8.9 C
New York
sabato, Luglio 20, 2024

Italia istituisce i caschi blu della cultura, opereranno in Italia e all’estero

ROMA, 31 MARZO – L’Italia istituisce con decreto ministeriale i caschi blu della cultura: una unita’ specializzata di esperti civili e militari con il mandato di operare in Italia e all’estero a difesa del patrimonio culturale e per contrastare il traffico illecito di opere arte. “L’Italia è un’eccellenza nella tutela e nella salvaguardia del patrimonio culturale, le nostre competenze sono riconosciute in tutto il mondo”, ha detto il Ministro della Cultura Dario Franceschini che ha firmato oggi il decreto istitutivo della Task Force. “I caschi blu della cultura – ha aggiunto Franceschini – potranno intervenire in Italia e all’estero a difesa del patrimonio culturale dai danni derivanti da disastri, calamità naturali, guerre, attentati terroristici e per contrastare il traffico illecito delle opere d’arte”.

La costituzione dell’unita’ riprende un’idea lanciata dallo stesso Franceschini sette anni fa, quando siti storici in Iraq e Siria erano minacciati dal vandalismo derll’ISIS. L’Italia batte cosi’ sul tempo gli Stati Uniti che l’anno scorso avevano annunciato la costituzione di un corpo di Monuments Men, poi pero’, per lungaggini burocratiche, il provvedimento a stelle e strisce non aveva avuto seguito. Il decreto Franceschini arriva alla vigilia della conferenza dei Ministri della Cultura del Consiglio d’Europa a Strasburgo che sarà presieduta dal ministro italiano e che vedrà, domani mattina, la partecipazione del Ministro della Cultura ucraino, Oleksander Tkachenko.

I ‘caschi blu della cultura’ sono esperti civili del Ministero della Cultura e militari altamente qualificati del Comando Carabinieri Tutela Patrimonio Culturale (TPC), addestrati per intervenire in aree colpite da emergenze, quali calamità o crisi prodotte dall’uomo, in una cornice di sicurezza, al fine di: a) effettuare la ricognizione del patrimonio culturale presente nell’area di crisi e degli eventuali danni subiti; b) individuare i luoghi per il ricovero del patrimonio culturale; c) individuare ed attuare gli interventi di messa in sicurezza ivi compreso l’eventuale spostamento dei beni culturali mobili; d) fornire il necessario supporto tecnico-scientifico per l’allestimento dei depositi temporanei e degli eventuali laboratori di pronto intervento allestiti per i beni culturali mobili allontanati dai luoghi di crisi; e) produrre relazioni periodiche di monitoraggio sull’andamento della missione; f) produrre una relazione finale sulla missione.

L’intervento all’estero dei Caschi blu della Cultura, previa valutazione delle condizioni di stabilità, di sicurezza e di impiego, può essere attivato su espressa richiesta di uno o più Stati esteri, sentito il Ministero degli affari esteri e della cooperazione internazionale. La Task Force può operare su invito dell’UNESCO come concordato nel corso del G20 Cultura dì fine luglio. (@OnuItalia)

 

Alessandra Baldini
Alessandra Baldinihttps://onuitalia.com
Alessandra Baldini e’ stata la prima donna giornalista parlamentare per l’Ansa, poi corrispondente a Washington e responsabile degli uffici Ansa di New York e Londra. Dirige OnuItalia.

Articoli Correlati

Rimani Connesso

4,527FansMi piace
7,156FollowerSegui

Ultimi Articoli