8.9 C
New York
venerdì, Luglio 12, 2024

COP26: Guadagnolo (Youth Action Hub Italia), il clima è affare per giovani

LONDRA, 4 NOVEMBRE – Di fronte all’implacabile cambiamento climatico, il 60% dei giovani intervistati in 10 paesi afferma di essere preoccupato per il futuro.
”È tempo di passare dall’impegno superficiale con i giovani a una collaborazione più significativa per intraprendere azioni per il clima”, afferma Daniele Guadagnolo, coordinatore dello Youth Action Hub Italia sostenuto dall’UNCTAD e co-fondatore di Change For Planet, che in questi giorni è  Glasgow per la COP26.
“La nostra speranza è quella di creare un ambiente più sostenibile per tutti, senza la preoccupazione del futuro”, dice, in un’intervista al sito dell’UNCTAD.
Una pausa pranzo che ha cambiato tutto

Daniele Guadagnolo

Il viaggio di Guadagnolo per aiutare a costruire un futuro più verde è iniziato al secondo Forum dei giovani dell’UNCTAD tenutosi nel 2018 a Ginevra. Ha presentato la sua domanda durante una pausa pranzo. “Essere lì con altri 250 giovani provenienti da tutto il mondo, ma uniti in un’idea comune di come dovrebbe essere il mondo, ha tracciato la strada per il mio futuro”, ha spiegato.
Gli ultimi anni hanno visto un aumento degli eventi meteorologici estremi, che vanno da siccità prolungate, forti tempeste, inondazioni e incendi. Questi fenomeni naturali stanno devastando i mezzi di sussistenza delle persone e esacerbando i conflitti sociali, spostando più di 20 milioni di persone ogni anno, secondo l’Agenzia delle Nazioni Unite per i rifugiati.
Guadagnolo e i suoi colleghi di Youth Action Hub Italia redigono raccomandazioni di politica climatica e parlano a eventi internazionali. Durante l‘ECOSOC Youth Forum 2019, ha sollevato la questione dei rifugiati climatici e della migrazione verso i confini europei.Ora afferma di aver compreso il ruolo che i giovani svolgono nel lottare contro il riscaldamento globale e guidare il cambiamento di mentalità verso uno stile di vita più sostenibile dopo aver partecipato alla conferenza sul clima delle Nazioni Unite (COP24) a Katowice, in Polonia, nel 2018.ECOSOC
Per coinvolgere il maggior numero di giovani delle comunità rurali sui temi del clima, nel 2019 ha co-organizzato la prima conferenza sui cambiamenti climatici per i giovani locali, riunendo oltre 180 persone a Firenze. Per tre giorni, gli intervenuti hanno partecipato a lezioni sull’agricoltura, l’economia circolare e la transizione verde tra i settori. Alla fine dell’evento, i giovani hanno elaborato 73 proposte concrete per integrare le politiche climatiche esistenti per le istituzioni chiave che affrontano i cambiamenti climatici.
Promuovere l’agenda climatica attraverso lo storytelling creativo
Nel mezzo della crisi COVID-19 in corso, la ricerca mostra che la preoccupazione del pubblico nei confronti del clima è aumentata, con la maggior parte delle persone che chiedono risposte politiche ad ampio raggio.
La crescente preoccupazione pubblica ha portato Guadagnolo a co-fondare Change For Planet, una ONG guidata dai giovani volta a sensibilizzare sulla sostenibilità e l’azione ambientale. Parlare di degrado ecologico, emissioni di gas serra o aumento della temperatura a volte può essere troppo astratto, afferma Guadagnolo. La sua organizzazione utilizza quindi l’arte e la musica per trasmettere messaggi sulla sostenibilità e l’azione per il clima.
“Stiamo cercando di raggiungere più persone con approcci creativi, come l’organizzazione di concerti sul clima in cui gli artisti suonano strumenti realizzati con materiali sostenibili ed eseguono brani sull’azione per il clima”, afferma.
Durante i lockdown indotti dalla pandemia in Italia, Change for Planet ha organizzato mostre di dipinti legati al clima per aumentare l’alfabetizzazione climatica tra i giovani italiani.
Costruire una società attenta al clima
Guadagnolo crede che i giovani in ogni parte del mondo possano aiutare a costruire una società consapevole del clima se sostengono attivamente le istituzioni pubbliche coinvolte negli impegni sull’ambiente. “Vogliamo portare il messaggio là fuori con l’aiuto dei media e coinvolgere più giovani nei processi politici”, dice.
A settembre ha partecipato allo Youth4Climate Summit tenutosi a Milano, pre-evento della conferenza ONU sul clima (COP26) in corso a Glasgow. Ha sostenuto un migliore finanziamento per le imprese verdi, con particolare attenzione al settore privato nei paesi in via di sviluppo.
A proposito della ripresa verde ampiamente discussa per il mondo post-COVID-19, Guadagnolo afferma: “I giovani al giorno d’oggi si sentono depotenziati perché le cose non sembrano mai cambiare”. Anche se la fiducia nelle istituzioni pubbliche rimane bassa tra i giovani, crede che in un mondo di crescente instabilità, il ruolo di istituzioni forti e una leadership fidata siano vitali per guidare l’agenda climatica per il bene dell’umanità e del pianeta. “Dovremmo avere una visione comune per il futuro, senza preoccuparci di come sarà il mondo tra 20 anni. Ma dobbiamo iniziare ora”.

Maria Novella Topi
Maria Novella Topihttps://onuitalia.com
Maria Novella Topi è stata a lungo capo servizio della Redazione Esteri dell'Ansa. Tra le sue missioni l'Albania (di cui ha seguito per l'agenzia la caduta del comunismo e le successive rivolte), l'Iraq e la Libia. Ha lavorato per lunghi periodi nell'ufficio di corrispondenza di Parigi. Collabora da Roma a OnuItalia.

Articoli Correlati

Rimani Connesso

4,527FansMi piace
7,156FollowerSegui

Ultimi Articoli