8.9 C
New York
sabato, Luglio 13, 2024

OMS: ovunque risultati sanitari peggiori per rifugiati e migranti vulnerabili

GINEVRA, 25 LUGLIO – In tutto il mondo, milioni di rifugiati e migranti in situazioni vulnerabili, come i lavoratori migranti poco qualificati, affrontano risultati sanitari più poveri rispetto alle loro comunità ospitanti, specialmente dove le condizioni di vita e di lavoro sono al di sotto degli standard: lo afferma il primo rapporto mondiale dell’OMS sulla salute dei rifugiati e dei migranti. Ciò ha conseguenze disastrose per la probabilità che il mondo non raggiunga gli obiettivi di sviluppo sostenibile relativi alla salute per queste popolazioni.

“Oggi ci sono circa un miliardo di migranti a livello globale, circa una persona su otto. L’esperienza della migrazione è un fattore determinante per la salute e il benessere, e rifugiati e migranti rimangono tra i membri più vulnerabili e trascurati di molte società”, ha affermato il segretario generale dell’agenzia dell’Onu Tedros. “Questo rapporto è il primo a offrire una revisione globale della salute dei rifugiati e dei migranti; richiede un’azione urgente e collettiva per garantire che possano accedere ai servizi di assistenza sanitaria sensibili alle loro esigenze. Illustra anche l’urgente necessità di affrontare le cause profonde della cattiva salute e di riorientare radicalmente i sistemi sanitari per rispondere a un mondo sempre più in movimento”.
Basato su un’ampia rassegna della letteratura di tutto il mondo, il rapporto dimostra che i rifugiati e i migranti non sono intrinsecamente meno sani delle popolazioni ospitanti. È, piuttosto, l’impatto dei vari determinanti sanitari non ottimali, come l’istruzione, il reddito, l’alloggio, l’accesso ai servizi, aggravato da barriere linguistiche, culturali, legali e di altro tipo e l’interazione di questi durante il corso Una recente analisi OMS di oltre 17 milioni di partecipanti provenienti da 16 paesi in cinque regioni ha rilevato che, rispetto ai lavoratori non migranti, i lavoratori migranti avevano meno probabilità di utilizzare i servizi sanitari e più probabilità di avere un infortunio sul lavoro. Le prove hanno anche dimostrato che un numero significativo dei 169 milioni di lavoratori migranti a livello globale sono impegnati in lavori sporchi, pericolosi e impegnativi e sono a maggior rischio di incidenti sul lavoro, infortuni e problemi di salute legati al lavoro rispetto alle loro controparti non migranti, condizioni esacerbate dal loro accesso e utilizzo spesso limitato o limitato dei servizi sanitari.

La salute non inizia o finisce al confine di un paese. Lo status migratorio non dovrebbe pertanto essere un fattore discriminatorio, ma un motore politico su cui costruire e rafforzare l’assistenza sanitaria e la protezione sociale e finanziaria. Dobbiamo riorientare i sistemi sanitari esistenti in servizi sanitari integrati e inclusivi per rifugiati e migranti, in linea con i principi dell’assistenza sanitaria di base e della copertura sanitaria universale”, ha affermato Santino Severoni, direttore del programma Salute e migrazione dell’OMS.AfricaRifugiati e migranti possono introdurre idee innovative che guidano la trasformazione economica e sociale. Il Rapporto evidenzia gli straordinari contributi degli operatori sanitari rifugiati e migranti alla risposta in prima linea al COVID-19. Uno dei più notevoli è stato il contributo dei migranti in diversi paesi dell’Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico (OCSE), che sono stati particolarmente significativi quando in alcuni paesi ben la metà dei medici o degli infermieri sono nati all’estero.

L’attuazione di sistemi sanitari inclusivi conformi al principio del diritto alla salute per tutti e della copertura sanitaria universale consentirebbe alle persone che necessitano di servizi sanitari di essere identificate e sostenute precocemente, prima che molti problemi diventino acuti. I sistemi sanitari sono forti solo quanto il loro anello più debole. L’inclusione di rifugiati e migranti è un investimento utile per lo sviluppo e il benessere delle società di tutto il mondo, conclude il rapporto OMS. (@OnuItalia)

OnuItalia
OnuItaliahttps://onuitalia.com
Il giornale Italiano delle Nazioni Unite. Ha due redazioni, una a New York, l’altra a Roma.

Articoli Correlati

Rimani Connesso

4,527FansMi piace
7,156FollowerSegui

Ultimi Articoli