8.9 C
New York
domenica, Luglio 21, 2024

Gaza: rapporto UNCTAD, livello di distruzione richiederà miliardi e decenni per essere invertito

GINEVRA, 2 FEBBRAIO – La Conferenza delle Nazioni Unite per il Commercio e lo Sviluppo (UNCTAD) ha pubblicato un rapporto sul deterioramento sociale ed economico di Gaza dall’inizio dell’operazione militare dopo il 7 ottobre 2023. Il rapporto quantifica la perdita di PIL, i tempi di recupero e gli effetti duraturi sulla povertà e sulla spesa delle famiglie ed evidenzia un livello di distruzione senza precedenti dell’economia della Striscia che richiederà decine di miliardi di dollari e decenni per essere invertito.

Utilizzando immagini satellitari innovative e dati ufficiali, l’UNCTAD stima attualmente che l’economia della Striscia si sia già contratta del 4,5% nei primi tre trimestri del 2023. Tuttavia, l’operazione militare ha accelerato notevolmente il declino, provocando una contrazione del 24% del PIL e un calo del 26,1% del PIL pro capite per l’intero anno.
Se l’attuale operazione militare dovesse terminare immediatamente con l’inizio della ricostruzione e il trend di crescita 2007-2022 dovesse persistere con un tasso di crescita medio dello 0,4%, Gaza impiegherebbe fino al 2092 solo per ripristinare i livelli di PIL del 2022, con un PIL pro capite e condizioni socioeconomiche in continuo declino. Tuttavia, anche nello scenario più ottimistico che prevede una crescita del PIL del 10% annuo, il PIL pro capite di Gaza dovrebbe arrivare al livello pre-blocco del 2006 nel 2035.
La ripresa dell’economia di Gaza dall’attuale operazione militare richiederà un impegno finanziario, pari a diverse volte i 3,9 miliardi di dollari che sono risultati dall’operazione militare del 2014 a Gaza e comporterà uno sforzo internazionale concertato per ripristinare le condizioni socioeconomiche precedenti al conflitto.

L’economia di Gaza
Le condizioni socio-economiche di Gaza erano già disastrose nel 2022 e nella prima metà del 2023, con oltre due milioni di abitanti confinati in uno degli spazi più densamente popolati del mondo che soffrivano di un accesso inadeguato all’acqua potabile, di una sporadica fornitura di elettricità e di un sistema fognario adeguato. Due terzi della popolazione viveva in povertà e il 45% della forza lavoro era disoccupata prima dell’inizio dell’ultima operazione militare.
La valutazione dell’UNCTAD sottolinea che il ripristino delle condizioni socioeconomiche di Gaza prima del conflitto richiederà decenni e un consistente aiuto estero.
A dicembre 2023, la disoccupazione era salita al 79,3%. Nel frattempo, 37.379 edifici – pari al 18% delle strutture totali della Striscia di Gaza – sono stati danneggiati o distrutti dall’operazione militare. La Striscia di Gaza, la cui metà della popolazione è costituita da bambini, è ora quasi inabitabile.

Il Rapporto sottolinea l’urgente necessità di interrompere il ciclo di distruzione economica che ha reso l’80% della popolazione dipendente dagli aiuti internazionali e avverte che il ritorno allo status quo prebellico non è un’opzione.
La possibilità e la velocità della ripresa a Gaza dipenderanno dalla fine dell’operazione militare, dall’impegno dei donatori e dai successivi risultati di crescita. Uno scenario ottimistico suggerisce che, anche con la fine immediata dei combattimenti, per riportare Gaza alle condizioni socioeconomiche che prevalevano prima dello scoppio dell’attuale scontro ci vorrebbero decenni senza un programma di recupero adeguatamente finanziato e pienamente sostenuto dalla comunità internazionale.
La valutazione dell’UNCTAD, tuttavia, avverte che una nuova fase di riabilitazione economica non può semplicemente avere come obiettivo il ritorno allo status quo precedente all’ottobre 2023.
Il circolo vizioso di distruzione e ricostruzione parziale deve essere spezzato.I vincoli economici di Gaza, radicati in 56 anni di occupazione e in un blocco di 17 anni, richiedono una comprensione approfondita e strategie realistiche per sbloccare il suo potenziale di crescita attraverso misure che includono il ripristino dell’aeroporto internazionale di Gaza (oggi inutilizzabile), la costruzione di un porto marittimo e la possibilità per il governo palestinese di sviluppare i giacimenti di gas naturale scoperti negli anni ’90 nel Mar Mediterraneo, al largo delle coste di Gaza, per contribuire al finanziamento della ricostruzione delle infrastrutture. L’UNCTAD sottolinea che la risoluzione della crisi di Gaza richiede la fine dell’operazione militare e la rimozione del blocco, come passo fondamentale verso la realizzazione di una soluzione a due Stati lungo i confini del 1967, in linea con il diritto internazionale e le risoluzioni delle Nazioni Unite in materia.

OnuItalia
OnuItaliahttps://onuitalia.com
Il giornale Italiano delle Nazioni Unite. Ha due redazioni, una a New York, l’altra a Roma.

Articoli Correlati

Rimani Connesso

4,527FansMi piace
7,156FollowerSegui

Ultimi Articoli