8.9 C
New York
martedì, Luglio 23, 2024

Quando agricoltura è cultura: 4 nuovi siti entrano nel programma GIAHS della FAO

ROMA, 28 OTTOBRE – Splendidi paesaggi naturali evolutisi nell’arco dei secoli, i sistemi di patrimonio agricolo di importanza mondiale (Globally Important Agricultural Heritage Systems, GIAHS) sostengono le comunità e, contemporaneamente, le loro culture. In occasione delle celebrazioni del 20° anniversario del programma GIAHS della FAO, quattro nuovi siti (due in Cina e due in Giappone) sono stati designati di recente per la loro importanza culturale.

All’interno di tali sistemi, un rapporto simbiotico lega il paesaggio naturale al più ampio contesto sociale; così come le comunità dipendono da tali ecosistemi per la loro sussistenza, la conservazione degli ecosistemi fa affidamento sui saperi tradizionali e sulle pratiche sostenibili di queste stesse comunità.
Tali saperi, che modellano e salvaguardano questi straordinari paesaggi, sono radicati nelle tradizioni e nelle culture delle comunità locali. Si tratta di ricche tradizioni culturali  essenziali per la conservazione e trasmissione di saperi e metodi tradizionali che contribuiscono a preservare le risorse naturali.

Terrazzamenti in pietra dei terreni aridi della contea di She, Cina
Il sistema di terrazzamenti della regione arida della contea di She risale alla dinastia Yuan. Si tratta di un sistema agricolo, irrigato con acqua piovana, che consiste di una serie di terrazze costruite ad alta quota, sulle pendici delle montagne nella contea cinese di She. La terrazza più ad alta quota si trova a un’altitudine di oltre 1000 metri, dove si registrano pendenze di più del 50%. Le comunità locali utilizzano le terrazze per coltivare molteplici varietà di cereali tra cui il miglio, colture commerciali e alberi da frutto economici come noci e arbusti quali lo Zanthoxylum simulans.
Gli abitanti del posto si tramandano le conoscenze agricole attraverso proverbi del tipo ”Seminare all’inizio della pioggia, coltivare durante la pioggia e raccogliere alla fine della pioggia”, che descrivono il modo ottimale per sfruttare le precipitazioni per la pratica agricola locale.

Sistema di coltura del tè Tie Guan Yin nella contea di Anxi, Cina
L’albero del tè Tie Guan Yin è stato scoperto nei giardini terrazzati del tè della contea di Anxi, in Cina. Dalla pianta si ricava l’apprezzata varietà di tè oolong. Il sistema della coltura del tè di questa contea, le cui radici affondano nel lontano passato, è fatto risalire alla dinastia Song (960 – 1279 d.C.) e si è diffuso in tutto il mondo attraverso la via della seta marittima. Su queste terrazze si coltivano oltre 100 varietà di tè e generazioni di agricoltori hanno contribuito a migliorare, in tutto il mondo, le tecniche di coltivazione di queste piante. La coltura del tè Tie Guan Yin di Anxi ha influenzato la società agricola della regione, nonché, tra le altre cose, le credenze religiose, l’arte e la letteratura.

Sistema integrato lago Biwa – risaie, Giappone
Il sistema integrato lago Biwa – risaie unisce i tradizionali sistemi di pesca nelle acque interne con la coltivazione in risaia, per cui, sia il lago, che le risaie circostanti, concorrono a nutrire i pesci. In questa zona, i pescatori hanno utilizzato e perfezionato vari metodi di pesca nel corso di oltre 1000 anni. Hanno inoltre adattato la cultura locale e le norme sociali al fine di garantire la sostenibilità delle risorse naturali e la conservazione dell’ecosistema. Ancora oggi, esistono organizzazioni di pescatori create storicamente per evitare la concorrenza e proteggere la disponibilità delle risorse, attraverso un uso limitato delle tecniche di pesca. Queste regole sono state applicate con successo e le restrizioni imposte hanno concorso ad aumentare la diffusione di importanti specie endemiche.

Sistema di coltivazione della frutta nella regione di Kyoto, Yamanashi, Giappone
La coltivazione della frutta nella regione giapponese di Kyoto ha prosperato nei secoli grazie a metodi agricoli adattivi come le speciali forme di allevamento delle viti a pergole. Adatte alle condizioni di alta piovosità e umidità della regione, i pergolati in stile Koshu, associati a grandi viti a impianto piuttosto ampio, consentono ai coltivatori di ridurre i problemi associati agli organismi nocivi e gestire la vigoria delle viti, al fine di salvaguardare la produzione di vino, che è indispensabile per la sussistenza rurale.
La regione è considerata la culla della viticoltura giapponese, una pratica antica di almeno 800 anni. La produzione di vino è soprattutto finalizzata al consumo diretto e al turismo. Oltre all’uva, in questi terreni, vengono coltivate anche numerose varietà di altri frutti, come pesche, prugne e cachi.
La cultura riveste un ruolo importante nel sostentamento dei metodi e dei saperi agricoli. Se sono molte le ragioni per cui le comunità hanno sviluppato queste tradizioni, non ultima la sopravvivenza, in parte, è anche l’aspetto culturale dell’agricoltura a permeare la vita quotidiana delle comunità e ad essere trasmesso di generazione in generazione, contribuendo, a sua volta, alla conservazione di questi sistemi di importanza globale.

OnuItalia
OnuItaliahttps://onuitalia.com
Il giornale Italiano delle Nazioni Unite. Ha due redazioni, una a New York, l’altra a Roma.

Articoli Correlati

Rimani Connesso

4,527FansMi piace
7,156FollowerSegui

Ultimi Articoli