8.9 C
New York
sabato, Luglio 20, 2024

Odio e disinformazione: Onu e UE insieme per uso corretto delle piattaforme digitali

ROMA, 3 LUGLIO – UE e ONU insieme per discutere di come le nuove norme dell’Unione Europea in materia di social media possano favorire un ambiente digitale più sicuro e aperto all’interno dell’UE e al di fuori di essa,  in un evento dedicato alle parti interessate dal Digital Services Act. I relatori e il pubblico hanno analizzato il significato degli ultimi sviluppi del Digital Services Act dell’UE nel corso di una tavola rotonda moderata da Melissa Fleming, sottosegretario generale delle Nazioni Unite per le comunicazioni globali.

Le piattaforme digitali hanno portato molti benefici, sostenendo le comunità in tempi di crisi, elevando le voci emarginate e aiutando a mobilitare i movimenti globali per la giustizia razziale e la parità di genere. Tuttavia, queste stesse piattaforme digitali vengono utilizzate impropriamente per sovvertire la scienza e diffondere disinformazione e odio a miliardi di persone, alimentando i conflitti, minacciando la democrazia e i diritti umani e compromettendo la salute pubblica e l’azione per il clima. Secondo il Segretario generale delle Nazioni Unite Antonio Guterres, ”la capacità di diffondere disinformazione su larga scala per minare fatti scientificamente accertati rappresenta un rischio esistenziale per l’umanità”.

Durante la tavola rotonda, Fleming ha fatto riferimento al documento programmatico del capo delle Nazioni Unite sull’integrità delle informazioni sulle piattaforme digitali, lanciato all’inizio di questo mese. Questo documento propone un quadro di riferimento per una risposta internazionale concertata alla proliferazione dell’odio e delle menzogne nello spazio digitale attraverso un Codice di condotta. Rivolto a governi, aziende tecnologiche, piattaforme digitali, inserzionisti e altre parti interessate, il documento contiene proposte per rendere lo spazio digitale più sicuro e inclusivo, proteggendo al contempo con forza i diritti umani. Il documento informerà un Codice di condotta per l’integrità delle informazioni sulle piattaforme digitali che le Nazioni Unite stanno sviluppando in vista del ‘Vertice del futuro’ del prossimo anno.

Questo Codice di condotta sarà una risposta forte per uno spazio digitale più umano. Come la legge sui servizi digitali dell’UE, l’approccio dell’ONU cerca di ottenere cambiamenti significativi da parte delle piattaforme, compreso l’impegno ad abbandonare modelli commerciali dannosi, che privilegino invece l’impegno rispetto ai diritti umani, alla privacy e alla sicurezza.  Il Codice di condotta si baserà su ricerche globali e sarà sostenuto da una metodologia rigorosa per la quale le Nazioni Unite stanno coinvolgendo la comunità accademica. Includerà le migliori pratiche a livello nazionale e regionale, nonché soluzioni a prova di futuro per questioni attuali e future, come l’intelligenza artificiale.

”Il Codice di condotta in fase di elaborazione prenderà in considerazione la situazione di ogni Paese del mondo. Non avremo la possibilità di sanzionare le aziende, ma crediamo di avere una grande autorità morale”, ha detto Fleming. I relatori dell’evento hanno concordato sulla necessità di affrontare il problema in modo congiunto e globale da quanti più punti di vista possibile. È un gioco di equilibri proteggere i diritti umani e l’accesso alle informazioni, garantendo al contempo che tutti siano al sicuro dagli effetti pericolosi della disinformazione. ”Dovremmo sentirci tutti molto soddisfatti di questo monumentale atto legislativo che potrebbe spostare l’ago della bilancia sul modo in cui esistiamo sulle piattaforme dei social media”, ha concluso Fleming.

OnuItalia
OnuItaliahttps://onuitalia.com
Il giornale Italiano delle Nazioni Unite. Ha due redazioni, una a New York, l’altra a Roma.

Articoli Correlati

Rimani Connesso

4,527FansMi piace
7,156FollowerSegui

Ultimi Articoli