8.9 C
New York
venerdì, Luglio 19, 2024

Ucraina: AIEA; Grossi guiderà missione a Chernobyl. Eseguita rotazione del personale

VIENNA, 11 APRILE – L’Ucraina ha informato l’Agenzia internazionale per l’energia atomica (AIEA) di aver effettuato la prima rotazione del personale presso la centrale nucleare di ChErnobyl in tre settimane e solo la seconda dalla fine di febbraio, quando le forze russe hanno sequestrato il sito: lo ha annunciato il direttore generale Rafael Mariano Grossi.

Grossi l’ha definito un passo positivo necessario per il benessere del personale  e delle loro famiglie, che hanno vissuto e lavorato in circostanze estremamente stressanti e difficili durante il conflitto. Il cambio di turno è stato importante anche per il funzionamento sicuro e protetto della centrale che è stata posta sotto controllo dall’esercito russo per cinque settimane fino a quando non si è ritirato il 31 marzo. Il precedente cambio di personale in servizio aveva avuto luogo il 20-21 marzo, che a sua volta era stato il primo da quando l’esercito russo è entrato nel sito il 24 febbraio.

Grossi (AIEA)

Per l’AIEA il fatto che coloro che hanno preso parte alla rotazione del personale abbiano dovuto essere trasportati da e verso il sito in barca sul fiume Pripyat – come riportato pubblicamente dall’operatore nazionale Energoatom –dimostra che la situazione presso la centrale nucleare e la zona di esclusione intorno ad essa rimane tutt’altro che normale. Energoatom ha detto che il trasporto fluviale è attualmente l’unico modo per le persone che vivono nella città di Slavutych al di fuori della zona di raggiungere la centrale, dove si trovano impianti di gestione dei rifiuti radioattivi dopo l’incidente del 1986.

“Mentre è molto positivo che le autorità ucraine stiano gradualmente ripristinando il controllo normativo del sito di Chernobyl, è chiaro che rimane molto lavoro per riportare il sito alla normalità”, ha commentato Grossi. “Non appena sarà possibile, guiderò una missione dell’AIEA a Chernobyl per condurre una valutazione radiologica lì, riprendere il monitoraggio remoto dell’impianto e del suo materiale nucleare e consegnare attrezzature, compresi pezzi di ricambio e componenti, per il funzionamento sicuro e protetto. Sono in stretta consultazione con l’Ucraina per fissare una data e organizzare un programma di lavoro per la visita, che dovrebbe avvenire presto”.

La centrale di Zaporizhzhia

L’Ucraina ha anche fornito maggiori informazioni sui danni ai laboratori di analisi del sito per il monitoraggio delle radiazioni, affermando che i locali sono stati distrutti e gli strumenti analitici rubati, rotti o altrimenti disabilitati. L’Ucraina aveva informato l’AIEA già il mese scorso che il Laboratorio centrale di analisi nella città di Chernobyl era stato “saccheggiato” e che non poteva confermare la sicurezza e la protezione dei suoi sistemi. Per quanto riguarda i 15 reattori operativi dell’Ucraina in quattro siti, otto sono attualmente collegati alla rete, tra cui due presso la centrale nucleare di Zaporizhzhya controllata dalla Russia, tre presso la centrale nucleare di Rivne, due presso la centrale nucleare dell’Ucraina meridionale e uno presso la centrale nucleare di Khmelnytskyy. Gli altri sette reattori sono chiusi per una manutenzione regolare o tenuti in riserva.

OnuItalia
OnuItaliahttps://onuitalia.com
Il giornale Italiano delle Nazioni Unite. Ha due redazioni, una a New York, l’altra a Roma.

Articoli Correlati

Rimani Connesso

4,527FansMi piace
7,156FollowerSegui

Ultimi Articoli