8.9 C
New York
sabato, Luglio 13, 2024

Rifugiati: inviata UNHCR Angelina Jolie con i profughi venezuelani in Colombia

MAICAO, 13 GIUGNO – L’attrice americana Angelina Jolie, inviata speciale dell’Unhcr ha compiuto in occasione della Giornata mondiale dei rifugiati una visita di due giorni in Colombia, per valutare l’impatto umano di un esodo dal Venezuela le cui proporzioni continuano ad aumentare. Davanti alla situazione di più di 4 milioni di venezuelani in esilio,  Jolie ha lanciato un appello per un’accresciuta leadership, più umanità e maggior supporto ai paesi che subiscono maggiormente le conseguenze della crisi.

.

”Per milioni di venezuelani è questione di vita o di morte” ha dichiarato durante la conferenza stampa tenutasi al Centro di Attenzione Integrale di Maicao, in Colombia. ”Non è possibile attribuire un valore al sostegno che Colombia, Perù ed Ecuador stanno fornendo al popolo venezuelano, perché è questo il fondamento dell’essere umano….oggi, nel mondo, abbiamo più che mai bisogno di umanità, e di persone che non hanno paura di assumersi responsabilità e di dare prova di leadership”.
Questa in Colombia è stata la sessantacinquesima missione di Angelina Jolie con l’UNHCR, l’Agenzia ONU per i Rifugiati, a partire dal 2001, e qui è stata raggiunta da Kelly Clements, Vice Alto Commissario dell’Agenzia, che aveva appena trascorso tre giorni con i rifugiati colombiani in Ecuador.

Mentre parlava con igiornalisti, Angelina Jolie si trovava a meno di dieci chilometri dal confine, in un centro che accoglie i rifugiati venezuelani fino a un massimo di 30 giorni. Conosciuto come ‘Centro di Attenzione Integrale’, ospita 350 persone particolarmente vulnerabili e fornisce loro riparo, cibo, assistenza legale, attività per bambini, valutazioni mediche e supporto psicosociale.
Il centro è stato aperto a marzo dall’UNHCR e dal governo colombiano, ma i piani per incrementarne la capacità di accoglienza fino a 1.400 persone sono bloccati per via di un deficit di finanziamenti pari al 79 per cento del totale, cosa che ha rallentato la risposta umanitaria nell’intera regione, mettendo a rischio milioni di persone.
Prima ancora Jolie aveva incontrato il Presidente colombiano Iván Duque a Cartagena, occasione in cui ha espresso la sua gratitudine nei confronti del governo e del popolo colombiano per aver risposto alla crisi venezuelana con ”una generosità davvero straordinaria”, soprattutto perché allo stesso tempo impegnati a realizzare un progetto di pace dopo cinque decenni di violenze all’interno del paese.
Angelina Jolie aveva iniziato la visita venerdì in un centro a Riohacha dove sono accolti giovani colombiani e venezuelani che hanno subito abusi sessuali o che sono stati vittime di tratta, un pericolo che molti giovani devono affrontare durante i loro spostamenti in questa regione di confine, una delle più povere della Colombia

L’attrice ha inoltre visitato Brisas del Norte, un insediamento informale che accoglie centinaia di famiglie colombiane e venezuelane. I colombiani sono ex-rifugiati che hanno fatto ritorno al loro paese per fuggire dalla crisi politica ed economica che oggi attanaglia il Venezuela, lo stesso motivo che oggi costringe i venezuelani a cercare rifugio in Colombia.

Maria Novella Topi
Maria Novella Topihttps://onuitalia.com
Maria Novella Topi è stata a lungo capo servizio della Redazione Esteri dell'Ansa. Tra le sue missioni l'Albania (di cui ha seguito per l'agenzia la caduta del comunismo e le successive rivolte), l'Iraq e la Libia. Ha lavorato per lunghi periodi nell'ufficio di corrispondenza di Parigi. Collabora da Roma a OnuItalia.

Articoli Correlati

Rimani Connesso

4,527FansMi piace
7,156FollowerSegui

Ultimi Articoli