8.9 C
New York
venerdì, Luglio 19, 2024

COP26: Aiea a Glasgow per illustrare le soluzioni offerte dall’energia nucleare

VIENNA, 2 NOVEMBRE – L’AIEA partecipa alla COP26 in corso a Glasgow sostenendo la tesi che ”il nucleare è, e sarà, parte della soluzione se vogliamo raggiungere l’obiettivo di limitare il riscaldamento globale al di sotto dei 2 gradi Celsius”, ha detto il direttore generale dell’organizzazione Rafael Mariano Grossi che incontrerà i leader mondiali e ospiterà e parteciperà a eventi e discussioni sulle ‘soluzioni nucleari’ per contribuire a raggiungere gli obiettivi climatici.
“I boschi stanno bruciando, le inondazioni e gli uragani si stanno moltiplicando e le temperature stanno aumentando”, ha detto Grossi. “Ora è il momento di agire, e questa azione deve essere basata sulla scienza e sui fatti. Secondo la migliore scienza dei nostri giorni, l’energia nucleare è parte della soluzione”.
L’AIEA ha recentemente pubblicato rapporti che descrivono in dettaglio il ruolo della scienza e della tecnologia nucleare nell’adattamento ai cambiamenti climatici e dell’energia nucleare nel raggiungimento degli obiettivi dell’accordo di Parigi e dell’Agenda 2030 per lo sviluppo sostenibile. Alla COP26, l’Agenzia presenterà il duplice ruolo del nucleare: contribuire a realizzare un mondo a zero emissioni nette e aiutare ad adattare la gestione dei sistemi agricoli e delle risorse naturali per far fronte alle sfide poste dai cambiamenti climatici.
“L’energia nucleare fornisce più di un quarto dell’energia pulita del mondo”, ha detto Grossi. “Nell’ultimo mezzo secolo, ha evitato il rilascio di oltre 70 giga-tonnellate di gas serra. Senza l’energia nucleare, molte delle più grandi economie del mondo mancherebbero della loro principale fonte di elettricità pulita”. “La COP26 è un’opportunità che non possiamo sprecare”, ha continuato Grossi. “Potrebbe essere una delle nostre ultime migliori opportunità per concordare passi concreti per raggiungere una prosperità sostenibile per tutti. Di fronte al cambiamento climatico, siamo tutti un’unica nazione”. Grossi ha evidenziato alcuni esempi di come le tecniche nucleari vengono applicate per adattarsi alle conseguenze dei cambiamenti climatici, come il monitoraggio e la quantificazione del carbonio, dell’acqua e del movimento dei nutrienti e inducendo la variabilità delle colture per renderle tolleranti alla siccità, alla salinità o ai parassiti.

GLI APPUNTAMENTI

L’AIEA ospiterà e parteciperà a diversi eventi alla COP26,per contribuire a un dibattito informato sui benefici e il ruolo dell’energia nucleare e delle applicazioni che aiutano a raggiungere gli obiettivi climatici, compresi i settori di decarbonizzazione, come l’industria e i trasporti, attraverso la produzione di idrogeno a basse emissioni di carbonio.
Un evento Action Hub giovedì 4 novembre #Atoms4Climate: Dalla crisi energetica a colture migliori, in che modo il nucleare può aiutare ad affrontare le sfide climatiche? , vedrà Grossi discutere con Gillian Tett, autrice e redattrice del Financial Times USA, di come il mondo possa riuscire a superare sia la crisi climatica che la crisi dell’approvvigionamento energetico.
Sempre il 4 novembre, in occasione dell’evento Nuclear Innovation for a Net Zero World, Grossi e i ministri, nonché i leader del settore, discuteranno del ruolo complementare dell’energia nucleare e delle rinnovabili nella transizione verso un futuro a emissioni zero. Esploreranno come la cooperazione internazionale può aiutare nella transizione verso lo zero netto.

Rafael Grossi

Venerdì 5 novembre, il ruolo dei giovani nella transizione net zero e i modi migliori per attirare le giovani generazioni verso la scienza e la tecnologia nucleare saranno affrontati durante l’evento Net Zero World: The Youth Perspective Today & The Future. La vincitrice dell’IAEA Net Zero Challenge presenterà il suo progetto e Grossi annuncerà anche gli stage climatici dell’AIEA.
Un evento in due parti sabato 6 novembre, ‘Contributo della scienza e della tecnologia nucleare all’adattamento ai cambiamenti climatici’, si concentrerà innanzitutto sul ruolo della scienza e della tecnologia nucleare nell’agricoltura intelligente per il clima e nell’adattamento climatico generale. La seconda parte presenterà l’iniziativa Blue Carbon e il lavoro dell’AIEA sull’acidificazione degli oceani.
Martedì 9 novembre, l’Organizzazione meteorologica mondiale (OMM) si unirà all’AIEA for Nuclear Sciences in Climate Studies: Fingerprinting Precipitation Origins Using Isotope Tracers. L’evento metterà in evidenza le tecniche di precisione che le scienze nucleari offrono agli studi sul clima e mostrerà il potere degli isotopi nella valutazione dell’impatto dei cambiamenti climatici sulle risorse idriche e sulle infrastrutture legate all’acqua.
L’AIEA parteciperà infine anche a diversi eventi organizzati da altri partecipanti alla COP, tra cui un evento dell’ospite della COP26, il Regno Unito – The Role of Nuclear Energy in a Net Zero Future. Giovedì 4 novembre, Grossi si unirà a Fatih Birol, segretario esecutivo dell’Agenzia internazionale per l’energia, e Greg Hands, ministro di Stato britannico per le imprese, l’energia e la crescita pulita, per discutere il ruolo dell’energia nucleare nella transizione verso un mix diversificato di energia netta zero che include altre tecnologie a basse emissioni di carbonio come l’eolico e il solare.

OnuItalia
OnuItaliahttps://onuitalia.com
Il giornale Italiano delle Nazioni Unite. Ha due redazioni, una a New York, l’altra a Roma.

Articoli Correlati

Rimani Connesso

4,527FansMi piace
7,156FollowerSegui

Ultimi Articoli