8.9 C
New York
sabato, Luglio 13, 2024

CSW67: MGF; Roccella, Italia in prima linea per sradicare pratiche dannose

NEW YORK, 9 MARZO – L’impegno dell’Italia nella lotta contro ogni forma di violenza e discriminazione nei confronti delle donne è stato ribadito oggi dal Ministro per le Pari Opportunità, Eugenia Roccella, nel corso di un side event co-organizzato dalla delegazione italiana su come porre fine a pratiche dannose come le mutilazioni genitali femminili (MGF) e i matrimoni infantili, precoci e forzati.

“È un dovere che vogliamo perseguire non solo a livello nazionale, ma anche nel quadro della nostra politica estera e della promozione internazionale dei diritti umani”, ha detto Roccella, sottolineando il sostegno dell’Italia, attraverso la sua cooperazione allo sviluppo, alle iniziative multilaterali che mirano all’uguaglianza di genere e ai diversi SDGs e in particolare alla lotta alle MGF: “Il programma congiunto di UNFPA e UNICEF sull’eliminazione delle MGF è un eccellente esempio multilaterale su come promuovere il raggiungimento dell’uguaglianza di genere. Siamo orgogliosi di essere stati tra i donatori di lunga data a sostegno delle sue attività”, ha dichiarato.

Le MGF e i matrimoni infantili sono violazioni dei diritti umani che coinvolgono migliaia di donne e ragazze anche in Italia: “Credo sia fondamentale incoraggiarle a parlare e a denunciare il reato, offrendo alle vittime assistenza e cure. Le MGF sono semplicemente inaccettabili, causano conseguenze fisiche e psicologiche irreparabili che minano l’empowerment delle ragazze e, di conseguenza, uno sviluppo sostenibile dell’intera società. Inoltre, queste pratiche dannose hanno effetti negativi su altri diritti umani e libertà fondamentali, come il diritto all’istruzione, alla salute e alla maternità”.

L’Italia ha partecipato, con un approccio costruttivo ed equilibrato, ai negoziati sulle Risoluzioni biennali sull’eliminazione delle mutilazioni genitali femminili in seno al Consiglio dei Diritti Umani delle Nazioni Unite e alla III Commissione dell’Assemblea Generale delle Nazioni Unite: “È importante affrontare le MGF attraverso iniziative che includano approcci multilivello progettati anche per far leva sui cambiamenti delle norme, sugli stereotipi dannosi e sulle strutture di potere diseguali. Concepire interventi per i singoli individui e per le loro comunità. Un vero approccio trasformativo al problema deriva dal coinvolgimento dei cittadini per costruire una società equa e inclusiva, libera dalla violenza di genere e dalla discriminazione”, ha concluso il Ministro Roccella. (@OnuItalia)

Alessandra Baldini
Alessandra Baldinihttps://onuitalia.com
Alessandra Baldini e’ stata la prima donna giornalista parlamentare per l’Ansa, poi corrispondente a Washington e responsabile degli uffici Ansa di New York e Londra. Dirige OnuItalia.

Articoli Correlati

Rimani Connesso

4,527FansMi piace
7,156FollowerSegui

Ultimi Articoli