8.9 C
New York
lunedì, Maggio 27, 2024

Agenda 2030: Microplastiche e gas serra, cosa fa l’AIEA con la tecnologia nucleare per contrastarli

VIENNA, 17 MAGGIO – Tra scienza, tecnologia e sviluppo sostenibile, l’AIEA sostiene i paesi nei loro sforzi per raggiungere gli obiettivi di sviluppo sostenibile (SDG) dall‘Agenda 2030 dell’Onu. Al 7° Forum multilaterale annuale delle Nazioni Unite su scienza, tecnologia e innovazione (STI Forum) per gli Obiettivi svoltosi la scorsa settimana, esperti e partner dell’AIEA hanno presentato alcuni dei molti modi in cui la scienza e la tecnologia nucleare stanno contribuendo agli obiettivi di sviluppo, in particolare gli SDG 13, 14 e 15 (azione per il clima, vita sott’acqua e vita sulla terraferma). L’AIEA ha organizzato e partecipato a eventi durante il Forum, che si è concentrato su due delle sfide ambientali più urgenti del mondo: l’inquinamento da plastica e le emissioni di gas serra.
Un oceano sano è vitale per un pianeta sano, ma il benessere dell’oceano è minacciato dall’inquinamento da plastica. A livello globale, circa il 9% dei rifiuti di plastica viene riciclato, mentre il resto viene smaltito in discarica e spesso finisce nei nostri fiumi e oceani, secondo l’Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico (OCSE). L’AIEA e i relatori ospiti hanno evidenziato l’entità dell’inquinamento da plastica e l’iniziativa NUclear TEChnology for Controlling Plastic Pollution (NUTEC Plastics) dell’AIEA, durante un evento collaterale del Forum. L’approccio di NUTEC Plastics è duplice: 1) fornire prove scientifiche per caratterizzare e valutare l’inquinamento da microplastiche marine e 2) dimostrare l’uso di radiazioni ionizzanti per aumentare il volume riciclato di plastica e trasformare più rifiuti di plastica in risorse riutilizzabili.“Le azioni contro l’inquinamento da plastica a qualsiasi livello funzioneranno solo se verrà applicata l’intera gamma di soluzioni tecnologiche”, ha affermato Martin Krause, direttore del supporto e del coordinamento del programma presso il Dipartimento di cooperazione tecnica dell’AIEA. “Ciò include le tecnologie nucleari che hanno lo scopo di integrare gli approcci tradizionali”. NUTEC Plastics utilizza metodi nucleari per tracciare e quantificare con precisione il movimento e gli impatti di microplastiche e co-contaminanti.
Mentre la tecnologia nucleare fornisce i mezzi per raccogliere dati, una delle principali sfide nella ricerca sulle microplastiche è la mancanza di una metodologia allineata per la raccolta dei dati. I dati e le informazioni basate sulla scienza sono essenziali per guidare il processo decisionale. “A volte, non siamo riusciti a comparare i nostri risultati, poiché ogni paese della regione ha utilizzato diverse strategie di campionamento e metodi analitici”, ha spiegato Ana Carolina Ruiz-Fernandez, ricercatrice presso l’Istituto di scienze marine e limnologia, Università nazionale autonoma del Messico. In America Latina e nella regione dei Caraibi, gli esperti hanno fondato la rete di ricerca marino-costiera dell’America Latina e dei Caraibi (REMARCO) nel 2016 per affrontare le sfide della regione e trasferire efficacemente i risultati della ricerca ai responsabili delle decisioni. Quando si tratta di cambiamenti climatici, vengono utilizzate anche tecniche nucleari e isotopiche per fornire informazioni precise sulle fonti e sui percorsi delle emissioni di gas serra (GHG). Insieme alla FAO, l’AIEA sta utilizzando queste tecniche per la riduzione delle emissioni di gas serra attraverso un’agricoltura intelligente dal punto di vista climatico. L’anno scorso, l’AIEA e la FAO hanno pubblicato un libro sulle metodologie per misurare le emissioni agricole di gas serra e per sviluppare opzioni di mitigazione utilizzando tecniche nucleari e correlate.
L’agricoltura, insieme alla silvicoltura e ad altri usi del suolo, rappresenta circa il 25% delle emissioni globali di gas serra, ha affermato Lee Kheng Heng, capo della sezione Gestione del suolo e delle acque e nutrizione delle colture presso il Centro congiunto FAO/AIEA di tecniche nucleari per l’alimentazione e l’agricoltura.

OnuItalia
OnuItaliahttps://onuitalia.com
Il giornale Italiano delle Nazioni Unite. Ha due redazioni, una a New York, l’altra a Roma.

Articoli Correlati

Rimani Connesso

4,527FansMi piace
7,156FollowerSegui

Ultimi Articoli