8.9 C
New York
lunedì, Luglio 22, 2024

CSW: era digitale e innovazione, dal 6 donne in marcia per uguaglianza di genere ed emancipazione

NEW YORK, 2 MARZO – Nel marzo di ogni anno, attivisti, sostenitori, esperti e governi di tutto il mondo si riuniscono per l’incontro annuale della Commissione per la condizione delle donne (CSW). La 67a sessione CSW, dal 6 al 17 marzo, la prima di persona dal 2019, si riunirà sotto il tema: “Innovazione e cambiamento tecnologico e istruzione nell’era digitale per raggiungere l’uguaglianza di genere e l’emancipazione di tutte le donne e le ragazze”.
Organizzato a New York, CSW è il più grande raduno di femministe, accademici, funzionari governativi e responsabili politici per fare il punto sui progressi dell’uguaglianza di genere, rinnovare il fine collettivo e tracciare una nuova tabella di marcia per il futuro.La Commissione consiste in un’ampia gamma di riunioni e impegni con le parti interessate, tra cui gruppi di esperti, dialoghi interattivi, tavole rotonde ministeriali, interventi per i giovani e contributi critici da parte di esperti sostanziali. E ogni anno CSW è un momento straordinariamente fruttuoso e fortificante per le femministe di tutto il mondo.
La prima Commissione risale al 1947, appena due anni dopo la fondazione delle Nazioni Unite, quando un gruppo di 15 donne in rappresentanza dei governi di tutto il mondo si riunì a New York per iniziare a costruire le basi giuridiche internazionali dell’uguaglianza di genere.
Queste donne leader e pioniere hanno intrapreso progetti per aumentare la consapevolezza globale delle questioni femminili e cambiare la legislazione discriminatoria. Ad esempio, la Commissione ha contribuito alla stesura della Dichiarazione universale dei diritti dell’uomo, ha contestato i riferimenti agli “uomini” come sinonimo di umanità e ha negoziato un linguaggio più inclusivo di genere. Ha redatto le prime convenzioni internazionali sui diritti politici delle donne, i diritti delle donne nel matrimonio, il diritto alla parità di retribuzione per lo stesso lavoro e altro ancora.Nei decenni successivi, la Commissione ha organizzato quattro conferenze mondiali sulle donne, ha istituito diversi uffici delle Nazioni Unite dedicati a vari aspetti dei diritti delle donne (che si sono fusi per formare UN Women nel 2011) e si è impegnata perchè le questioni femminili fossero considerate centrali per le politiche internazionali di sviluppo. Fin dall’inizio di CSW, sono stati compiuti grandi progressi per scardinare alcune posizioni tradizionali. Tuttavia, le donne e le ragazze di tutto il mondo continuano ad affrontare oneri sproporzionati, pregiudizi di genere e discriminazioni sistematiche, che ostacolano l’autonomia, impediscono l’accesso alla giustizia e ostacolano i diritti umani fondamentali.
A livello globale, l’uguaglianza di genere è ancora lontana; le stime dicono che ci vorranno fino a 286 anni per colmare le lacune giuridiche e rimuovere le leggi discriminatorie, 140 anni per le donne per essere rappresentate equamente in posizioni di potere e leadership sul lavoro e almeno 40 anni per raggiungere una rappresentanza paritaria nei parlamenti nazionali. Alla fine del 2022, si stima che circa 383 milioni di donne e ragazze vivano in condizioni di estrema povertà. E ogni 11 minuti, una donna o una ragazza viene uccisa da qualcuno della sua stessa famiglia.
Mentre il mondo affronta crisi globali che si intersecano, tra cui la pandemia di COVID-19, la crisi inflattiva, l’acuirsi dei conflitti armati e i cambiamenti climatici, le donne e le ragazze stanno subendo impatti diversi e sproporzionati. Le donne hanno perso circa 800 miliardi di dollari di reddito nel 2020 a causa della pandemia e la loro partecipazione ai mercati del lavoro è inferiore rispetto a prima della pandemia.
In linea con il tema di quest’anno della tecnologia e dell’innovazione per l’empowerment delle donne e delle ragazze, CSW67 è un momento chiave per fare il punto sul progresso tecnologico e garantire che il suo rapido progresso non stia lasciando indietro donne e ragazze. Ora è il momento di adottare un approccio umano-centrico alla digitalizzazione e garantire che i principi femministi di inclusione e intersezionalità siano forze guida nell’innovazione tecnologica.CSW prevede un’agenda piena sia per le sessioni ufficiali che per gli eventi collaterali.
La mattina del 6 marzo 2023 la Commissione aprirà la sessione, eleggerà i funzionari e inizierà a discutere di come l’innovazione, la tecnologia e l’istruzione nell’era digitale possano e debbano essere strumenti per l’emancipazione delle donne.
Nei prossimi giorni, esamineranno le migliori pratiche e politiche per: affrontare il divario digitale di genere, promuovere l’istruzione nell’era digitale, promuovere l’innovazione inclusiva e il cambiamento tecnologico per l’emancipazione di donne e ragazze e creare spazi online sicuri e inclusivi. Per la prima volta quest’anno, CSW coinvolgerà i giovani a partecipare pienamente ai dialoghi con i decisori, aprendo lo spazio affinché le loro voci siano ascoltate ai massimi livelli e gli input si riflettano nel risultato.
In concomitanza con la sessione della Commissione, gli Stati membri, le organizzazioni delle Nazioni Unite e le ONG ospiteranno centinaia di eventi collaterali per riunirsi su questioni critiche relative alla parità di genere e una varietà di argomenti tra cui l’uso della tecnologia e dell’innovazione per accelerare il progresso per donne e ragazze, i diritti e l’accesso digitale delle donne, la partecipazione dei giovani negli spazi tecnologici e altro ancora.

OnuItalia
OnuItaliahttps://onuitalia.com
Il giornale Italiano delle Nazioni Unite. Ha due redazioni, una a New York, l’altra a Roma.

Articoli Correlati

Rimani Connesso

4,527FansMi piace
7,156FollowerSegui

Ultimi Articoli