8.9 C
New York
mercoledì, Luglio 24, 2024

Afghanistan: nuova stretta, talebani vietano alla donne di lavorare per le Nazioni Unite

ROMA, 5 APRILE – Nuova stretta dei talebani afghani contro le donne: dopo il divieto di studiare arriva quello di lavorare: i talebani hanno emesso un ‘ordine’ per vietare alle donne afghane impiegate dall’Onu, finora risparmiate da tali restrizioni, di lavorare ovunque in Afghanistan. Il portavoce dell’Onu, che lo ha reso noto, ha definito la decisione “inaccettabile e francamente inconcepibile”.“Ci è stato detto attraverso diversi canali che il divieto si applica a tutto il Paese”, ha affermato Stéphane Dujarric, mentre la missione delle Nazioni Unite inn Afghanistan inizialmente aveva indicato che ai dipendenti afghani dell’Onu era stato impedito di lavorare  solo in una regione dell’Est. Alcune fonti dell’ONU sentite da Reuters hanno detto che a tutto il personale afghano impiegato dall’organizzazione nel paese – circa 3.300 tra donne e uomini – è stato chiesto di non presentarsi al lavoro per 48 ore in via precauzionale.

Da quando hanno ripreso il potere in Afghanistan nell’agosto del 2021, i talebani hanno progressivamente ridotto i diritti delle donne, escludendole sempre di più dalla vita sociale e dal lavoro, e impedendo alle ragazze di frequentare le scuole superiori e le università. Lo scorso dicembre il regime dei talebani aveva annunciato che le donne afghane non avrebbero più potuto lavorare per le ong, sia locali che internazionali.

Per il Segretario generale delle Nazioni Unite Antonio Guterres, ha detto Dujarric, ”qualsiasi divieto del genere è inaccettabile e francamente inconcepibile. Questa è l’ultima mossa di una tendenza inquietante che compromette la capacità delle organizzazioni umanitarie di raggiungere i più bisognosi”.

L’ONU ha ribadito che il personale femminile è essenziale affinché le Nazioni Unite forniscano assistenza salvavita: ”Tali ordini  violano i diritti fondamentali delle donne e violano il principio di non discriminazione. Il personale femminile è essenziale per garantire la continuazione delle operazioni delle Nazioni Unite sul terreno in Afghanistan”. Dujarric ha detto che, su una popolazione di circa 40 milioni di persone in Afghanistan, ”stiamo cercando di raggiungere 23 milioni di uomini, donne e bambini con aiuti umanitari. Continueremo a perseguire tutte le strade per garantire di poter raggiungere le persone più vulnerabili, in particolare donne e ragazze”.

OnuItalia
OnuItaliahttps://onuitalia.com
Il giornale Italiano delle Nazioni Unite. Ha due redazioni, una a New York, l’altra a Roma.

Articoli Correlati

Rimani Connesso

4,527FansMi piace
7,156FollowerSegui

Ultimi Articoli