8.9 C
New York
venerdì, Maggio 24, 2024

Biodiversità: Onu sprona singoli e governi a capire che occorre ‘passare dalle parole alle azioni’

ROMA, 23 MAGGIO – Il tema della Giornata internazionale per la diversità biologica, appena celebrata, è stato incentrato sul passaggio dalle parole all’azione: ricostruire la biodiversità. “Nella Giornata internazionale per la diversità biologica, riflettiamo sul nostro rapporto con il sistema di supporto vitale dell’umanità, dall’aria che respiriamo e dal cibo che mangiamo, all’energia che ci alimenta e alle medicine che ci guariscono, le nostre vite dipendono interamente da ecosistemi sani”, ha scandito il segretario generale delle Nazioni Unite Antonio Guterres. “Eppure, le nostre azioni stanno devastando ogni angolo del pianeta – ha aggiunto – 1 milione di specie sono a rischio di estinzione, il risultato del degrado dell’habitat, dell’inquinamento arrivato alle stelle e del peggioramento della crisi climatica”.biodiversità

COSA DICE L’ONU

Mentre vi è un crescente riconoscimento del fatto che la diversità biologica è una risorsa globale di enorme valore per le generazioni future, il numero di specie viene significativamente ridotto da alcune attività umane, dal disboscamento illegale al bracconaggio della fauna selvatica.
La diversità biologica è spesso intesa in termini di grande varietà di piante, animali e microrganismi, ma include anche differenze genetiche all’interno di ciascuna specie.
In un delicato equilibrio, la biodiversità riflette le differenze tra varietà di colture e razze di bestiame, nonché la varietà di ecosistemi come laghi, foreste, deserti e paesaggi agricoli, che ospitano una miriade di interazioni tra i loro ospiti umani, vegetali e animali.
Ma la perdita di biodiversità minaccia tutti, compresa la salute. È stato dimostrato che la perdita di biodiversità potrebbe espandere le zoonosi, malattie trasmesse dagli animali all’uomo. Mantenere intatta la biodiversità offre strumenti eccellenti per combattere pandemie come quelle causate dal coronavirus.
Un totale di 196 nazioni hanno ratificato la Convenzione sulla diversità biologica, che è lo strumento giuridico internazionale per “la conservazione della diversità biologica, l’uso sostenibile dei suoi componenti e la giusta ed equa ripartizione dei benefici derivanti dall’utilizzo delle risorse genetiche”.
Segnando un importante passo avanti, il Kunming-Montreal Global Biodiversity Framework, adottato nel 2022, ha visto tutte le parti impegnarsi a fissare obiettivi nazionali per attuarlo. Alla prossima Conferenza delle Parti nel 2024 a Türkiye, il mondo farà il punto sugli obiettivi e gli impegni che sono stati fissati.
Il Programma delle Nazioni Unite per l’ambiente (UNEP) e i suoi partner hanno lanciato una piattaforma online per gli impegni dei gruppi non governativi di tutto il mondo, da un progetto di protezione della foresta pluviale in Costa d’Avorio a uno sforzo di conservazione marina in Cambogia. Ad oggi ne sono stati impegnati 212.
Guterres ha ribadito: “Ora è il momento di passare dall’accordo all’azione”; ciò si traduce nel garantire modelli di produzione e consumo sostenibili e nel reindirizzare i sussidi dalle attività che distruggono la natura verso soluzioni verdi.
Significa anche ”riconoscere i diritti delle popolazioni indigene e delle comunità locali, i più forti guardiani della biodiversità mondiale, e spingere i governi e le imprese a intraprendere azioni più forti e più rapide contro la perdita di biodiversità e la crisi climatica”.

OnuItalia
OnuItaliahttps://onuitalia.com
Il giornale Italiano delle Nazioni Unite. Ha due redazioni, una a New York, l’altra a Roma.

Articoli Correlati

Rimani Connesso

4,527FansMi piace
7,156FollowerSegui

Ultimi Articoli