8.9 C
New York
martedì, Luglio 23, 2024

Ucraina: riunione d’emergenza del Consiglio di sicurezza Onu, immediata cessazione ostilità

NEW YORK, 22 FEBBRAIO – Con “grande preoccupazione e tristezza”, la sottosegretaria generale dell’Onu per gli affari politici e la pace, Rosemary DiCarlo, ha aperto la riunione urgente del Consiglio di sicurezza sulla situazione in Ucraina. “Il rischio di un grande conflitto è reale e deve essere prevenuto a tutti i costi”, ha detto DiCarlo, ricordando che la decisione della Russia di riconoscere l’indipendenza di alcune aree delle regioni di Donetsk e Luhansk “in violazione dell’integrità territoriale e della sovranità dell’Ucraina” rischia di avere ripercussioni regionali e globali.

“Ci rammarichiamo anche dell’ordine di schierare truppe russe nell’Ucraina orientale, secondo quanto riferito in una ‘missione di mantenimento della pace'”, ha aggiunto, ricordando che in precedenza  era stato emesso l’ordine di “un’evacuazione di massa dei  civili di Donetsk e Luhansk nella Federazione Russa“.

La responsabile dell’Onu  ha anche definito preoccupante l’escalation di bombardamenti attraverso la linea di contatto, che secondo quanto riferito ha portato a un certo numero di vittime. Ha poi citato la Missione speciale di monitoraggio dell’OSCE che ha contato  3.231 violazioni del cessate il fuoco nell’area del Donbas dal 18 al 20 febbraio: 1.073 violazioni del cessate il fuoco, tra cui 926 esplosioni nella regione di Luhansk e 2.158 violazioni del cessate il fuoco, tra cui 1.100 esplosioni, nella regione di Donetsk. “Ricordiamo a tutte le parti coinvolte le loro responsabilità ai sensi del diritto internazionale umanitario e della tutela dei diritti umani“, ha sottolineato l’alta funzionaria delle Nazioni Unite rilevando che “tra i rischi e le incertezze attuali, è ancora più importante perseguire il dialogo“.

“I civili e le infrastrutture civili devono essere protetti e le azioni e le dichiarazioni che possono peggiorare la situazione devono essere evitate”, ha affermato, descrivendo come “critici”, le prossime ore e giorni”.

In una dichiarazione rilasciata dal portavoce Stephane Dujarric,infine, il capo delle Nazioni Unite Antonio Guterres ha chiesto una ”soluzione pacifica del conflitto nell’Ucraina orientale, in conformità con gli accordi di Minsk, come approvato dal Consiglio di sicurezza nella risoluzione 2202 del 2015″. Il Segretario Generale dell’Onu esorta tutti gli attori interessati a concentrare i loro sforzi per “garantire l’immediata cessazione delle ostilità, la protezione dei civili e delle infrastrutture civili, prevenire qualsiasi azione e dichiarazione che possa ulteriormente intensificare la pericolosa situazione in Ucraina e nei dintorni e dare priorità alla diplomazia per affrontare tutte le questioni in modo pacifico”.

 

OnuItalia
OnuItaliahttps://onuitalia.com
Il giornale Italiano delle Nazioni Unite. Ha due redazioni, una a New York, l’altra a Roma.

Articoli Correlati

Rimani Connesso

4,527FansMi piace
7,156FollowerSegui

Ultimi Articoli