8.9 C
New York
venerdì, Maggio 24, 2024

G20 Green Garden: nel cuore storico di Roma piantati nuovi alberi, simbolo di futuro sostenibile

ROMA, 2 NOVEMBRE – Ci sono 30 nuovi alberi al G20 Green Garden di Roma presso il Parco dell’Appia Antica: durante il summit del G20 che si è concluso domenica a Roma, pale alla mano, il direttore generale della FAO, Qu Dongyu, il ministro della Cultura Dario Franceschini e il sindaco di Roma Roberto Gualtieri hanno partecipato attivamente alla piantumazione delle nuove piante; quasi ad anticipare le decisioni adottate oggi a Glasgow alla COP26 contro la deforestazione nel mondo.

Il Parco dell’Appia Antica

“In questo luogo si unisce il tema dell’ambiente, della crescita sostenibile e della crescita culturale. Nella dichiarazione finale del G20 della cultura è stato sancito il legame strettissimo tra ambiente e cultura e il ruolo della cultura nell’indirizzare il pianeta verso lo sviluppo sostenibile”, ha detto Franceschini. Qu Dongyu, ha auspicato che Roma diventi una città “pulita, verde e bella”. “Grazie per questa iniziativa – è intervenuto Gualtieri -, il ruolo della Fao a Roma è cruciale e noi siamo pronti a cooperare con voi. Vogliamo candidare Roma ad essere protagonista della sostenibilità ambientale, dell’innovazione e della partecipazione“.
Situato all’interno del Parco dell’Appia Antica, il G20 Green Garden è un’iniziativa condivisa da vari partner che è stata lanciata a giugno di quest’anno in occasione della Presidenza italiana del G20. Si tratta di un’esposizione a cielo aperto che celebra la biodiversità, la natura e l’antico patrimonio della città, facendo appello alla solidarietà globale per creare un futuro sostenibile per “People, Planet, Prosperity”, i tre pilastri alla base del G20 italiano.
La cerimonia si è tenuta nell’area del “Bosco Sacro”, e sono intervenuti inoltre Giorgio Marrapodi, Direttore Generale per la cooperazione allo sviluppo del Ministero degli Affari Esteri, oltre alla direttrice del Parco regionale dellAppia Antica Alma Rossi e agli studenti dell’Istituto Agrario di Roma.

Qu, Gualtieri e FRanceschini

”Oggi piantiamo semi per il futuro” ha detto Qu, sottolineando come ”questi alberi rimarranno a ricordo per le nuove generazioni degli impegni presi per contribuire a plasmare un futuro migliore per loro”. Ricordando come anche gli antichi Romani fossero ben consapevoli dell’importanza degli alberi, Qu ha invitato tutti a prendere ispirazione dalla Lex Spoletina, uno degli esempi più antichi di leggi forestali, risalente al terzo secolo A.C. Un cartello esplicativo dell’antica legge è stato installato nell’area del Bosco Sacro e verrà presto sostituito con un calco della stele vera e propria.
Per Franceschini ”il Parco dell’Appia Antica rappresenta una peculiare e preziosa sintesi tra storia, cultura, arte e sostenibilità. Consentire alle nuove generazioni di vivere questi luoghi, con questi insegnamenti, è la via migliore per formare gli abitanti di domani e renderli più consapevoli di un principio per cui non può esserci alcuna prosperità senza sostenibilità”.
Gli alberi piantati nel Bosco Sacro sono stati donati dalla Regione Lazio nell’ambito del progetto Oxygen (Ossigeno), un’iniziativa volta a contrastare i cambiamenti climatici, contenere le emissioni di anidride carbonica (CO2) e tutelare la biodiversità. Il progetto prevede la piantumazione di sei milioni di alberi in tutta la regione.

OnuItalia
OnuItaliahttps://onuitalia.com
Il giornale Italiano delle Nazioni Unite. Ha due redazioni, una a New York, l’altra a Roma.

Articoli Correlati

Rimani Connesso

4,527FansMi piace
7,156FollowerSegui

Ultimi Articoli