8.9 C
New York
venerdì, Maggio 24, 2024

Terremoto: Guterres lancia appello per la Siria, 400 milioni di dollari e intero sistema Onu mobilitato

ROMA, 20 FEBBRAIO – Le Nazioni Unite hanno lanciato un appello umanitario da 397 milioni di dollari per aiutare la Siria in seguito al disastro causato dal terremoto del 6 febbraio. ”L’impegno per la Siria riunisce l’intero sistema dell’ONU e dei suoi partner umanitari e aiuterà a garantire il soccorso vitale di cui c’è disperatamente bisogno a quasi cinque milioni di siriani, tra cui rifugio, cure mediche, cibo e protezione” ha detto il  Segretario Generale delle Nazioni Unite, Antonio Guterres.
Questo dovrebbe garantire alle persone con i bisogni umanitari più urgenti assistenza per un periodo iniziale di tre mesi, fino a maggio. Il Segretario Generale ha precisato che un appello simile sta per essere definito anche in favore dei sopravvissuti in Turchia, lungo il confine.
Decine di migliaia di persone sono rimaste uccise o ferite in seguito al disastro e migliaia di edifici, tra cui anche scuole e ospedali, sono stati distrutti. Milioni di persone in tutta la regione stanno lottando per la sopravvivenza, senza un tetto e a temperature bassissime.
”Sappiamo che gli aiuti essenziali non stanno arrivando alla velocità e nella misura necessaria. L’entità di questo disastro è tra le più gravi degli ultimi anni”ha rilevato Guterres..
Uno stanziamento regionale del Fondo Centrale per la Risposta alle Emergenze (CERF) di 25 milioni di dollari è stato annunciato il 7 febbraio, seguito, tre giorni dopo, dall’annuncio di un secondo stanziamento di uguale importo, specifico per la Siria. Sono però necessari e urgenti altri finanziamenti, per evitare un’ulteriore degenerazione della situazione umanitaria.
”Lancio un messaggio urgente per la comunità internazionale: la sofferenza umana causata da questo epico disastro naturale non deve essere peggiorata da ostacoli di natura umana, come problemi di accesso, finanziamenti e approvvigionamenti”, ha puntualizzato Guterres.
La fornitura di servizi pubblici (acqua, elettricità, riscaldamento e servizi sociali), che era già in difficoltà prima del terremoto, è ora sottoposta a un grande stress e l’accesso delle persone alle cure mediche d’urgenza è limitato a causa del sovraffollamento degli ospedali. La mancanza di carburante, macchinari e attrezzature pesanti è un altro problema di grande rilevanza e un ostacolo agli sforzi per raggiungere velocemente chi ne ha più bisogno.
”Esorto gli Stati Membri e non solo, a finanziare completamente questo impegno in tempi rapidi e aiutare così i milioni di bambini, donne e uomini le cui vite sono state stravolte da questo disastro. Questo è il momento di essere uniti, di mettere in campo un’umanità comune e un’azione collettiva”, ha ammonito ancora il segretario generale.

OnuItalia
OnuItaliahttps://onuitalia.com
Il giornale Italiano delle Nazioni Unite. Ha due redazioni, una a New York, l’altra a Roma.

Articoli Correlati

Rimani Connesso

4,527FansMi piace
7,156FollowerSegui

Ultimi Articoli