8.9 C
New York
venerdì, Luglio 12, 2024

Sudan: appello ong; ”la situazione è catastrofica, l’Italia rilanci le trattative di pace”

ROMA, 11 LUGLIO –  ”Siamo qui per accendere i riflettori sul Sudan, un paese in cui è in corso una catastrofe umanitaria e dimenticato dai più”: lo ha detto Marco Impagliazzo, presidente della Comunità di Sant’Egidio, alla conferenza stampa dedicata alla gravissima emergenza umanitaria in Sudan,  cui sono intervenuti anche Vittorio Oppizzi, responsabile dei programmi in Sudan di Medici Senza Frontiere, Pietro Parrino, direttore del Dipartimento Progetti di Emergency, Suor Ruth del Pilar Mora, consigliera per le Missioni delle suore salesiane e padre Angelo Giorgetti, economo generale dei Missionari Comboniani.
”Chiediamo al governo italiano, vista la presidenza del G7 e l’impegno di un nuovo interesse verso l’Africa attraverso il Piano Mattei, una ripresa dei negoziati per un cessate il fuoco immediato”, ha spiegato  Impagliazzo, che ricordando gli aiuti già portati in alcune aree di crisi della regione, ha sollecitato anche ”un accesso umanitario senza restrizioni per rispondere ai civili che soffrono la fame”.
”Il Sudan è nella più grande crisi della sua storia, una guerra civile che ha seguito due colpi di stato e un lungo periodo di instabilità. Si usa l’aviazione e l’artiglieria pesante persino nella capitale Khartoum. Una larga parte della popolazione è dovuta fuggire: su circa 47 milioni di abitanti, quasi dieci milioni sono gli sfollati interni, due quelli nei paesi limitrofi, soprattutto in Egitto e Ciad. Per questo è essenziale rilanciare il negoziato”, ha concluso Impagliazzo, ricordando la presenza a El Obeid di una sede della Comunità di Sant’Egidio.
“In Sudan stiamo aprendo nuovi centri nutrizionali; nei giorni scorsi è accaduto anche in un’area rurale del Darfur occidentale: la struttura si è riempita in un giorno solo e abbiamo dovuto subito aggiungere letti” ha raccontato Vittorio Oppizzi: “Solo nella capitale i combattimenti hanno avuto un impatto su sette milioni di persone”, ha denunciato. “Khartoum ora è una città fantasma”. Oppizzi riferisce che proprio la settimana scorsa Msf ha dovuto sospendere le proprie attività in un ospedale a Khartoum, per la situazione che si era venuta a creare.
Le missionarie salesiane restano a Khartoum nonostante la guerra e sono anche testimoni dell’aumento del numero delle persone rifugiate che dal Nord si dirigono in Sud Sudan. Lo ha sottolineato suor Ruth del Pilar Mora, consigliera dell’Istituto delle figlie di Maria ausiliatrice: “Volevamo continuare a stare al fianco della popolazione, in particolare sul piano educativo: gestivamo una scuola informale che prima del conflitto era frequentata da 700 bambini. Ora restano 110 persone: due volte siamo stati colpiti direttamente dai bombardamenti e così non tutti gli spazi abitativi si possono usare”.
In Sudan ”c’è una generazione di bambini e adolescenti che da oltre un anno è al di fuori di ogni tipo di scuola e di ogni possibilità di formazione” ha spiegato padre Giorgetti, per 16 anni missionario nel Paese: “Ci troviamo di fronte a una situazione complicata. Le nostre tre comunità a Khartoum sono state tutte evacuate perché in si trovavano in posizioni molto centrali, fin dall’inizio terreno di combattimenti diretti: l’intera popolazione è fuggita da quelle zone”. I comboniani non hanno però lasciato il Paese, terra di missione sin dal XIX secolo.
”In mezzo a grandi difficoltà siamo riusciti comunque ad operare 11mila persone”, racconta Pietro Parrino, direttore del Dipartimento progetti di Emergency. ”A Khartoum, capitale in gran parte svuotata dei suoi abitanti manca l’elettricità e quindi anche altri beni essenziali come l’acqua che viene presa solo da pozzi superficiali. Scarseggia il cibo sano e le forze in campo ostacolano il passaggio degli aiuti umanitari. Ma è importante restare per continuare a curare chi è in pericolo di vita”.

OnuItalia
OnuItaliahttps://onuitalia.com
Il giornale Italiano delle Nazioni Unite. Ha due redazioni, una a New York, l’altra a Roma.

Articoli Correlati

Rimani Connesso

4,527FansMi piace
7,156FollowerSegui

Ultimi Articoli