8.9 C
New York
venerdì, Luglio 12, 2024

Ucraina: calciatori uniti in appello UNHCR/WFP per aiutare rifugiati e sfollati

GINEVRA/ROMA, 30 MARZO – Sei calciatrici e calciatori di spicco, tre dei quali ex rifugiati, si sono fatti promotori di un appello congiunto con l’UNHCR, Agenzia ONU per i Rifugiati, e il Programma Alimentare Mondiale (World Food Programme/WFP), per raccogliere fondi e aiutare i rifugiati fuggiti all’estero e le persone sfollate all’interno dell’Ucraina.

Il lancio dell’appello globale #football4ukraine avviene in una fase in cui quasi un quarto della popolazione dell’Ucraina, ovvero oltre 10 milioni di persone, è stato costretto a fuggire. I circa 3,9 milioni di rifugiati fuggiti dal Paese fanno di questa crisi l’esodo in più rapida espansione dai tempi della Seconda Guerra Mondiale. Altri 6,5 milioni di persone sono sfollati all’interno del territorio nazionale e almeno 13 milioni sarebbero bloccati nelle aree colpite o impossibilitati a fuggire a causa degli elevati rischi per la sicurezza, della distruzione di ponti e strade e della carenza di risorse o informazioni relative ai luoghi presso cui potersi mettere in salvo e trovare riparo.

All’appello aderiscono giocatori e giocatrici di Premier League, Bundesliga e Division 1 femminile. I tre giocatori con un passato da rifugiati sono Alphonso Davies, stella del Bayern Monaco e Ambasciatore di buona volontà dell’UNHCR, Mahmoud Dahoud (Borussia Dortmund), primo rifugiato siriano a giocare nella Bundesliga, e il portiere dell’Everton FC, Asmir Begovic, costretto a fuggire dalla Bosnia-Erzegovina. Insieme a loro, hanno aderito Lucy Bronze, giocatrice del Manchester City insignita del premio FIFA Women’s Player 2020, Ada Hegerberg, calciatrice dell’Olympique Lyonnais e prima donna a essere premiata col Pallone d’oro e Juan Mata, calciatore del Manchester United e campione del mondo con la nazionale spagnola.

I giocatori rivolgono un appello ai tifosi di tutto il mondo, indipendentemente dalla loro squadra del cuore, affinché sostengano uniti le persone costrette a fuggire dalla guerra in Ucraina donando mediante questo link.

Alphonso Davies ha dichiarato: “Mi rattrista molto vedere milioni di persone costrette a fuggire ovunque a causa della guerra. Giorno dopo giorno si rende sempre più necessario assicurare sostegno. Ecco perché quest’appello è così importante, per assicurare aiuti a chiunque ne abbia bisogno”.

“Questa situazione mi ha spezzato il cuore. Milioni di persone, tra cui molti bambini, sono stati costretti a fuggire dalle proprie case senza sapere cosa riserverà loro il futuro o quando potranno fare ritorno a casa. È ancora più scioccante pensare che questa crisi si somma a quelle che vedono già 84 milioni di persone in fuga nel mondo. Spero che il nostro appello per le persone in fuga in Ucraina garantirà loro gli aiuti di cui hanno bisogno”, ha dichiarato Lucy Bronze.

L’appello riunisce le competenze dell’UNHCR nel proteggere famiglie in fuga e l’esperienza del WFP nel salvare vite umane in aree di conflitto. Affinché le donazioni assicurino il migliore impatto possibile sulle persone colpite dall’emergenza in Ucraina, saranno ripartite tra le due organizzazioni per fornire cibo, riparo, sostegno psicosociale, aiuti in denaro e altri aiuti salvavita.

UNHCR e WFP sono sul campo sia all’interno sia al di fuori dell’Ucraina, impegnate giorno e notte ad aiutare tutti coloro che necessitano maggiormente di aiuto. In Ucraina, l’UNHCR si sta adoperando per assicurare beni di prima necessità, alloggi, aiuti in denaro e servizi di protezione di importanza vitale per quanti sono dovuti fuggire dalle proprie case. L’UNHCR, inoltre, coordina la risposta alla crisi in corso in tutta la regione, fornendo assistenza umanitaria e protezione e supportando le autorità a incrementare le capacità di accoglienza delle persone in arrivo.

Il WFP sta definendo una vasta operazione per assicurare cibo ai civili bloccati nelle città principali e garantire assistenza alle persone fuggite in Paesi limitrofi. Il personale, inoltre, sta allestendo centri logistici in numerose località dei Paesi vicini per facilitare le operazioni di assistenza umanitaria all’interno dell’Ucraina.

“La risposta assicurata dai tifosi di calcio di tutto il mondo a favore delle persone colpite dal conflitto in Ucraina, è per noi fonte di ispirazione. È importante che tutti ricordino che nessuno sceglie di diventare rifugiato. I rifugiati, che vengano dall’Ucraina o da altri Paesi,  sono persone che si ritrovano loro malgrado nella più straziante delle circostanze, costretti a fuggire per salvarsi. Ognuno può fare la propria parte unendosi alla campagna, permettendoci, così, di ampliare le capacità di intervento”, ha dichiarato l’Alto Commissario delle Nazioni Unite per i Rifugiati, Filippo Grandi.

“Non è possibile coltivare e raccogliere i frutti dai campi la’ dove piovono bombe”, ha affermato il Direttore Esecutivo del WFP, David Beasley. “Milioni di persone in Ucraina stanno vivendo il peggior incubo della propria vita e, a meno che la guerra termini ora, il granaio d’Europa non sarà in grado di sostentare se stesso. Giorno dopo giorno, la guerra sta affamando le persone non solo in Ucraina ma anche in Paesi lontani dai suoi confini e che fanno affidamento sul grano e sui cereali ucraini per nutrire i cittadini più poveri. Questa guerra è una catastrofe per il mondo intero”.(@OnuItalia)

OnuItalia
OnuItaliahttps://onuitalia.com
Il giornale Italiano delle Nazioni Unite. Ha due redazioni, una a New York, l’altra a Roma.

Articoli Correlati

Rimani Connesso

4,527FansMi piace
7,156FollowerSegui

Ultimi Articoli