8.9 C
New York
martedì, Luglio 23, 2024

AIEA e UNICRI uniscono sforzi contro il traffico di beni culturali

VIENNA/TORINO, 23 MAGGIO – L’Agenzia internazionale per l’energia atomica (AIEA) e l’Istituto di ricerca interregionale delle Nazioni Unite per il crimine e la giustizia (UNICRI) stanno intensificando i loro sforzi sull’uso della scienza nucleare per combattere il traffico illecito di beni culturali. In un briefing tecnico informale tenutosi il 4 maggio 2023 presso la sede dell’AIEA a Vienna, le due organizzazioni hanno presentato, oltre alle attivita’ di cooperazione messe in piedi fino ad oggi, una proposta di istituire e gestire una piattaforma integrata per sostenere gli sforzi degli Stati membri per combattere in modo piu’ efficace il traffico illecito di beni culturali.

Secondo un articolo pubblicato sul sito web dell’AIEA, esperti di diverse discipline hanno discusso gli aspetti chiave del traffico illecito di beni culturali, evidenziando le attività dell’agenzia sulla gestione sostenibile del patrimonio culturale e i suoi casi di successo sul ruolo e l’uso delle tecniche analitiche nucleari per individuare manufatti saccheggiati o falsi. Il valore commerciale del traffico illecito di beni culturali è stimato tra 1,2 e 1,6 miliardi di dollari all’anno. Tali attività criminali comprendono una serie di azioni illecite, tra cui il furto di beni culturali dai musei, lo scavo e il saccheggio illegale di siti archeologici e il trasferimento illecito di proprietà.

Il traffico dei beni culturali come minaccia alla pace e alla sicurezza

Il traffico di beni culturali, insieme alla distruzione del patrimonio culturale, è stato riconosciuto come una minaccia alla pace e alla sicurezza internazionale dal Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite. Nel 2021 la Risoluzione 76/16 dell’Assemblea Generale dell’ONU, “Restituzione o restituzione di beni culturali ai paesi di origine”, ha chiesto all’unanimita’ misure complessive per intensificare la lotta al traffico illecito di beni culturali.

Le tecniche analitiche nucleari possono svolgere un ruolo fondamentale nell’indagine e nella persecuzione di diverse forme di commercio illecito e falsificazioni. Queste tecniche possono contribuire in tre modi importanti. In primo luogo, identificando falsi che i truffatori intendono far passare per originali; in secondo luogo, identificando opere d’arte e beni culturali rubate; e terzo (nell’ambito dei metalli preziosi), supportando l’identificazione della provenienza geografica esatta di oro, platino e altri metalli, contribuendo anche alla scoperta di operazioni di estrazione illegale e traffico illecito di metalli preziosi.

“Lo scopo della nuova iniziativa è migliorare la capacità degli Stati membri di recuperare le perdite economiche causate dal traffico illecito di beni culturali, nonché sostenere i loro sforzi nel raggiungimento degli obiettivi di sviluppo sostenibile, come il target 16.4 sulla lotta alla criminalità organizzata e alla riduzione dei flussi finanziari e degli armamenti illeciti”, ha dichiarato Leif Villadsen, Direttore Aggiunto di UNICRI.

La piattaforma proposta riunirà l’esperienza dell’IAEA nelle tecniche analitiche nucleari con la conoscenza e la rete di UNICRI nella prevenzione del crimine e nella giustizia, e includerà diversi componenti, come l’analisi delle minacce e il confronto delle tecnologie, la ricerca e lo sviluppo di tecniche analitiche nucleari per l’autenticazione e la provenienza, il trasferimento di conoscenze e l’adozione di tecnologie, il coinvolgimento tra agenzie, l’istituzione di una piattaforma di conoscenza per lo scambio di informazioni e la fornitura di servizi analitici per l’autenticazione e la provenienza su richiesta degli Stati membri.

“Chiediamo ai paesi di aiutarci ad approfondire il dialogo tra scienziati e forze dell’ordine per un maggiore utilizzo della scienza e della tecnologia nucleare per combattere il traffico illecito di beni culturali e il commercio illecito, e sostenere il raggiungimento degli obiettivi di sviluppo sostenibile”, ha affermato Najat Mokhtar, Direttore Generale Aggiunto dell’IAEA e Capo del Dipartimento di Scienze e Applicazioni Nucleari.

L’IAEA e UNICRI, partner da lungo tempo in diverse aree, tra cui la sicurezza nucleare e la scienza forense, hanno firmato un accordo nel 2021 per aumentare la collaborazione nella prevenzione e nel contrasto delle attività criminali in tutto il mondo utilizzando la scienza e la tecnologia nucleare. Recentemente, in un workshop in Ghana nel marzo 2023, esperti delle due organizzazioni hanno evidenziato la forte necessità di collaborazione tra scienziati nucleari e operatori dell’apparato di giustizia. (@OnuItalia)

OnuItalia
OnuItaliahttps://onuitalia.com
Il giornale Italiano delle Nazioni Unite. Ha due redazioni, una a New York, l’altra a Roma.

Articoli Correlati

Rimani Connesso

4,527FansMi piace
7,156FollowerSegui

Ultimi Articoli