggio 22, 2024

Clima: ondate di calore, per l’Onu diventeranno ‘normali’, specie in Europa

GINEVRA, 22 LUGLIO – “In futuro, questo tipo di ondate di calore sarà normale. Vedremo estremi più forti. Abbiamo pompato così tanta anidride carbonica nell’atmosfera che la tendenza negativa continuerà per decenni. Non siamo stati in grado di ridurre le nostre emissioni a livello globale”: lo ha detto Petteri Taalas, segretario generale dell’OMM, l’Organizzazione meteorologica mondiale, precisando che  “Le ondate di calore si verificheranno più frequentemente a causa dei cambiamenti climatici. La connessione è stata chiaramente dimostrata dall’IPCC“.

Martedì scorso ad esempio un record di 40,3 ° C è stato registrato nel Regno Unito, con calore estremo diffuso, incendi e stress sul sistema sanitario segnalati in tutto il continente europeo. “Abbiamo raggiunto il massimo storico nel Regno Unito”, ha aggiunto Taalas.

Alte pressioni stabili, e quindi l’ondata di caldo, dureranno diversi giorni. “L’ondata di caldo continuerà almeno fino alla metà della prossima settimana con temperature elevate in gran parte dell’Europa occidentale“, gi ha fatto eco Bob Stefanski, capo dei servizi climatici applicati presso WMO, l’Organizzazione meteorologica mondiale: “Questo è allarmante con oltre 40 giorni di tempo trascorsi nell’estate meteorologica”.

La temperatura più calda mai registrata in Europa è stata di 48°C (Grecia, 1977). Un nuovo record sospetto potrebbe essersi verificato nel 2021 (48,8 ° C in Sicilia) ed è in fase di revisione da parte dell’OMM.

Talaas ha detto: “Spero che questo sarà un campanello d’allarme per i governi e che avrà un impatto sui comportamenti di voto nei paesi democratici“.
Secondo l’IPCC, le temperature aumenteranno più rapidamente nelle aree europee che altrove. Nel Mediterraneo una preoccupante combinazione di cambiamenti climatici che determinano l’impatto climatico (riscaldamento; temperature estreme; aumento della siccità e dell’aridità; diminuzione delle precipitazioni; aumento degli incendi boschivi; livelli del mare medio ed estremo; diminuzione del manto nevoso; e diminuzione della velocità del vento) è prevista entro la metà del secolo se il riscaldamento globale supererà i 2 ° C.Il rapporto  dell’IPCC mostra anche che le ondate di calore saranno più frequenti, più lunghe e più intense nel 21° secolo. Saranno necessari sistemi di allarme rapido e sistemi sanitari rafforzati.

Inquinamento e salute

“L’atmosfera stabile e stagnante intrappola gli inquinanti atmosferici, incluso il particolato, con conseguente degrado della qualità dell’aria. I raggi solari portano alla formazione di ozono. Entrambi hanno un impatto sulla salute, in particolare tra le persone vulnerabili, e hanno anche un impatto sulla vita vegetale”, ha spiegato Bob Stefanski.Le ondate di calore rappresentano una sfida per i sistemi sanitari: “Quando un’ondata di caldo accompagna alti livelli di inquinamento, esacerba le malattie respiratorie, cardiovascolari e le condizioni, specialmente nei grandi spazi urbani che non sono adatti a far fronte a queste alte temperature”, ha affermato Maria Neira, direttore dell’ambiente e della salute presso l’OMS. “Abbiamo a lungo lanciate allerte sul fatto che il cambiamento climatico sta influenzando gravemente la salute umana e quindi occorre adottare misure per raggiungere le zero emissioni di carbonio,   accelerare la transizione verso fonti di energia rinnovabili pulite sarà quindi estremamente importante”.

OnuItalia
OnuItaliahttps://onuitalia.com
Il giornale Italiano delle Nazioni Unite. Ha due redazioni, una a New York, l’altra a Roma.

Articoli Correlati

Rimani Connesso

4,527FansMi piace
7,156FollowerSegui

Ultimi Articoli