8.9 C
New York
venerdì, Maggio 17, 2024

Clima: rapporto ONU-UE, il 2022 record del caldo, ma c’è la buona notizia delle energie alternative

DUBLINO, 20 GIUGNO – Il cambiamento climatico sta chiedendo un grave tributo umano, economico e ambientale in Europa, il continente che si sta riscaldando più rapidamente al mondo. L’anno 2022 è stato segnato da caldo estremo, siccità e incendi. Le temperature superficiali del mare in tutta Europa hanno raggiunto nuovi massimi, accompagnate da ondate di calore marine. Lo scioglimento dei ghiacciai è stato senza precedenti.
E’ quanto indica il Rapporto sullo stato del clima in Europa 2022, il secondo di una serie annuale, prodotto congiuntamente dall’Organizzazione meteorologica mondiale e dal servizio Copernicus Climate Change dell’Unione europea.
Lo studio mostra come l’Europa si sia riscaldata due volte più della media globale dal 1980, con impatti di vasta portata sul tessuto socio-economico e sugli ecosistemi della regione. Nel 2022 l’Europa era di circa 2,3 °C al di sopra della media preindustriale (1850-1900) utilizzata come base per l’Accordo di Parigi sui cambiamenti climatici.
Ma, in un segnale di speranza per il futuro, l’energia rinnovabile ha generato più elettricità del gas fossile inquinante per la prima volta l’anno scorso. L’energia eolica e solare ha generato il 22,3% dell’elettricità dell’Unione europea (UE) nel 2022, superando il gas fossile (20%).
“Per la prima volta, nell’UE è stata generata più elettricità dall’eolico e dal solare che dal gas fossile. L’aumento dell’uso delle energie rinnovabili e delle fonti energetiche a basse emissioni di carbonio è fondamentale per ridurre la dipendenza dai combustibili fossili”, ha affermato il segretario generale dell’OMM, Petteri Taalas. “I servizi climatici svolgono un ruolo chiave nel garantire la resilienza dei sistemi energetici agli shock legati al clima, nella pianificazione delle operazioni e nell’informare le misure per aumentare l’efficienza energetica”, ha ricordato.
La relazione si concentra in particolare sull’energia e sottolinea come condizioni meteorologiche più estreme, tra cui caldo intenso, forti precipitazioni e siccità, abbiano implicazioni crescenti per l’offerta, la domanda e le infrastrutture del sistema energetico europeo.

Il rapporto è stato rilasciato in concomitanza con la Conferenza europea sull’adattamento ai cambiamenti climatici a Dublino, Irlanda, ed è accompagnata da una mappa interattiva della storia. “Lo stress da caldo da record che gli europei hanno sperimentato nel 2022 è stato uno dei principali cause delle morti in eccesso legate alle condizioni meteorologiche in Europa. Sfortunatamente, questo non può essere considerato un evento una tantum o una stranezza del clima. La nostra attuale comprensione del sistema climatico e della sua evoluzione ci informa che questo tipo di eventi fanno parte di un modello che renderà gli estremi di stress da calore più frequenti e più intensi in tutta la regione”, ha affermato Carlo Buontempo, direttore del Servizio sui cambiamenti climatici di Copernicus.

Sulla base delle informazioni contenute nella banca dati sugli eventi di emergenza (EM-DAT), i pericoli meteorologici, idrologici e climatici in Europa nel 2022 hanno provocato 16.365 decessi segnalati e colpito direttamente 156 000 persone. Circa il 67% degli eventi sono stati legati a inondazioni e tempeste, rappresentando la maggior parte dei danni economici totali di circa 2 miliardi di dollari. Molto più gravi, in termini di mortalità, sono state le ondate di calore, che secondo quanto riferito hanno portato a più di 16000 morti in eccesso. “Nel 2022, molti paesi dell’Europa occidentale e sud-occidentale hanno avuto il loro anno più caldo mai registrato. L’estate è stata la più calda mai registrata: le alte temperature hanno esacerbato le gravi e diffuse condizioni di siccità, alimentato violenti incendi che hanno provocato la seconda più grande area bruciata mai registrata e portato a migliaia di morti in eccesso associate al calore “, ha spiegato Taalas.

OnuItalia
OnuItaliahttps://onuitalia.com
Il giornale Italiano delle Nazioni Unite. Ha due redazioni, una a New York, l’altra a Roma.

Articoli Correlati

Rimani Connesso

4,527FansMi piace
7,156FollowerSegui

Ultimi Articoli