8.9 C
New York
mercoledì, Luglio 24, 2024

UNHCR: ‘La nostra economia ha bisogno dei rifugiati’, premio Welcome per 167 aziende italiane

ROMA, 26 GIUGNO – Grazie al programma ‘Welcome. Working for Refugee Integration’, 9.300 rifugiati sono stati inseriti nel mercato del lavoro nel 2022: l’UNHCR, l’Agenzia ONU per i Rifugiati, premia con il logo Welcome 167 aziende meritevoli di aver contribuito ad aiutare chi fugge dal proprio paese, chiudendo quindi così, con un bilancio sempre più positivo e incoraggiante, la quinta edizione del programma attraverso il quale, dal 2017 a oggi, sono stati attivati 22 mila percorsi professionali per rifugiati in oltre 520 aziende attive in Italia.

Nato 7 anni fa come un premio da assegnare alle imprese che assumono rifugiati, Welcome rappresenta oggi un modello che mette insieme una pluralità di attori – dalle imprese, alle associazioni della società civile, dalle associazioni di categoria agli Enti Pubblici. Il modello,voluto dall’agenzia dell’Onu, si basa sull’incontro tra le esigenze di recruiting delle imprese e le capacità di individuazione dei profili, di orientamento e di accompagnamento al lavoro delle organizzazioni della società civile.

I numeri di Welcome raccontano la sua crescita costante e il suo impatto positivo. Dallo scorso anno a oggi, sale infatti da 107 a 167 il totale delle imprese premiate e si allarga la loro presenza sul territorio italiano (17 regioni nel 2022 vs 13 nel 2021), mentre aumenta il numero delle grandi aziende coinvolte (58 vs 35 nella scorsa edizione). Passando agli occupati, oltre a una crescita in valore assoluto (9.300 vs 6.900), va rilevato un incremento significativo della percentuale di donne inserite, che salgono dal 10% al 18%. Per quanto riguarda la tipologia di inquadramento professionale, il 93% delle persone assunte ha ottenuto un contratto a tempo determinato, mentre crescono dal 3% al 5% i contratti a tempo indeterminato. Dal punto di vista anagrafico, il 76% delle persone ha un’età compresa tra i 18 e i 35 anni. Nigeria e Pakistan si confermano i Paesi di provenienza prevalenti, mentre sono circa 400 i rifugiati ucraini inseriti.

Tra i settori delle aziende premiate, al primo posto troviamo ‘alloggio e ristorazione’ con il 23% (vs 16% del 2021), davanti a ‘attività manifatturiere’ al 22%, mentre sale al 7% quello delle costruzioni. Tra i fattori che hanno determinato l’assunzione dei rifugiati, al primo posto per il 25% delle aziende c’è la scelta di un ”maggiore impegno verso la comunità e verso i soggetti svantaggiati”. Il 10% delle aziende ha invece scelto di occupare i rifugiati per le loro competenze tecniche (4%) e trasversali (6%), mentre il 4% segnala ”l’indisponibilità di giovani italiani per le mansioni ricercate”.

Cantine Caprai tra i premiati

”Ci sono alcuni fatti concreti alla base del successo di Welcome – ha detto Chiara Cardoletti, Rappresentante dell’UNHCR per l’Italia, la Santa Sede e San Marino. Innanzitutto, le imprese italiane hanno costante bisogno di forza lavoro e tantissimi fra i rifugiati che arrivano nel nostro Paese hanno le competenze che il mercato richiede. Al contempo, in piena sintonia con lo spirito del Global Compact, il mondo delle aziende è sempre più pronto a svolgere un ruolo attivo nel promuovere i percorsi di integrazione ed è ormai pienamente consapevole che i rifugiati portano con sé talenti e abilità che generano sviluppo economico a beneficio di tutta la comunità. La nostra economia e più in generale la società nel suo complesso hanno bisogno del loro contributo, anche nella prospettiva di una maggiore sostenibilità delle politiche sociali, dei sistemi sanitari e delle pensioni”.

Tra i rifugiati presenti in Italia aumenta anche la percentuale di quanti hanno elevati livelli di istruzione e importanti esperienze professionali pregresse che ben rispondono alle esigenze delle aziende che affrontano oggi due grandi sfide: la big resignation e il mismatching del mercato del lavoro.  Il 100% fra le aziende premiate ha dichiarato di voler inserire in futuro beneficiari di protezione internazionale.

In questa quinta edizione, l’UNHCR ha assegnato inoltre il logo We Welcome a 51 cooperative, onlus, fondazioni, associazioni di categoria, sindacati, servizi per il lavoro ed enti locali che, a vario titolo, si sono impegnati per favorire l’inclusione nel mercato del lavoro dei richiedenti asilo e beneficiari di protezione internazionale. Il ruolo delle organizzazioni della società civile a sostegno del programma Welcome si dimostra sempre più rilevante ed è per questa ragione che l’UNHCR ha creato un network – WelcomeNet – che conta oggi 56 associazioni distribuite su tutto il territorio nazionale.

Nelle prossime settimane sarà online la piattaforma Welcome-in-one-click che contribuirà a rafforzare il programma offrendo agli attori coinvolti – rifugiati, aziende e organizzazioni della società civile – uno spazio ulteriore di incontro e collaborazione. L’UNHCR, inoltre, attraverso il programma Welcome vuole cogliere la sfida di costruire i primi corridoi lavorativi – canali di ingresso legali per lavoratori rifugiati – introdotti dalla recente normativa.

Il progetto Welcome. Working for refugee integration è finanziato dal Fondo di Beneficenza Intesa Sanpaolo, realizzato in collaborazione con Fondazione Adecco ed è sostenuto dal Ministero del Lavoro, da Confindustria e dal Global Compact Network Italia.

OnuItalia
OnuItaliahttps://onuitalia.com
Il giornale Italiano delle Nazioni Unite. Ha due redazioni, una a New York, l’altra a Roma.

Articoli Correlati

Rimani Connesso

4,527FansMi piace
7,156FollowerSegui

Ultimi Articoli