8.9 C
New York
mercoledì, Luglio 24, 2024

Siccità: per UNICEF i bambini del Corno d’Africa e del Sahel ad altissimo rischio

ROMA, 24 AGOSTO – I bambini nel Corno d’Africa e nella vasta regione del Sahel “potrebbero morire in numero devastante” senza un intervento e un sostegno urgenti che contrastino la siccità: l’allarme, mai così vibrante, è stato appena lanciato dall’UNICEF secondo cui negli ultimi cinque mesi, il numero di persone in Etiopia, Kenya e Somalia senza accesso sicuro all’acqua potabile, è passato da 9,5 milioni a 16,2 milioni, cioè quasi raddoppiato.
L’insicurezza idrica, fa notare l’agenzia dellOnu per l’infanzia, ha portato alla proliferazione di malnutrizione grave e ha aumentato il rischio di gravi malattie trasmesse dall’acqua.
I rischi si moltiplicano
“Quando l’acqua non è disponibile o non è sicura, i rischi per i bambini si moltiplicano in modo esponenziale”, ha dichiarato Catherine Russell, Direttrice generale dell’UNICEF. “In tutto il Corno d’Africa e nel Sahel, milioni di bambini sono solo una malattia lontani dalla catastrofe”.
In Burkina Faso, Ciad, Mali, Niger e Nigeria, siccità, conflitti e insicurezza inotre si affiancano al problema dell’insicurezza idrica, mentre la Settimana mondiale dell’acqua prende il via nella capitale svedese Stoccolma.
Secondo i dati dell’OMS, 40 milioni di bambini si trovano ad affrontare livelli elevati o estremamente elevati di vulnerabilità idrica. Già sono più bambini a morire a causa di acqua e servizi igienico-sanitari non sicuri nel Sahel, che in qualsiasi altra parte del mondo. La maggior parte delle persone nel Corno d’Africa si affida all’acqua consegnata dai venditori su camion o carretti trainati da asini. Nelle aree più colpite dalla siccità, l’acqua non è più accessibile per molte famiglie, ha dichiarato l’UNICEF:
• In Kenya, 23 contee hanno visto aumenti significativi dei prezzi, a Mandera con un aumento del 400% e Garissa al 260%, rispetto ai dati di gennaio 2021.
• In Etiopia, il costo dell’acqua nel giugno di quest’anno è raddoppiato nella regione di Oromia e del 50% in Somalia, rispetto all’inizio della siccità nell’ottobre 2021.
• In Somalia, i prezzi medi dell’acqua sono aumentati dell’85% nel South-Mudug e del 55 e 75% rispettivamente a Buurhakaba e Ceel Berde, rispetto ai prezzi di gennaio di quest’anno.
Inoltre, in Kenya, oltre il 90% delle fonti di acqua aperta – come stagni e pozzi aperti – nelle aree colpite dalla siccità, sono esaurite o prosciugate, con un serio rischio di epidemia.
In tutto il Sahel, anche la disponibilità di acqua è diminuita di oltre il 40% negli ultimi 20 anni. Questo drastico declino delle risorse idriche è in gran parte dovuto ai cambiamenti climatici e a fattori complessi come i conflitti distruttivi.
L’effetto di questa insicurezza ha anche facilitato la peggiore epidemia di colera della regione negli ultimi sei anni, portando a 5.610 casi e 170 morti nel Sahel centrale.
In particolare, in Somalia, focolai di diarrea acquosa acuta e colera sono stati segnalati in quasi tutti i distretti colpiti dalla siccità. 8.200 casi sono stati segnalati tra gennaio e giugno 2022, più del doppio del numero di casi segnalati nello stesso periodo dell’anno scorso.
In una regione già gravata da 2,8 milioni di bambini malnutriti, la vulnerabilità idrica rende i bambini 11 volte più suscettibili di morire per malattie trasmesse dall’acqua rispetto a quelli che sono ben nutriti, ha detto l’UNICEF. Quasi due terzi di questi colpiti sono bambini di età inferiore ai cinque anni. Tra giugno 2021 e giugno 2022, l’UNICEF e i suoi partner hanno trattato oltre 1,2 milioni di casi di diarrea in bambini di età inferiore ai cinque anni nelle regioni più colpite dalla siccità di Afar, Somalia, SNNP e Oromia in Etiopia.Aiuti salvavita
Per combattere questa crisi, l’UNICEF sta fornendo aiuti salvavita e servizi resilienti ai bambini e alle loro famiglie in disperato bisogno in tutto il Corno d’Africa e nel Sahel.
I programmi includono il miglioramento dell’accesso all’acqua resiliente ai cambiamenti climatici, ai servizi igienico-sanitari e ai servizi igienici; perforazione di fonti affidabili di acque sotterranee e sviluppo dell’uso di sistemi solari; identificare e curare i bambini con malnutrizione e aumentare i servizi di prevenzione.
L’appello dell’UNICEF per migliorare la resilienza a lungo termine delle famiglie nella regione del Corno d’Africa – e fermare la siccità che devasta vite per gli anni a venire – è attualmente finanziato solo per il tre per cento.
Di questi, quasi nessun denaro è stato ricevuto per la sezione dedicata all’acqua, ai servizi igienico-sanitari e alla resilienza climatica. L’appello per la regione del Sahel centrale per soddisfare le esigenze dei bambini vulnerabili e delle famiglie con programmi di acqua, servizi igienico-sanitari e igiene è finanziato solo per il 22%.
All’inizio della Settimana mondiale dell’acqua di quest’anno, Russel ha fatto appello per ottenere finanziamenti migliori: “Le famiglie delle regioni colpite dalla siccità sono costrette a scelte impossibili. L’unico modo per fermare questa crisi è che i governi, i donatori e la comunità internazionale intensifichino i finanziamenti per soddisfare i bisogni più acuti dei bambini e fornire un sostegno flessibile a lungo termine per rompere il ciclo della crisi”.

OnuItalia
OnuItaliahttps://onuitalia.com
Il giornale Italiano delle Nazioni Unite. Ha due redazioni, una a New York, l’altra a Roma.

Articoli Correlati

Rimani Connesso

4,527FansMi piace
7,156FollowerSegui

Ultimi Articoli