8.9 C
New York
sabato, Maggio 25, 2024

Dialogo sull’acqua di Roma: FAO, entro 2050 fabbisogno idrico crescerà del 35%

ROMA, 30 NOVEMBRE – A meno che non si trovi un modo per gestire in maniera sostenibile le risorse idriche sottoposte a stress del pianeta, entro la metà del secolo avremo bisogno di oltre un terzo di acqua in più per produrre il cibo necessario per sfamare la popolazione in crescita nel mondo. È questo il messaggio scaturito dal ‘Dialogo sull’acqua di Roma’, organizzato dalla FAO in vista della Conferenza delle Nazioni Unite sull’acqua in programma il prossimo anno.

Scopo del Dialogo quello sensibilizzare l’opinione pubblica sul ruolo dell’acqua nel conseguimento degli Obiettivi di sviluppo sostenibile (OSS), allacciando legami più stretti tra il settore idrico e il settore agricolo, che è il principale consumatore di acqua, elaborare soluzioni e azioni innovative per il futuro e discutere la tabella di marcia nazionale in ambito idrico, vale a dire l’approccio adottato da ciascun paese per conseguire gli impegni globali e gli OSS sul proprio territorio.FAO Headquarters foto FAO

Entro il 2050, la produzione mondiale di cibo, fibre e mangimi dovrà aumentare del 50% rispetto al 2012, per poter rispondere alle esigenze crescenti. Se si proseguirà su questa strada, ci sarà bisogno di almeno il 35 percento di acqua dolce in più”, ha annunciato il Direttore Generale della FAO, QU Dongyu, sottolineando che ”la gestione integrata delle risorse idriche è una priorità mondiale per la FAO”

Le risorse idriche sottoposte a pressioni senza precedenti

I cambiamenti climatici stanno esercitando una pressione senza precedenti sulle preziose risorse idriche mondiali. Stando ai dati della FAO, attualmente 2,3 miliardi di persone vivono in paesi soggetti a stress idrico; di queste, più di 733 milioni di persone, pari a circa il 10 percento della popolazione mondiale, vive in paesi ad alto e critico rischio di stress idrico. Quest’anno, gli effetti del clima sulle risorse idriche sono stati evidenti, con inondazioni e siccità record in molti altri Stati e regioni.

L’agricoltura fa affidamento sull’acqua ed è responsabile del 72 percento dei prelievi globali di acqua dolce, insieme ad altri settori economici; l’acqua è quindi una risorsa essenziale per l’Agenda 2030 per lo sviluppo sostenibile. Nonostante la crescente consapevolezza dell’importanza dell’acqua per l’agricoltura e lo sviluppo sostenibile, la FAO ha più volte messo in luce la necessità di azioni più efficaci, integrate e coordinate. In preparazione della Conferenza ONU sull’acqua del 2023, si sono tenuti vari eventi importanti, tra cui il nono Forum mondiale sull’acqua, nel marzo 2022, la seconda Conferenza internazionale di alto livello sul Decennio internazionale d’azione sul tema ”L’acqua per lo sviluppo sostenibile 2018-2028”, nel giugno 2022, il Forum politico di alto livello e il Dialogo sull’acqua di Ginevra, nel luglio 2022.

Il Dialogo sull’acqua di Roma è un altro importante evento che concorre a questo processo. Se, da un lato, occorre coinvolgere in tale iniziativa tutte le parti interessate, tra cui governi, organizzazioni internazionali, la società civile, il settore privato e la comunità accademica, dall’altro, alla luce dell’attuale crisi globale dei fertilizzanti e di una potenziale crisi alimentare, è necessaria un’attenzione speciale alla sicurezza alimentare e alla sussistenza delle popolazioni povere e vulnerabili, compresi i piccoli agricoltori, senza lasciare nessuno indietro.

Per comprendere in che modo le risorse idriche possono essere usate in vari settori per conseguire gli obiettivi sociali, economici e ambientali nazionali, i singoli paesi possono integrare le risorse idriche in maniera decisa, coerente ed esplicita tra le priorità delle loro strategie e politiche di sviluppo sostenibile e dei loro piani di investimento. In tale prospettiva, come proposto dalla FAO e approvato nella Dichiarazione di Dushanbe, strumenti quali un dialogo sull’acqua a livello nazionale e tabelle di marcia nazionali sull’acqua o altre strategie concorreranno a rafforzare il coordinamento intersettoriale per la gestione sostenibile delle risorse idriche e ad accelerare l’attuazione dell’Agenda 2030.

OnuItalia
OnuItaliahttps://onuitalia.com
Il giornale Italiano delle Nazioni Unite. Ha due redazioni, una a New York, l’altra a Roma.

Articoli Correlati

Rimani Connesso

4,527FansMi piace
7,156FollowerSegui

Ultimi Articoli