8.9 C
New York
martedì, Luglio 23, 2024

Afghanistan: Save the Children; guerra, carestia e ora lo spettro della fame

ROMA, 27 OTTOBRE – Save The Children si concentra sulla situazione in Afghanistan dove più di 5 milioni di bambini sono a un passo dalla carestia e milioni di giovani vite sono a rischio dal momento che il Paese sta affrontando la peggiore crisi alimentare di sempre. L’inverno è alle porte e 22,8 milioni di persone, tra cui 14 milioni di bambini, saranno vittime di insicurezza alimentare  a livello di emergenza.

A Kabul otto fratelli, 4 maschi e 4 femmine che avevano perso entrambi i genitori, sono morti di fame. Avevano tra i 18 mesi e gli 8 anni. Questo l’allarme lanciato oggi da Save the Children, l’organizzazione internazionale che da oltre 100 anni lotta per salvare le bambine e i bambini a rischio e garantire loro un futuro, che ha analizzato i dati delle Nazioni Unite, secondo i quali in Afghanistan i bambini soffrono la fame ogni giorno di più e le persone che raggiungeranno livelli di fame di crisi o di emergenza aumenteranno del 35% rispetto allo stesso periodo dello scorso anno.
L’impatto combinato di siccità, conflitti e collasso economico ha portato molte famiglie a una situazione critica che le costringe a ricorrere a misure drastiche pur di sopravvivere, vendendo quel poco che è rimasto loro per comprare cibo, mandando i figli a lavorare o dovendosi accontentare di solo pane. Dopo l’aumento dei prezzi, il costo di prodotti alimentari come olio, grano e riso sono aumentati del 55% lo scorso anno, rimanendo fuori dalla portata di molte famiglie che vivono con quasi niente dopo essere state sfollate dalle loro abitazioni o aver perso il lavoro.

Anche prima dei recenti disordini politici, l’Afghanistan era il secondo paese al mondo per i livelli emergenziali di fame e si stima che entro quest’anno la metà dei bambini al di sotto dei 5 anni nel Paese sarà a rischio di malnutrizione acuta e avrà bisogno di trattamenti specifici per poter sopravvivere.

LE TESTIMONIANZE
”Non siamo in una buona situazione e quindi in questi giorni dobbiamo fare affidamento sugli aiuti. Qualche giorno fa abbiamo ricevuto un sacco di farina e abbiamo mangiato quello. Tutto è costoso, non possiamo più comprare farina e olio perché i prezzi sono troppi alti. Mangiamo solo una volta al giorno, a cena. A volte non abbiamo nemmeno quella e andiamo a dormire senza mangiare e la mattina beviamo un tè. Io e mio marito possiamo anche patire la fame ma siamo preoccupati per i nostri figli – piangono perché hanno fame, è una situazione molto difficile” racconta Zarghuna (i nomi sono di fantasia), una donna di 35 anni. Lei e suo marito hanno sei figli di età compresa tra uno e 15 anni e tutta la famiglia ha ricevuto servizi nutrizionali salvavita da Save the Children.

Gul Pari, 35 anni, è madre di quattro figli: un bambino di 9 anni e tre bambine di 4, 7 e 8 anni. Il marito è operaio ma non riesce a trovare lavoro. ”Vorrei che mio marito trovasse un lavoro, così avremmo del cibo per i nostri figli. Abbiamo dovuto ridurre il numero di pasti e la maggior parte delle volte mangiamo solo pane. Quando i bambini piangono perché hanno fame, cerco di trovare del riso o una o due patate da bollire”.

Le squadre sanitarie di Save the Children in Afghanistan stanno fornendo servizi sanitari e nutrizionali salvavita per bambini e madri incinte e in allattamento che soffrono di malnutrizione acuta e grave. L’Organizzazione sta inoltre offrendo consulenze sulle buone pratiche alimentari per proteggere, promuovere e supportare l’allattamento al seno e l’alimentazione complementare per fornire ai bambini cibi diversificati e nutrienti. A settembre i team di Save the Children hanno fornito servizi sanitari e nutrizionali a un totale di 3.527 persone, di cui 978 bambini.
”Sembra che per i bambini afghani non ci sia fine al dolore. Dopo decenni di guerre e sofferenze, ora affrontano la peggiore crisi alimentare dell’Afghanistan. La situazione è già critica – ogni giorno vediamo bambini piccoli nelle nostre cliniche con gravi livelli di malnutrizione perché non mangiano altro se non briciole di pane. Ma quando arriverà l’inverno vedremo bambini più affamati che mai” ha spiegato Chris Nyamandi, direttore regionale di Save the Children in Afghanistan. ”I bambini afghani hanno bisogno dell’aiuto di tutto il mondo per avere anche solo una possibilità di sopravvivere a questa crisi”.

OnuItalia
OnuItaliahttps://onuitalia.com
Il giornale Italiano delle Nazioni Unite. Ha due redazioni, una a New York, l’altra a Roma.

Articoli Correlati

Rimani Connesso

4,527FansMi piace
7,156FollowerSegui

Ultimi Articoli