8.9 C
New York
domenica, Luglio 21, 2024

CITES: Higuero, ‘Crimini contro la fauna selvatica sono crimini ambientali’

VIENNA 15 FEBBRAIO – Sono in corso a Vienna i lavori della Commissione per la prevenzione della criminalità e la giustizia penale (CCPCJ) con focus sui reati che incidono sull’ambiente, e nel suo discorso di apertura la segretaria generale della CITES (la Convenzione sul commercio internazionale delle specie rare) Ivonne Higuero, ha messo in evidenza ”l’importanza di affrontare l’argomento dei crimini contro la fauna selvatica come uno dei crimini che influenzano l’ambiente”.
”I crimini ambientali hanno un impatto su tutti noi – ha rilevato Higuero – Questi crimini sono una minaccia per il nostro pianeta perchè distruggono gli habitat portando molte specie all’estinzione. Inoltre minano lo stato di diritto, lo sviluppo, la sicurezza alimentare, la salute umana, i mezzi di sussistenza delle persone e molte altre questioni chiave. Ciò ostacola i progressi verso l’attuazione dell’Agenda 2030 per lo sviluppo sostenibile anche perchè la pandemia di COVID-19 ha posto un nuovo riflettore sullo stato delle nostre relazioni con il pianeta. Dobbiamo affrontare con urgenza le nostre interazioni insostenibili con la natura, anche affrontando i crimini che colpiscono l’ambiente”.‘Migliorare la capacità e l’efficacia dell’intera catena della giustizia penale per affrontare questi crimini contro la fauna selvatica è imperativo – ha sottolineato – Le indagini devono andare oltre i sequestri, prendendo di mira i membri delle reti criminali coinvolte, con conseguenti arresti e procedimenti giudiziari e, infine, portando i criminali davanti alla giustizia. Gli strumenti includono l’avvio di indagini finanziarie, il congelamento e la confisca dei beni acquisiti attraverso guadagni illeciti e la lotta alla corruzione associata alla fauna selvatica e ad altri reati ambientali, per citarne alcuni”.
Secondo la responsabile ”è altrettanto importante riconoscere che la collaborazione e gli sforzi collettivi sono essenziali per affrontare la fauna selvatica e altri crimini ambientali. A livello nazionale ci deve essere un coordinamento tra le agenzie, e a livello regionale e internazionale la cooperazione e il coordinamento tra le controparti delle autorità di diversi paesi sono fondamentali”.

Avorio sequestrato
Avorio sequestrato

Il Segretariato CITES, INTERPOL, UNODC, la Banca Mondiale e l’Organizzazione Mondiale delle Dogane nel 2010 hanno unito le forze sotto l’egida del Consorzio Internazionale per la Lotta contro il Crimine contro la Fauna Selvatica o ICCWC. ”Forniamo agli Stati membri gli strumenti, i servizi, il supporto tecnico e lo sviluppo delle capacità di cui hanno bisogno per combattere i reati contro le specie selvatiche – ha concluso Higuero – Il CCPCJ, in quanto principale organo decisionale delle Nazioni Unite nel campo della prevenzione della criminalità e della giustizia penale, fornisce la piattaforma perfetta per lo svolgimento di queste discussioni. Aiuterà gli Stati membri ad adottare misure politiche e operative adeguate per rispondere e affrontare tali reati”.

OnuItalia
OnuItaliahttps://onuitalia.com
Il giornale Italiano delle Nazioni Unite. Ha due redazioni, una a New York, l’altra a Roma.

Articoli Correlati

Rimani Connesso

4,527FansMi piace
7,156FollowerSegui

Ultimi Articoli