8.9 C
New York
sabato, Luglio 20, 2024

UE e IFAD (ONU) insieme per sostenere sistemi alimentari resilienti e sostenibili

ROMA, 4 APRILE – Con una crisi alimentare globale aggravata dalla guerra in Ucraina, dall’intensificarsi dei cambiamenti climatici e dalle economie di molti paesi che sono a rischio di sofferenza del debito, Jutta Urpilainen, Commissario europeo per i partenariati internazionali, e Alvaro Lario, Presidente del Fondo internazionale per lo sviluppo agricolo (IFAD), hanno firmato due accordi per un totale di 70,7 milioni di euro per promuovere la produzione sostenibile di alimenti nutrienti e coltivati localmente e costruire la resilienza dei piccoli agricoltori agli shock climatici ed economici in Africa, nei Caraibi e nel Pacifico.agricolturaGlobal Gateway, l’offerta positiva dell’UE, è un investimento nell’autonomia strategica dei nostri paesi partner. Vogliamo sostenerli nella costruzione dei loro sistemi alimentari attraverso una produzione sostenibile per una migliore resilienza. Questi fondi consentiranno ai piccoli produttori di nutrire le loro famiglie e comunità in modo sostenibile”, ha affermato Urpilainen.I piccoli agricoltori producono un terzo del cibo mondiale e fino al 70% del cibo nei paesi a basso e medio reddito. Con i prezzi globali dell’energia e del cibo che hanno raggiunto livelli senza precedenti, in particolare dall’inizio della guerra in Ucraina, l’inflazione che riguarda il settore alimentare è cresciuta in molti paesi. Inoltre, i piccoli agricoltori sono fortemente colpiti dai cambiamenti climatici e da eventi meteorologici estremi più frequenti e intensi.
“Investire nella costruzione di sistemi alimentari locali produttivi, sostenibili e resilienti è una condizione necessaria per raggiungere una sicurezza alimentare sostenibile a lungo termine”, ha affermato Lario. “Dobbiamo investire per consentire ai piccoli produttori di nutrire le loro famiglie e nazioni in modo sostenibile, avere accesso a finanziamenti e risorse produttive, adattarsi ai cambiamenti climatici e costruire catene del valore alimentari più corte e locali”.africa-agricolturaL’Unione europea fornisce 52,5 milioni di euro all’IFAD nell’ambito del programma “Investire nella resilienza dei mezzi di sussistenza e nella salute del suolo nei paesi ACP”. Promuoverà l’agroecologia e le pratiche agricole sostenibili volte a migliorare e sostenere la fertilità del suolo, un uso più efficiente dei fertilizzanti sintetici e organici, la gestione sostenibile dell’acqua per garantire che i suoli facciano pieno uso dei nutrienti, la produzione di biofertilizzanti locali, l’uso di biodigestori e l’accesso dei piccoli produttori a modelli su misura per le condizioni agroecologiche locali. Le attività saranno implementate in Etiopia, Liberia, Malawi, Mali e Niger, con altri paesi che potrebbero essere aggiunti nel tempo.
Secondo l’Intergovernmental Panel on Climate Change (IPCC), gli eventi meteorologici estremi aumenteranno probabilmente in frequenza e grandezza nei prossimi anni, mettendo i sistemi alimentari globali a maggior rischio di interruzioni, con carenze di approvvigionamento e aumenti dei prezzi inevitabili con ogni nuova crisi. Allo stesso tempo, gli ecosistemi e i suoli saranno sempre più minacciati dai cambiamenti climatici e dall’esaurimento dovuto all’uso eccessivo.
Il numero di persone che affrontano un’insicurezza alimentare acuta è salito da 135 milioni nel 2019 a 345 milioni nel 2022. Si stima che circa 828 milioni di persone siano cronicamente denutrite nel 2022 e quasi 3,1 miliardi di persone non potrebbero permettersi una dieta sana.

OnuItalia
OnuItaliahttps://onuitalia.com
Il giornale Italiano delle Nazioni Unite. Ha due redazioni, una a New York, l’altra a Roma.

Articoli Correlati

Rimani Connesso

4,527FansMi piace
7,156FollowerSegui

Ultimi Articoli