8.9 C
New York
sabato, Luglio 20, 2024

COP27: giovani occupano per protesta sale, ‘Grandi inquinatori paghino loro debito ecologico’

SHARM EL SHEIKH, 11 NOVEMBRE – “Il nostro futuro ci viene rubato!”: armati di striscioni, cartelli, megafoni e soprattutto di testimonianze strazianti sostenute da fatti scientifici ed economici, decine di giovani hanno occupato le sale della COP27 – in corso in Egitto –  per chiedere che i negoziatori affrontino la questione delle perdite e dei danni a causa dei cambiamenti climatici. Per ‘Perdite e danni’ ci si riferisce ai costi sostenuti dai paesi che hanno contribuito meno al cambiamento climatico ma stanno sopportando il peso maggiore dei suoi impatti, come l’innalzamento del livello del mare e eventi meteorologici estremi sempre più comuni.

“Ci sono catastrofi climatiche e distruzione, e il mio paese finisce per prendere in prestito denaro dal Fondo monetario internazionale e dalla Banca mondiale per affrontare le conseguenze … I nostri paesi non possono svilupparsi a causa dei costi della crisi climatica“, ha detto un giovane attivista africano durante una delle tante proteste che si sono svolte al Tonino Lamborghini International Conference Centre di Sharm el Sheikh. “Il futuro ci viene rubato! Questa è un’ingiustizia!”, ha detto.

I giovani attivisti protestano chiedendo ai leader di affrontare la loro responsabilità; attualmente, paesi in via di sviluppo come il Pakistan, il Bangladesh e un buon numero di nazioni africane, sono costretti a pagare costi molto elevati per riprendersi dai disastri indotti dal clima, e i giovani credono che sia tempo che i grandi inquinatori paghino il loro debito ecologico.

“Questo è un problema che è stato messo da parte COP dopo COP. Il fatto che quest’anno ci troviamo in un paese africano è molto significativo. È un fatto scientifico che i paesi con meno risorse economiche e con quasi nessuna responsabilità per le emissioni sono quelli che finiscono per soffrire di più. Si tratta di riparazione e giustizia sociale”, ha spiegato Bruno Rodriguez, giovane attivista argentino.

I giovani hanno spiegato di volere l’istituzione di una struttura di finanziamento delle perdite e dei danni che possa fornire finanziamenti aggiuntivi e facilmente accessibili per aiutare le nazioni in via di sviluppo ad adattarsi e limitare gli “impatti irreversibili che cambiano la vita sui giovani”.  “Non vogliamo prestiti; Non vogliamo più debito. Che gli Stati paghino ora per perdite e danni”, è stato il messaggio di un attivista delle Filippine.

Il rapporto annuale 10 New Insights in Climate Science, che, come indica il nome, fornisce una sintesi concisa dei risultati più urgenti sulla ricerca relativa ai cambiamenti climatici per informare i negoziati COP, ha anche evidenziato l’importanza di affrontare perdite e danni, definendolo un “imperativo planetario urgente”.

Durante la pubblicazione del rapporto, che ha coinciso con la “Giornata della gioventù e della scienza” alla COP27, gli scienziati hanno sottolineato che le perdite e i danni si stanno già verificando e aumenteranno significativamente in base agli attuali modelli di traiettoria. Il documento di approfondimenti, compilato dal Programma di ricerca sul clima e sostenuto dalle Nazioni Unite sui cambiamenti climatici (UNFCCC), sottolinea inoltre che molte di queste conseguenze non possono essere evitate con semplici misure di adattamento e che agire rapidamente per ridurre le emissioni è imperativo.

“Il rapporto afferma che il potenziale di adattamento ai cambiamenti climatici non è illimitato e ciò non impedirà tutte le perdite e i danni che possiamo vedere ora”, ha dichiarato il capo dell’UNFCCC Simon Stiell.  Per gli autori del rapporto, la realtà che decine di migliaia di persone stanno morendo a causa degli impatti dei cambiamenti climatici in questo momento, deve essere al centro dei negoziati.  Hanno anche sottolineato che oltre tre miliardi di persone abiteranno i “punti caldi di vulnerabilità” – aree con la più alta suscettibilità ad essere influenzate negativamente dai rischi causati dal clima – entro il 2050, il doppio di oggi. Alcune delle altre intuizioni nel rapporto includono avvertimenti che la migrazione climatica, i rischi per la salute e le questioni di sicurezza nazionale sono in aumento a causa dei cambiamenti climatici.

 

OnuItalia
OnuItaliahttps://onuitalia.com
Il giornale Italiano delle Nazioni Unite. Ha due redazioni, una a New York, l’altra a Roma.

Articoli Correlati

Rimani Connesso

4,527FansMi piace
7,156FollowerSegui

Ultimi Articoli