8.9 C
New York
mercoledì, Luglio 24, 2024

Covid: OMS, sei paesi africani potranno produrre da soli vaccini a mRNA

GINEVRA, 18 FEBBRAIO – Egitto, Kenya, Nigeria, Senegal, Sudafrica e Tunisia saranno i primi paesi del continente africano a ricevere la tecnologia necessaria per produrre vaccini a mRNA, che si sono dimostrati cruciali per la lotta contro COVID-19: ha detto venerdì il capo dell’Organizzazione Mondiale della Sanità nel corso di una cerimonia ospitata dall’OMS, dal Consiglio Europeo, dalla Francia e dal Sudafrica e alla presenza dei rispettivi Presidenti.

“Nessun altro evento come la pandemia di COVID-19 ha dimostrato che fare affidamento su poche aziende per fornire beni pubblici globali è limitante e pericoloso”, ha dichiarato il direttore generale dell’OMS Tedros Adhanom Ghebreyesus.

La rivoluzionaria tecnologia mRNA insegna alle cellule del corpo come produrre una proteina che innesca una risposta immunitaria, senza utilizzare alcuna componente virale. Nel caso di COVID-19, produce una frazione innocua della proteina spike, avvisando il corpo che deve difendersi dal virus. L’hub globale di trasferimento tecnologico dell’mRNA è stato istituito in Sudafrica lo scorso anno per supportare i paesi a basso e medio reddito nella produzione dei propri vaccini a mRNA, con le procedure operative e il know-how necessari per soddisfare gli standard internazionali.

Tedros Gebreyesus

Istituito principalmente per affrontare l’emergenza COVID-19, l’hub ha il potenziale per espandere la sua capacità anche per altre produzioni, consentendo ai paesi  di decidere e produrre vaccini necessari per affrontare le loro priorità sanitarie. A seconda delle infrastrutture, della forza lavoro e della capacità normativa del paese, l’OMS e i partner lavoreranno per sviluppare una tabella di marcia, organizzare la formazione e fornire supporto per iniziare a produrre i vaccini in proprio, il prima possibile.

“Questa è un’iniziativa che ci permetterà di produrrei nostri vaccini, che… significa rispetto reciproco… investimenti nelle nostre economie… e, in molti modi, restituire a tutto il continente”, ha detto il presidente del Sudafrica Cyril Ramaphosa.

Per garantire che ogni paese crei la capacità di produrre i propri vaccini e tecnologie sanitarie, l’OMS ha istituito un centro di formazione della forza lavoro bioprofessionale per gli Stati interessati alla produzione e alla ricerca scientifica e clinica, che sarà annunciato nelle prossime settimane. Inoltre, le attuali attività dell’OMS a sostegno dei paesi a basso e medio reddito si espanderanno attraverso uno strumento globale che valuta la capacità dei paesi di garantire la qualità, la sicurezza e l’efficacia dei prodotti sanitari. “A medio-lungo termine, il modo migliore per affrontare le emergenze sanitarie e raggiungere la copertura sanitaria universale è aumentare significativamente la capacità di tutte le aree di produrre i prodotti sanitari di cui hanno bisogno, con un accesso equo”, ha detto Tedros.

Libia
Emmanuel Macron

Lo sforzo iniziale è incentrato sulle tecnologie e sui prodotti biologici dell’mRNA, che sono importanti per la produzione di vaccini e possono essere utilizzati anche per altri prodotti, come l’insulina per il trattamento del diabete, i farmaci antitumorali e, potenzialmente, i vaccini per altre malattie prioritarie come la malaria, la tubercolosi e l’HIV. L’obiettivo finale è quello di estendere lo sviluppo di capacità per la produzione nazionale e regionale a tutte le tecnologie sanitarie.

Il presidente francese Emmanuel Macron ha sottolineato che in un mondo interconnesso, nuove collaborazioni più forti tra paesi, partner per lo sviluppo e altri sono importanti “per consentire alle regioni e ai paesi di cavarsela da soli, durante le crisi e in tempo di pace”. “Migliorare i benefici per la salute pubblica, sostenere la sovranità sanitaria africana e lo sviluppo economico sono gli obiettivi principali del rafforzamento della produzione locale in Africa”, ha aggiunto.

OnuItalia
OnuItaliahttps://onuitalia.com
Il giornale Italiano delle Nazioni Unite. Ha due redazioni, una a New York, l’altra a Roma.

Articoli Correlati

Rimani Connesso

4,527FansMi piace
7,156FollowerSegui

Ultimi Articoli