8.9 C
New York
giovedì, Luglio 25, 2024

Etiopia: UNPFA, la storia di Amino e del suo bambino, vivo grazie al sistema di assistenza a donne e neonati

DUDUMACAD (Etiopia), LUGLIO – ”Salvare la vita di questo bambino è stato un miracolo e una benedizione per la mia famiglia. Sono immensamente grata”, dice Amino Bashir, 25 anni, mentre tiene in braccio il suo neonato. La signora Bashir vive a Dudumacad nella regione somala dell’Etiopia, una delle aree devastate da un’estenuante siccità nel Corno d’Africa che ha colpito finora più di 36 milioni di persone e questa è la sua storia, simile a quella di molte altre donne.
Questa è stata la sua quarta gravidanza, ma il suo primo parto sicuro e di successo: gli ultimi tre erano tutti finiti male, poiché uno è morto prima del termine e gli altri sono nati morti dopo che la donna era entrata in travaglio in casa senza alcun aiuto professionale.

Amino con il suo bambino

La storia di Amino Bashir è raccontata dall’UNPFA, il Fondo delle Nazioni Unite per la popolazione, e nel suo caso i volontari della comunità partner dell’UNFPA sono stati decisivi per evitare un altro parto che termina con una morte.

Molti servizi sanitari, tra cui l’assistenza materna di emergenza e la pianificazione familiare, sono sospesi o gravemente limitati in Etiopia dopo anni di conflitto, siccità e più recentemente devastanti inondazioni improvvise. Oltre 260.000 donne sono attualmente in stato di gravidanza nella sola regione somala, molte delle quali sfollate internamente a causa di crisi ricorrenti e multiple e a rischio di denutrizione acuta. Costrette a migrare in cerca di acqua, cibo e pascoli, migliaia di donne incinte e neomamme non hanno accesso nemmeno alle cure sanitarie più elementari.
I volontari stanno raggiungendo le donne attraverso gruppi di supporto locali e andando di porta in porta per sensibilizzare sulla disponibilità di assistenti al parto qualificati presso le strutture sanitarie locali.

L’impatto dei parti qualificati alla nascita sulla cura dei neonati
Selamawit Asnake, che ha ricevuto formazione a lungo termine e tutoraggio dall’UNFPA, ha assistito la signora Bashir nel partorire presso il centro sanitario Dudumacad supportato dall’UNFPA. “Il battito cardiaco del bambino era debole, e non piangeva”, ha detto. “Ho immediatamente tagliato il cordone ombelicale e ho iniziato il processo di rianimazione“. Il neonato non rispondeva, ma la signora Asnake ha continuato i suoi tentativi, monitorando i suoi segni vitali. “Dopo 15 minuti di grande sforzo, il bambino ha iniziato a respirare. Ma il suo respiro era irregolare, così ho deciso di chiamare l’ambulanza e indirizzarlo all’ospedale Fik,[a circa 40 chilometri di distanza, per ulteriori cure”.
Dopo aver trascorso i primi tre giorni nell’unità di terapia intensiva neonatale, il piccolo Farxan si è stabilizzato, ha cominciato a respirare correttamente e è stato dichiarato fuori pericolo.
Oltre 4,5 milioni tra donne e bambini muoiono ogni anno in tutto il mondo durante la gravidanza, il parto o le prime settimane dopo la nascita, equivalenti a una morte ogni sette secondi. L’Etiopia ha il quinto tasso più alto al mondo di morti materne e neonatali e nati morti. A livello globale, ogni sette secondi una donna muore per complicazioni del parto o della gravidanza che avrebbero potuto essere in gran parte prevenute o le loro cause trattate se fossero state disponibili cure adeguate.
Tuttavia, garantire tale assistenza è particolarmente impegnativo laddove i sistemi sanitari nazionali sono già sull’orlo del collasso, specialmente nei paesi alle prese con una crisi umanitaria.
“I parti a domicilio non assistiti contribuiscono ad aumentare il rischio di complicazioni per la madre e il bambino che possono causare morte e disabilità per tutta la vita. La maggior parte di queste morti e complicazioni avrebbe potuto essere evitata se la futura mamma fosse stata assistita da una persona qualificata”, ha spiegato James Okara Wanyama, medico e coordinatore dei programmi umanitari dell’UNFPA in Etiopia.

Migliorare l’assistenza materna e neonatale
Finora nel 2023, l’UNFPA ha schierato oltre 200 ostetriche addestrate per sostenere l’assistenza sanitaria materna e neonatale in cinque regioni dell’Etiopia colpite da conflitti e siccità. Sono stati inoltre dispiegati operatori sanitari e di sensibilizzazione e sei squadre mobili per la salute materna per aumentare la consapevolezza e incoraggiare le persone provenienti da comunità colpite da crisi a cercare consulenza e supporto di medici esperti; Questi servizi hanno finora raggiunto oltre 300.000 donne e ragazze.
Il programma di sviluppo e monitoraggio delle capacità che ha contribuito a salvare il piccolo Farxan fa parte di un progetto congiunto che l’UNFPA sta portando avanti nella regione somala, insieme all’UNICEF e con finanziamenti dall’Irlanda. Circa 95 partecipanti sono stati formati sulla salute materna e riproduttiva, compresa l’assistenza ostetrica e neonatale di emergenza, la gestione clinica degli stupri e la risposta ai casi di violenza di genere nelle emergenze. Attrezzature mediche come letti d’ospedale, kit per la salute riproduttiva e migliaia di ‘kit di dignità’ sono stati forniti a più di 190.000 persone nelle aree colpite dalla crisi.
L’appello di risposta umanitaria 2023 dell’UNFPA chiede 45 milioni di dollari per rispondere ai bisogni di salute e protezione di donne e ragazze nelle regioni colpite dalla crisi in Etiopia, dove donne e bambini costituiscono attualmente più di due terzi delle persone bisognose. Ad oggi l’appello è finanziato per poco meno del 50 per cento.

OnuItalia
OnuItaliahttps://onuitalia.com
Il giornale Italiano delle Nazioni Unite. Ha due redazioni, una a New York, l’altra a Roma.

Articoli Correlati

Rimani Connesso

4,527FansMi piace
7,156FollowerSegui

Ultimi Articoli