8.9 C
New York
mercoledì, Maggio 22, 2024

COSP 16: Locatelli, all’Onu grande interesse per l’Italia

NEW YORK, 16 GIUGNO – La 16ma Conferenza annuale degli Stati parte alla Convenzione ONU sui diritti delle persone con disabilità, a cui per la prima volta il governo italiano ha partecipato in presenza, è stata una grande opportunità di confronto con Ministri e referenti politici di molti Paesi riguardo al tema della disabilità e dell’inclusione. Lo ha detto la Ministro per la Disabilita’ Alessandra Locatelli facendo un bilancio sulla tre giorni di lavori.

“Ho notato particolare interesse per l’Italia da parte di tutti i Paesi, abbiamo ricevuto richieste di incontro per uno scambio proficuo di buone pratiche ispirate dalla Convenzione Onu. L’Italia si può e si deve migliorare, ma credo che il nostro approccio umano possa essere un modello interessante per molti Paesi”, ha detto Locatelli, che dal 13 al 15 giugno ha partecipato a New York alla Conferenza.

LocatelliIl Ministro Locatelli è intervenuta nella seduta plenaria per illustrare il lavoro che l’Italia sta sviluppando per una sempre maggiore inclusione e per la piena attuazione della Legge delega in materia di disabilità. Fondamentale sarà il cambio di prospettiva che insieme è indispensabile fare valorizzando le persone e investendo su ognuno per rendere più forti le nostre comunità, ma anche per migliorare la qualità della vita delle persone, nel rispetto della dignità di tutti. “Siamo tutti Persone – solo Persone. Tutte diverse ma con gli stessi diritti – ha detto il Ministro Locatelli -. E per questo insieme possiamo fare sempre di più, scambiando a vicenda le buone pratiche dei nostri Paesi e promuovendo il diritto di tutti ad una vita dignitosa, attraverso azioni concrete insieme alle associazioni di persone con disabilità e al Terzo settore”.
LocatelliLa conferenza mondiale è stata l’occasione per svolgere incontri bilaterali con vari Paesi quali: Australia, Canada, Finlandia, Francia, Germania, Israele, Libia, Polonia, Regno Unito, Repubblica Democratica del Congo, Stati Uniti, Tunisia e Ungheria.
La delegazione italiana ha organizzato anche due eventi collaterali. Il primo evento, co-sponsorizzato dall’Austria, e moderato dalla Vice Presidente dell’European Disability Forum, al quale ha partecipato anche Inclusion International, è stato dedicato a “Ensuring accessibility and inclusion for persons with disabilities in health and support services. Italy’s DAMA”. Nel corso dell’incontro, il professor Filippo Ghelma, Ricercatore del Dipartimento di Scienze della Salute dell’Università degli Studi di Milano, ha presentato il modello DAMA (Disabled Advanced Medical Assistance, assistenza medica avanzata per persone con disabilità), per la presa in carico e la cura avanzata delle persone con disabilità intellettiva e relazionale nelle strutture sanitarie.
Il secondo evento, dal titolo “Living Independently. The Network Model for persons with autism in adulthood”, è stato realizzato in collaborazione con l’Argentina e Cuba, nonché con il Dipartimento degli affari sociali ed economici delle Nazioni Unite Il professor Roberto Keller, Direttore del Centro Regionale Disturbi Spettro Autistico in Età Adulta, di Torino, ha presentato il modello di rete italiano per la presa in carico delle persone nello spettro dell’autismo in età adulta. All’evento hanno partecipato Mark De Laurentiis per ENAC, l’Ente Nazionale per l’Aviazione Civile, che ha esposto le migliori prassi dedicate alle persone con autismo presso gli aeroporti italiani, Nicola Pintus per il Progetto Filippide che ha presentato le iniziative su sport e autismo, Elena Appiani per LIONS Clubs International che ha illustrato alcuni progetti realizzati a favore delle persone con disturbo dello spettro autistico e la professoressa Michela Fagiolini, professore associato al Boston Children Hospital, Harvard University.
LocatelliUno dei momenti più importanti di queste giornate è stata la riunione preparatoria degli Stati parte dell’Unione Europea alla presenza del Commissario Helena Dalli. “Il Team Europa – ha detto Locatelli – è pronto per lavorare insieme e per rafforzarsi sul tema dell’inclusione e della piena applicazione della Convenzione Onu”. (@OnuItalia)
OnuItalia
OnuItaliahttps://onuitalia.com
Il giornale Italiano delle Nazioni Unite. Ha due redazioni, una a New York, l’altra a Roma.

Articoli Correlati

Rimani Connesso

4,527FansMi piace
7,156FollowerSegui

Ultimi Articoli