8.9 C
New York
lunedì, Maggio 27, 2024

Diritti umani: Myanmar; Italia a Ginevra ammonisce, applicate accordi per pace e rispetto minoranze

GINEVRA, 7 LUGLIO – Nuovo intervento dell’Italia nell’ambito della 53ma sessione del Consiglio Diritti Umani in corso a Ginevra: questa volta il Rappresentante Permanente d’Italia presso le Nazioni Unite e le altre Organizzazioni Internazionali a Ginevra, Ambasciatore Vincenzo Grassi, ha preso la parola durante il Dialogo Interattivo con il Relatore Speciale sulla situazione dei diritti umani in Myanmar, Tom Andrews.

”Siamo profondamente preoccupati per il deterioramento della situazione della sicurezza, umanitaria, dei diritti umani e politica in Myanmar” ha affermato Grassi, esortando le autorità militari del Myanmar a cessare ogni violenza e attacco contro la popolazione, incluse le minoranze etniche e religiose nel Paese, a rilasciare coloro che sono detenuti arbitrariamente, a porre fine ai procedimenti giudiziari politicamente motivati ​​e a favorire un dialogo inclusivo e pacifico.

Profughi Rohingya

Grassi ha poi confermato il sostegno dell’Italia agli sforzi dell’ASEAN e all’impegno dell’Inviato Speciale dell’organizzazione in Myanmar a favore dell’attuazione del ”Five Point Consensus”, un accordo raggiunto nel 2021 che prevede la fine immediata della violenza, il dialogo tra tutte le parti, la nomina di un inviato speciale, l’assistenza umanitaria da parte dell’ASEAN e la possibilità che un inviato speciale dell’ASEAN visiti il Myanmar per incontrare tutte le parti.
È stata inoltre evidenziata la necessità di garantire accesso umanitario a tutte le persone, unitamente al ritorno sicuro, sostenibile, dignitoso e volontario dei rifugiati Rohingya ai loro luoghi di provenienza.

OnuItalia
OnuItaliahttps://onuitalia.com
Il giornale Italiano delle Nazioni Unite. Ha due redazioni, una a New York, l’altra a Roma.

Articoli Correlati

Rimani Connesso

4,527FansMi piace
7,156FollowerSegui

Ultimi Articoli