8.9 C
New York
domenica, Maggio 26, 2024

UNODC: nuovo rapporto su droghe, quadro desolante per giovani e donne

VIENNA, 27 GIUGNO – E’ stato pubblicato oggi a Vienna il World Drug Report 2022 dell’Ufficio delle Nazioni Unite contro la droga e il crimine (UNODC) che descrive aumenti record nella produzione di cocaina, l’espansione delle droghe sintetiche in nuovi mercati e le continue lacune nella disponibilità di trattamenti farmacologici, specialmente per le donne. La legalizzazione della cannabis in alcune parti del mondo sembra inoltre, secondo lo studio, averne accelerato l’uso quotidiano e i relativi impatti sulla salute,
Secondo il rapporto, circa 284 milioni di persone di età compresa tra 15 e 64 anni hanno usato droghe in tutto il mondo nel 2020, con un aumento del 26% rispetto al decennio precedente. I giovani fanno più uso di droghe, con livelli di consumo oggi in molti paesi più alti rispetto alla generazione precedente. In Africa e in America Latina, le persone sotto i 35 anni rappresentano la maggioranza delle persone in trattamento per disturbi da uso di droghe.DrogheA livello globale, il rapporto stima che 11,2 milioni di persone in tutto il mondo assumano droghe per iniezione, circa la metà di questo numero vive con l’epatite C, 1,4 milioni con l’HIV e 1,2 milioni con entrambi.
Commentando questi risultati, il direttore esecutivo dell’UNODC Ghada Waly ha dichiarato: “I numeri per la produzione e il sequestro di molte droghe illecite stanno raggiungendo livelli record, e le emergenze globali stanno approfondendo le vulnerabilità. Allo stesso tempo, le percezioni errate riguardo all’entità del problema e ai danni associati stanno privando le persone di cure e trattamenti e spingendo i giovani verso comportamenti dannosi. Dobbiamo dedicare le risorse e l’attenzione necessarie per affrontare ogni aspetto del problema mondiale della droga, compresa la fornitura di cure a tutti coloro che ne hanno bisogno, e dobbiamo migliorare la base di conoscenze su come le droghe illecite si relazionano ad altre sfide urgenti, come i conflitti e il degrado ambientale”.
Il rapporto sottolinea inoltre l’importanza di galvanizzare la comunità internazionale, i governi, la società civile e tutte le parti interessate a intraprendere azioni urgenti per proteggere le persone, anche rafforzando la prevenzione e il trattamento del consumo di droga e affrontando l’offerta di droghe illecite.

Prime indicazioni ed effetti della legalizzazione della cannabis
La legalizzazione della cannabis in Nord America sembra aver aumentato l’uso quotidiano di cannabis, in particolare i potenti prodotti a base di cannabis e in particolare tra i giovani adulti. Sono stati segnalati anche aumenti associati di persone con disturbi psichiatrici, suicidi e ricoveri. La legalizzazione ha anche aumentato le entrate fiscali e generalmente ridotto i tassi di arresto per il possesso di cannabis.
Continua crescita della produzione e del traffico di droga
La produzione di cocaina è arrivata a un livello record nel 2020, crescendo dell’11% dal 2019 a 1.982 tonnellate. Anche i sequestri di cocaina sono aumentati, nonostante la pandemia di Covid-19, a un record di 1.424 tonnellate nel 2020. Quasi il 90% della cocaina sequestrata a livello globale nel 2021 è stata trafficata in container e/o via mare. I dati sui sequestri suggeriscono che il traffico di cocaina si sta espandendo in altre regioni al di fuori dei principali mercati del Nord America e dell’Europa, con un aumento dei livelli di traffico verso l’Africa e l’Asia.
Il traffico di metanfetamine continua ad espandersi geograficamente, e le quantità di metanfetamine sequestrate sono cresciute di cinque volte tra il 2010 e il 2020.
La produzione mondiale di oppio è cresciuta del sette per cento tra il 2020 e il 2021 a 7.930 tonnellate, principalmente a causa di un aumento della produzione in Afghanistan. Tuttavia, l’area globale coltivata a papavero da oppio è scesa del 16% a 246.800 ettari nello stesso periodo.droga

Zone di conflitto come magneti per la produzione di droghe sintetiche
Il rapporto di quest’anno evidenzia anche che le economie delle droghe illecite possono prosperare in situazioni di conflitto e in cui lo stato di diritto è debole e, a sua volta, può prolungare o alimentare i conflitti. Le informazioni provenienti dal Medio Oriente e dal Sud-Est asiatico suggeriscono che le situazioni di conflitto possono fungere da calamita per la produzione di droghe sintetiche, che possono essere prodotte ovunque. Questo effetto può essere maggiore quando l’area di conflitto è vicina ai grandi mercati di consumo. Storicamente, le parti in conflitto hanno usato droghe per finanziare i conflitti e generare reddito. Il World Drug Report 2022 rivela anche che i conflitti possono anche interrompere e spostare le rotte del traffico di droga, come è accaduto nei Balcani e più recentemente in Ucraina.
C’è stato un aumento significativo del numero di laboratori clandestini segnalati in Ucraina, passando da 17 laboratori smantellati nel 2019 a 79 nel 2020. 67 di questi laboratori producevano anfetamine, rispetto ai cinque del 2019, il numero più alto di laboratori smantellati segnalato in un dato paese nel 2020.

Gli impatti ambientali dei mercati della drogaI mercati delle droghe illecite, secondo il World Drug Report 2022, possono avere impatti a livello locale, comunitario o individuale sull’ambiente. I risultati mostrano che l‘impronta di carbonio della cannabis indoor è tra 16 e 100 volte superiore a quella della cannabis outdoor in media e che l’impronta di 1 chilogrammo di cocaina è 30 volte maggiore di quella delle fave di cacao. Altri impatti ambientali includono la sostanziale deforestazione associata alla coltivazione illecita del cacao, i rifiuti generati durante la produzione di droghe sintetiche che possono essere 5-30 volte il volume del prodotto finale e lo scarico di rifiuti che possono colpire direttamente il suolo, l’acqua e l’aria, nonché gli organismi, gli animali e la catena alimentare indirettamente.

Divario di genere 
Le donne rimangono nella minoranza dei consumatori di droga a livello globale, ma tendono ad aumentare il loro tasso di consumo di droga e a progredire verso i disturbi da uso di droghe più rapidamente degli uomini. Le donne ora rappresentano circa il 45-49% degli utenti di anfetamine e gli utenti non medici di stimolanti farmaceutici, oppioidi farmaceutici, sedativi e tranquillanti.
Il divario di trattamento rimane ampio per le donne a livello globale. Sebbene le donne rappresentino quasi uno su due consumatori di anfetamine, costituiscono solo una persona su cinque in trattamento per i disturbi da uso di anfetamine.
Il World Drug Report 2022 mette in luce anche l’ampia gamma di ruoli svolti dalle donne nell’economia globale della cocaina, tra cui la coltivazione della coca, il trasporto di piccole quantità di droga, la vendita ai consumatori e il contrabbando nelle carceri.

OnuItalia
OnuItaliahttps://onuitalia.com
Il giornale Italiano delle Nazioni Unite. Ha due redazioni, una a New York, l’altra a Roma.

Articoli Correlati

Rimani Connesso

4,527FansMi piace
7,156FollowerSegui

Ultimi Articoli