8.9 C
New York
venerdì, Luglio 12, 2024

G7 Istruzione a Trieste, UNICEF: migliorare la qualità dell’insegnamento e usare l’innovazione

TRIESTE, 28 GIUGNO – Si è aperta ufficialmente oggi la riunione dei ministri dell’Istruzione- G7 Italia 2024 a Trieste.

Il Ministro dell’Istruzione Giuseppe Valditara ha dato il via ai lavori presso il Castello di Miramare, rivolgendosi ai rappresentanti dei paesi membri, dell’Unione Europea, dell’Unione Africana, dell’Ucraina, del Brasile e delle Organizzazioni Internazionali. Il Ministro ha sottolineato il ruolo cruciale dell’istruzione nell’affrontare le sfide globali e nel raggiungere gli obiettivi di crescita sociale ed economica del G7.

Valditara ha evidenziato come l’istruzione sia fondamentale per lo sviluppo dei talenti individuali e per la formazione di cittadini attivi e responsabili. Tuttavia, ha anche riconosciuto le attuali carenze dei sistemi educativi, sottolineando come le condizioni economiche e sociali influenzino ancora in modo significativo il successo scolastico e professionale degli studenti. Il Ministro ha lanciato un appello per un cambiamento di rotta, affermando la necessità di ”ripensare la missione dell’istruzione”. Poi, nel corso del suo intervento, ha proposto di promuovere sistemi che facilitino lo sviluppo del potenziale di ciascuno, senza lasciare indietro nessuno, anche attraverso nuovi percorsi tecnici e professionali.

Da parte sua Catherine Russel Direttrice generale dell’UNICEF ha sottolineato che
”come comunità globale stiamo deludendo centinaia di milioni di bambini nel mondo.
Nel momento in cui ci incontriamo qui oggi, ci sono 250 milioni di bambini fuori dalla scuola – un aumento di 6 milioni dal 2021. Tra questi ci sono 100 milioni di bambini in Africa. Per un bambino questa è una tragedia, per un Paese è una catastrofe generazionale”.
Come Ministri dell’Istruzione, ha continuato Russel,”sapete meglio di chiunque altro che l’istruzione è fondamentale – per ogni bambino ma anche per le comunità e i paesi che aspirano alla produttività, all’ingegno e alla stabilità…Voglio portare la vostra attenzione sulle principali sfide delle ragazze che hanno maggiori probabilità di lasciare la scuola e minori probabilità di ritornarvi dopo interruzioni come conflitti e disastri climatici.
Una volta che queste ragazze vengono abbandonate al matrimonio, al lavoro o ad altre forme di sfruttamento, è molto difficile – se non impossibile – riportarle a scuola.
L’UNICEF è determinato a garantire il diritto all’istruzione per queste ragazze e per tutti ”Cosa dobbiamo fare? – si è chiesta – Vorrei suggerire alcune priorità.
Innanzitutto, dobbiamo migliorare la qualità e l’impatto dell’istruzione. Non basta portare i bambini a scuola…. dobbiamo assicurarci che i bambini imparino davvero.
In secondo luogo, dobbiamo usare l’innovazione e le tecnologie per raggiungere più bambini con l’istruzione di alta qualità – soprattutto le ragazze. Dobbiamo pensare bene a come l’Intelligenza Artificiale ci possa aiutare in questo sforzo.
Istruire i bambini del mondo è un programma ambizioso e richiederà sforzi massicci e coordinati. Come Paesi del G7, avete un ruolo indispensabile da svolgere.
Noi dell’UNICEF e altri membri di questa comunità sappiamo cosa va fatto e sappiamo come farlo con il sostegno dei vostri Governi e di partner come l’Unione Africana, che stanno tracciando la strada”.

OnuItalia
OnuItaliahttps://onuitalia.com
Il giornale Italiano delle Nazioni Unite. Ha due redazioni, una a New York, l’altra a Roma.

Articoli Correlati

Rimani Connesso

4,527FansMi piace
7,156FollowerSegui

Ultimi Articoli